Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Tag: ambiti di installazione

Costo pannello fotovoltaico da 1 kw stand alone

12 settembre 2016
Costo pannello fotovoltaico da 1 kw stand alone
Qual è il costo di un pannello fotovoltaico da 1 kW stand alone? E soprattutto, a cosa può servire? Uno dei vantaggi dei sistemi fotovoltaici è che sono completamente scalabili: con lo stesso tipo di componenti possiamo realizzare un piccolo impianto da pochi Watt di potenza o un impianto da diverse decine di chilowatt. Quello che cambia è il numero di pannelli fotovoltaici utilizzati, il dimensionamento del quadro elettrico, dell’inverter e, nel caso in cui si utilizzano batterie, del regolatore di carica. In alcuni casi, se si parla di un piccolo impianto fotovoltaico da 1 kW stand alone, il tipo di lavoro può essere fatto in autonomia e senza troppe spese o procedure burocratiche. Non richiede, infatti, alcuna pratica Enel. Questo articolo è rivolto a chi, non essendo un tecnico elettricista o un operatore del settore, voglia raccogliere informazioni e farsi un’idea per la realizzazione di un piccolo impianto...

Leggi tutto »

Quanto rende un impianto fotovoltaico da 4 kW

7 settembre 2016
Quanto rende un impianto fotovoltaico da 4 kW
La prima domanda che si pone chi cerca informazioni sul fotovoltaico, e magari ipotizza di metterlo sul tetto, è: “Quanto costa un impianto? E che cosa ci guadagno?” Che si parli di casa, di piccoli laboratori, magazzini o piccole attività commerciali un impianto fotovoltaico da 4 kW di potenza, composto da circa 16 pannelli e un inverter, è spesso sufficiente a produrre la quantità di energia elettrica corrispondente al proprio fabbisogno. In questo articolo vediamo quanto rende un impianto fotovoltaico da 4 kW installato sul proprio tetto. Contrariamente a quanto viene diffuso da alcuni venditori “truffaldini”, l’impianto fotovoltaico non azzera la bolletta elettrica di casa. Ottenere la totale indipendenza dalla rete elettrica con un semplice impianto da 4 kW è impossibile. Quello che puoi ottenere dal fotovoltaico è un risparmio in bolletta che può andare dal 30 fino al 70% l’anno, nei casi più “virtuosi”. Ecco quanto rende un...

Leggi tutto »

L’ autorizzazione per gli impianti fotovoltaici, Comune o Modello Unico?

22 giugno 2016
L’ autorizzazione per gli impianti fotovoltaici, Comune o Modello Unico?
L’autorizzazione per gli impianti fotovoltaici in Italia è materia a volte semplice, a volte molto complessa. Può essere una semplice comunicazione preventiva al Comune di installazione, ma può divenire anche una faccenda burocratica assai macchinosa: tutto dipende dalle normative regionali che regolamentano i permessi, ognuna secondo propri criteri, che devono comunque rimanere coerenti alle linee guida nazionali. Non solo, dipende anche dal territorio in cui viene installato l’impianto e dalle dimensioni dell’impianto stesso. Per vedere le linee guida nazionali per l’autorizzazione per gli impianti fotovoltaici leggi qui. Nonostante ci siano delle linee guida nazionali per autorizzare gli impianti fotovoltaici, l’autorizzazione in Italia a volte può divenire un vero e proprio “rompicapo normativo”.   Ogni tipo di impianto fotovoltaico richiede la sua autorizzazione Per installare un impianto fotovoltaico sul tetto di un edificio, a terra o in qualsiasi altro contesto, l’amministrazione pubblica richiede sempre la sua autorizzazione o una semplice...

Leggi tutto »

Solar, Tegola Fotovoltaica invisibile agli occhi ma non al sole

15 giugno 2016
Solar, Tegola Fotovoltaica invisibile agli occhi ma non al sole
C’è un modo per conciliare il fotovoltaico con la bellezza estetica e architettonica di un centro storico cittadino? Spesso in territori ed aree sottoposte a vincoli architettonici il “classico” fotovoltaico viene bloccato dagli organi preposti perchè rovina la bellezza estetica di un territorio. Nei centri storici, per esempio, spesso non vengono date le autorizzazioni per installare gli impianti fotovoltaici sui tetti degli edifici perchè i classici pannelli impattano sull’estetica del territorio e sulla sua armonia. Alcune soluzione, però, sono ammesse: quelle che a livello estetico non impattano in maniera invasiva sul paesaggio. E’ il caso, per esempio, di un nuovo prodotto, un nuovo coppo fotovoltaico in grado di “nascondere agli occhi” le celle fotovoltaiche. Nasconderle agli occhi, ma non alla luce del sole. Di che si tratta? Si tratta del nuovo coppo “invisibile” Solar, una tegola fotovoltaica le cui celle sono nascoste all’interno del corpo. Le celle sono in...

Leggi tutto »

Dall’Eurac, il fotovoltaico di design e dalle mille applicazioni

27 maggio 2016
Dall’Eurac, il fotovoltaico di design e dalle mille applicazioni
Siamo abituati a pensare al fotovoltaico come ad un insieme di pannelli rettangolari, di colore grigio o bluastro, installati sui tetti di case e capannoni o installati “su terreno”, su appositi supporti poggiati a terra. Non si tratta di applicazioni particolarmente “accattivanti” dal punto di vista estetico. Molti sollevano obiezioni sulla loro bellezza estetica, soprattutto dove, in presenza di centri storici o bellezze paesaggistiche, danno un tono “di contrasto” col paesaggio circostante. E’ possibile installare il fotovoltaico senza alcun impatto estetico? Gli impianti fotovoltaici, di sicuro, non si possono nascondere, però è possibile creare installazioni “meno invasive”, più integrate a livello architettonico o addirittura “artistiche”. E’ possibile realizzare moduli fotovoltaici curvi, circolari o sferici, è possibile realizzare componenti architettoniche che integrano direttamente le celle fotovoltaiche. In altre parole è possibile realizzare, oggi, un vero e proprio “fotovoltaico di design”.   L’Eurac, l’Accademia Europea di Bolzano (che è un centro...

Leggi tutto »

Da Università di Vienna, nuovo sistema per Fotovoltaico Galleggiante

4 maggio 2016
Da Università di Vienna, nuovo sistema per Fotovoltaico Galleggiante
Come favorire e sviluppare l’energia fotovoltaica senza ulteriore consumo di suolo? Le centrali solari, non solo quelle fotovoltaiche, ma anche quelle termodinamiche, hanno un enorme potenziale produttivo: una centrale fotovoltaica da un Megawatt, ad esempio, può produrre oltre 1 Gigawattora l’anno di energia pulita, senza emissione alcuna. Una centrale fotovoltaica da 1 Megawatt, però, occupa circa 10 mila metri quadrati di superficie. Il fotovoltaico deve “fare i conti” con l’occupazione ed il consumo di suolo. Un’alternativa interessante all’occupazione di terreno agricolo o industriale proviene dall’acqua: come l’eolico va sempre più verso l’off-shore, anche il fotovoltaico può sfruttare le superfici acquatiche, marine e non, per trovare nuovi spazi e nuove potenzialità. L’acqua, infatti, sarebbe un ambito di installazione del fotovoltaico particolarmente favorevole: grazie alla rifrazione dell’acqua, infatti, riesce a sfruttare la luce solare in maniera ottimale e, cosa più importante, riesce a mantenere la temperatura di funzionamento delle celle a...

Leggi tutto »

Fotovoltaico Galleggiante, energia pulita senza consumo di suolo

29 aprile 2016
Fotovoltaico Galleggiante, energia pulita senza consumo di suolo
Immagina un’area grande come quattro campo da calcio. Immagina che quest’area sia ricoperta di pannelli fotovoltaici e immagina che.. galleggi in mezzo al mare. Tra le innovazioni più recenti introdotte nel settore del fotovoltaico c’è un ambito di installazione particolarmente interessante e che presenta notevoli vantaggi e potenzialità rispetto al tradizionale sistema di installazione “a terra”: si tratta del Fotovoltaico Galleggiante: moduli fotovoltaici installati su piattaforme situate su laghi, corsi d’acqua, dighe o in mare aperto. Le centrali fotovoltaiche possono produrre moltissima energia senza emissione alcuna, con adeguati sistemi di accumulo hanno ottime potenzialità di utilizzo anche su ampia scala e possono garantire un approvvigionamento continuo superando il problema dell’intermittenza produttiva. Quando si parla di grosse produzioni in scala, però, bisogna “fare i conti”, prima di ogni altra cosa, con l’occupazione di suolo: terreni agricoli, terreni industriali, boschi, pascoli. Se, da un lato, le superfici di territorio già occupate,...

Leggi tutto »