Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Quinto conto energia

20 novembre 2012

Quinto conto energia. A soli quattordici mesi dall’avvio del quarto conto energia per l’incentivazione del solare fotovoltaico, era approvato in via definitiva, il 9 luglio 2012, il testo del quinto conto energia per l’incentivazione del fotovoltaico.

L’11 aprile 2012 era stato varato dal Ministro per lo Sviluppo Economico C. Passera, il primo schema di decreto ministeriale relativo al quinto conto energia per l’incentivazione del solare fotovoltaico, tre mesi dopo il testo è stato approvato nella sua versione definitiva, dopo essere passato al vaglio dell’ Autorità per l’Energia e della Conferenza Unificata Stato Regioni.

In realtà nuove disposizioni ed aggiornamenti erano già previsti dal decreto del quarto conto energia (per la precisione, dall’articolo 25, comma 10, del decreto legislativo n. 28 del 2011) qualora i costi cumulativi degli incentivi avessero superato complessivamente la soglia di 6 miliardi di euro.

 

Quando è entrato in vigore il quinto conto energia

Il quinto conto energia è entrato in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento della soglia dei 6 miliardi di euro di costo cumulativo degli incentivi. E’ entrato in vigore il 27 agosto 2012.
La data esatta, fissata in relazione al raggiungimento di tale soglia, è stata fissata dall’Autorità per l’Energia Elettrica. Ad oggi abbiamo infatti superato la soglia dei 6 miliardi di costo cumulato annuo degli incentivi.

Per le amministrazioni pubbliche, invece, il quinto conto energia entrerà in vigore solo dopo il 31 dicembre 2012. Gli impianti realizzati quindi su edifici pubblici o su aree delle pubbliche amministrazioni potranno usufruire fino a dicembre 2012 delle condizioni incentivanti più favorevoli.

quinto conto energia

Il quinto conto energia è per i piccoli e medi impianti fotovoltaici

 

Cosa prevede il quinto conto energia fotovoltaico

Innanzitutto, prevede un tetto annuale di spesa: il quinto conto energia prevede un tetto massimo per gli incentivi di 700 milioni di euro annui, (inizialmente era di 500 milioni di €).

Secondariamente: tra le novità principali del decreto ci sono nuovi criteri di priorità e di iscrizione al registro per gli impianti fotovoltaici idonei ad accedere agli incentivi.
Solo gli impianti fotovoltaici al di sotto dei 12 Kwp di potenza installata possono accedere agli incentivi senza passare attraverso l’iscrizione al registro curato dal Gse. Tutti gli altri impianti al di sopra dei 12 Kwp di potenza dovranno iscriversi al registro che definirà una graduatoria di accesso agli incentivi.
Ci sono però alcune categorie di impianti che  possono evitare l’iscrizione al registro pur essendo sopra i 12 Kw.

 

Chi può bypassare l’ iscrizione al registro ?

Le seguenti categorie:
– gli impianti tra i 12 ed i 20 Kw di potenza  che accettano di farsi decurtare la tariffa incentivante del 20%
– gli impianti fotovoltaici  inferiori ai 50 Kw di potenza realizzati su tetti e tettoie al posto di eternit o amianto
– gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative
– gli impianti a concentrazione
– gli impianti posti su edifici ed aree della pubblica amministrazione aggiudicati a seguito di gara d’appalto.

(Per gli ultimi tre punti c’è il limite dei 50 milioni di euro di costo cumulato degli incentivi per ciascuna tipologia).

 

Priorità di iscrizione al registro

In ordine di importanza indichiamo i principali criteri indicati nel decreto che definiscono le priorità di inserimento nel registro.
Il primo principale fattore di priorità è la realizzazione di impianti in sostituzione di eternit e amianto sui tetti di edifici e capannoni.
Come secondo principale criterio di priorità c’è la classe energetica dell’edificio su cui è posto l’impianto: la classe energetica maggiore avrà priorità di accesso al registro. L’edificio deve essere comunque almeno di classe D o superiore.
Questo dovrà essere infatti dotato obbligatoriamente di certificazione energetica in corso di validità al momento della richiesta di iscrizione al registro incentivi.
Altri criteri di priorità sono: impianti realizzati con componenti “made in EU” , impianti realizzati su siti contaminati o discariche esaurite, e impianti realizzati, nell’ ordine, su edifici, serre, pergole, tettoie, pensiline, barriere acustiche.

Altri due “insoliti”  criteri sono:
– la facoltà di richiedere, da parte del soggetto responsabile dell’impianto fotovoltaico, uno sconto del 5% sulla tariffa incentivante: se un titolare impianto è disposto a chiedere meno incentivo, avrà priorità di accesso al registro
– la priorità per gli impianti fino ai 200 Kw di potenza asserviti ad attività produttive

Altri criteri di priorità sono infine: il momento di presentazione delle richieste, ovvero la data di ottenimento delle autorizzazioni, ed il dimensionamento dell’impianto agevolando le potenze minori.

 

Le tariffe incentivanti

L’incentivo è distribuito attraverso una tariffa incentivante che prevede:

– una quota omnicomprensiva
– una quota autoconsumo

La prima è omnicomprensiva in quanto include in sè la componente di incentivazione e la componente  di valorizzazione  dell’energia prodotta e immessa in rete. In altre parole: se prima c’erano da un lato la tariffa incentivante e dall’altro i rimborsi dello scambio sul posto (o del ritiro dedicato), il nuovo regime prevede  una tariffa “forfettaria” che include entrambi queste componenti incentivanti. Non c’è più quindi tariffa incentivante e vendita, ma una tariffa unica omnicomprensiva.
La tariffa omnicomprensiva è riconosciuta all’energia prodotta e immessa in rete.

La seconda tariffa, la tariffa autoconsumo,  è invece assegnata alla quota di energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico ed autoconsumata.

Nel nuovo conto energia ci sono anche i premi per la sostituzione di eternit e amianto col fotovoltaico e  per gli impianti realizzati con componenti “made in europe”. Valgono sul premio per l’autoconsumo e sulla tariffa omnicomprensiva:

  • per impianti inferiori ai 20 kW in sostituzione dell’amianto:
    30 euro/MWh fino a tutto il 2013
    20 euro/Mwh fino al 2014
    10 euro/MWh dal 2015 in poi
    ;
  • per gli impianti con componenti “made in EU” il premio è di:
    20 euro/MWh fino a tutto il 2013
    10 euro/Mwh fino al 2014
    5 euro/MWh dal 2015
  • per gli impianti sopra i 20 kW in sostituzione dell’amianto il premio è di:
    20 euro/MWh fino a tutto il 2013
    10 euro/Mwh fino al 2014
    5 euro/MWh dal 2015

Anche nel quinto conto energia, inoltre, c’è la differenziazione tariffaria tra impianti su edifici ed “altri impianti fotovoltaici“.
Ed anche nel quinto conto energia, infine, agli impianti installati su serre, pergole, tettoie, pensiline e barriere acustiche è riconosciuta una tariffa incentivante pari alla media aritmetica tra quella riconosciuta per gli impianti “su edifici” e gli “altri impianti fotovoltaici”.

Le serre fotovoltaiche, per essere riconosciute come tali ai fini degli incentivi, devono avere la copertura occupata dai pannelli fotovoltaici per non più del 30% della superficie totale della coperura stessa, o meglio: la “proiezione al suolo dei moduli fotovoltaici” non deve superare il 30% della superficie totale occupata dalla serra.

Per il primo semestre di applicazione del quinto conto energia, il decreto prevede le seguenti tariffe incentivanti:

 

 

tariffe incentivanti primo semestre quinto conto energia fotovoltaico 2012

Quinto conto energia fotovoltaico : tariffe incentivanti – primo semestre (2012 – 2013)

 

Qui tutte le tariffe incentivanti del quinto conto energia.

 

I requisiti per accedere alle tariffe incentivanti

Gli impianti fotovoltaici, per accedere agli incentivi, devono avere almeno uno dei seguenti requisiti:

– essere installati su edifici dotati di certificazione energetica in corso di validità
– essere installati in sostituzione di amianto o eternit
– essere installati su pergole, serre, fabbricati rurali, barriere acustiche, tettoie o pensiline
– essere installati su discariche esaurite o siti contaminati
– essere installati secondo le direttive dell’articolo 65 del decreto liberalizzazioni.

 

Le spese di gestione pratiche a Gse

Un ultimo punto di novità è il pagamento di spese di gestione pratica al gse con nuovi criteri: a partire dal 1 gennaio 2013 il Gse chiederà 0,05 centesimi di euro per ogni chilowattora di energia autoprodotta e incentivata.
Per i nuovi impianti incentivati ai sensi del quinto Conto Energia, invece, andranno versati:

  • 3 euro per chilowatt di potenza per gli impianti fino a 20 Kw di potenza
  • 2 euro per quelli maggiori

 

 

La richiesta di iscrizione al registro e la richiesta per la concessione della tariffa incentivante, predisposte dal soggetto responsabile in forma di dichiarazione sostitutiva, devono essere inviate al GSE esclusivamente tramite il portale informatico predisposto dal GSE sul proprio sito www.gse.it.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


23 Commenti

  1. Articolo correlato: La tassazione sul fotovoltaico

  2. maurizio, il 18 aprile 2013 ore 19:24

    con tutti questi numeri mi ci vuole un mese per capirci qualcosa, volevo sapere: per un impianto di 3 kwp entrato in funzione (con scambio)che dovrebbe produrre circa 3.500 kwh annui a metà ottobre 2012, il contributo statale di quato è a kwh ? e quelli venduti ad ERA… quanto me li pagano ?
    mi hanno detto che in luglio è stato modificato, io in quale rientro ?
    non vorrei che la ditta che l’ha installato mi voglia fregare….!!
    p.s l’impianto montato è di quelli di ultima generazione.
    grazie della risposta
    Maurizio

    • Alessandro, il 20 aprile 2013 ore 18:16

      Dipende. Ci sono almeno tre “contributi”, più eventuali premi, che variano in base per es. alla dimensione e altri fattori.
      Per un impianto da 3 Kw:
      – tariffa omnicomprensiva: 0,208 €/kwh
      – tariffa autoconsumo: 0,126 €/kwh
      – eventuali premi (es. “made in eu”)
      – contributo in conto scambio: cerca la guida allo scambio sul posto nella casella di ricerca in alto a sinistra.

      Ad ERA paghi le normali bollette per tutta l’energia prelevata.
      Da GSE ricevi incentivi e contributo scambio sul posto.

      Sul blog trovi tutte le info. Cerca nella casella di ricerca in alto.
      ciao

  3. Agostino, il 21 aprile 2013 ore 23:08

    Vi chiedo qualche delucidaz. Il tecnico mi ha dato un impastata di dati, firmare una marea di carte ma ho qualche dubbio.
    Installazione fotovolt. Da 4,6 kw. Con poli cristallino,euro 11.400 escluso spese buro, e cavo distribuzione di 70 metri. Produzione energia stimata 6.400 kw/h annui contro un mio consumo di 5000kw/h. Mi ha detto che gli incentivi sono finiti e pertanto mi devo accontentare di uno scambio sul posto con il solo rimborso IRPEF del 50% sul costo dell’impianto. Perciò con una spesa di circa 1500 euro l’anno di finanziamento, uno sgravio sulle bollette Enel e 500 euro circa di rimborso IRPEF all’ anno, mi dite dove sta’ il risparmio??????????

    • Alessandro, il 22 aprile 2013 ore 12:06

      Innanzitutto il prezzo mi sembra un po’ alto, ma dipende dai moduli scelti.
      Considerando che lo fai senza incentivi dovrebbero scendere un poco.
      Il finanziamento è un costo non da poco. Quanto paghi di interessi?
      Il risparmio lo devi avere ben chiaro PRIMA di acquistare.
      Non ti hanno fanno un piano di rientro? Devi ragionare su quello..
      In quanto tempo ritorni dall’investimento?
      Devi avere la somma di tutti i costi esatti nel tempo e una stima “al ribasso” della produttività.
      Devi considerare nei conteggi anche qual’è la quota di autoconsumo istantanea (che avverrà nel momento stesso della produzione) che prevedi per i tuoi consumi.
      Il rimborso Irpef è del 50%. Questo vuol dire che se paghi un impianto 9 mila euro, puoi scalare dalle tasse 4.500 euro in 10 anni, cioè 450 l’anno.
      Se non sbaglio anche gli interessi del finanziamento possono essere detratti.. informati da un caaf o commercialista.
      facci sapere ciao

  4. Sergio, il 22 aprile 2013 ore 12:44

    Ciao, Agostino, se mi dici da dove chiami, ti posso dimostrare dove hai il guadagno….
    Sergio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.