Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Accumulo di energia fotovoltaica: la soluzione domestica di ABB Power-One

Ultimo aggiornamento: 28-4-2017

Per chi ha il fotovoltaico la soluzione al problema della intermittenza produttiva dei moduli e della loro imprevedibilità è l’Accumulo di Energia, altrimenti detto: “storage elettrico”. Ogni produttore di inverter e batterie si sta attrezzando per far fronte a questo bisogno. E’ anche grazie allo sviluppo dei sistemi di stoccaggio, infatti, che il settore del fotovoltaico e delle rinnovabili continuerà a crescere superando uno dei suoi più importanti limiti: la sua inefficacia nelle ore serali e notturne (quando il sole non produce).

Nuove soluzioni per l’accumulo autonomo dell’energia elettrica fotovoltaica iniziano a presentarsi sul mercato delle rinnovabili ed anche ABB (Power One) ha il suo prodotto innovativo per lo storage domestico dell’energia prodotta con il fotovoltaico. Si tratta del REACT-3.6/4.6-TL un sistema di accumulo di energia fotovoltaica di taglia domestica.

 

Perchè accumulare energia ti fa ammortizzare meglio l’investimento

autoconsumo e accumulo di energia fotovoltaica

Con la fine degli incentivi il fattore che più di ogni altro è in grado di ammortizzare i costi dell’impianto fotovoltaico diventa principalmente la quota di autoconsumo in sito dal proprio impianto. Autoconsumare la propria energia auto-generata, mettendola direttamente al servizio dell’abitazione o dell’azienda, mi procurerà interessanti risparmi sulla bolletta elettrica. I primi anni porterà al rientro dai costi di investimento sostenuti per l’impianto. Negli anni successivi procurerà un risparmio effettivo sui costi energetici di casa. Il guadagno sarà incrementale perchè proporzionale al prezzo dell’energia elettrica in bolletta.

In altre parole: più il costo dell’energia sale, più l’autoproduzione/autoconsumo è conveniente.

Dunque, gli impianti fotovoltaici al servizio di casa sono in grado di procurare sensibili risparmi se utilizzati in gran parte in autoconsumo. Se installo un impianto sul tetto di casa potrò ridurre, se non azzerare completamente in alcuni periodi, la bolletta elettrica. In questo modo posso rientrare in tempo utile dai costi sostenuti per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico e guadagnare negli anni successivi.

Ovviamente tutto rimane sempre un rapporto tra costi e benefici: i costi dell’impianto e dell’elettricità pagata in bolletta, ed i benefici derivanti dalla riduzione della bolletta elettrica.

 

La soluzione di ABB Power-One per l’ accumulo di energia

Per l’ accumulo di energia fotovoltaica ABB Power-One ha la sua soluzione: si tratta di un sistema di accumulo residenziale integrato direttamente con l’inverter in grado di raccogliere temporaneamente energia fotovoltaica per l’autoconsumo differito. Per garantire la convenienza del fotovoltaico l’obiettivo è sempre e solo uno: elevare la quota di autoconsumo per ridurre l’oneroso prelievo dalla rete elettrica. Attraverso due cose: le batterie ed un sistema intelligente di gestione dei carichi.

sistema residenziale di accumulo di energia ABB Power-One

Nello specifico: la soluzione di ABB Power-One si chiama REACT-3.6/4.6-TL. E’ un sistema residenziale di storage elettrico che permetterà ai proprietari dell’abitazione di immagazzinare giornalmente il surplus di energia fotovoltaica prodotta per utilizzarla nei momenti di maggior fabbisogno.

Si tratta di un inverter monofase (da 3,6 o 4,6 Kw) che integra una batteria agli ioni di litio con una capacità di accumulo di energia pari a 2 Kwh. Possono essere aggiunti fino ad altri 3 moduli aumentando la capacità di accumulo fino a 6 kWh nominali.

L’inverter, in relazione alle singole situazioni di installazione, è in grado di garantire una gestione ottimale dell’energia fotovoltaica in relazione alle necessità. Le batterie agli Ioni di Litio integrate nel sistema garantiscono inoltre, secondo la casa produttrice, elevati livelli di efficienza e durata.

 

Le caratteristiche dell’inverter React ABB Power-One

Riassumendo, i vantaggi di questo inverter integrato con accumulo di energia sono almeno 3.

  1. Non si limita ad accumulare, ma gstisce i flussi di energia in maniera intelligente. L’intento è quello di allineare l’andamento di produzione dei moduli fv con il profilo di consumo dell’abitazione.
  2. Le batterie agli Ioni di Litio sono attualmente tra le più efficienti in termini di efficienza e durata. La gestione dei cicli di carica/scarica sono ottimizzati per garantire la massima durata degli accumulatori nel tempo.
  3. React di ABB, infine, ha un’unica interfaccia dalla quale è possibile monitorare la produzione ed il rendimento dell’impianto. Questa stessa interfaccia utente, inoltre, permette di gestire i carichi, anche da remoto sfruttando la rete internet.

 

Secondo il parere del produttore ABB Power-One, questo tipo di inverter va incontro alla necessità di soddisfare una domanda crescente a livello globale: quella del massimo sfruttamento delle potenzialità poste oggi dal fotovoltaico e dalle fonti rinnovabili.

In particolare questo inverter con accumulo integrato, risponde in maniera efficace ad una reale necessità: quella di incrementare l’autonomia di consumo per ridurre il più possibile le spese energetiche di famiglie e imprese. Anche se la soluzione di cui si parla è prettamente residenziale, il prodotto può essere utile in moltissime situazioni di utilizzo.

Queste soluzioni permettono infatti di superare i limiti di rete derivanti dall’integrazione di tante e diverse fonti di produzione energetica.

 

REACT di ABB Power-One: dettagli tecnici

  • tipo di apparecchio: inverter di stringa fotovoltaico monofase grid-connected con batteria integrata;
  • tipo di batteria: Ioni di Litio;
  • capacità utile di accumulo per unità: 2 kWh;
  • estensibilità dell’accumulo di energia: fino a 3 unità per un totale di 6 kWh nominali di capacità di stoccaggio;
  • interfaccia unica di gestione e monitoraggio (anche da remoto);
  • doppio MPPT;
  • ampia tensione di ingresso;
  • elevata efficienza (topologia senza trasformatore);
  • flessibilità di installazione;
  • fino a 4 uscite integrate per la gestione intelligente dei carichi;
  • un’uscita di backup ausiliaria;
  • possibilità di utilizzo staccato dalla rete (“off grid”) in presenza di blackout.

 

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


12 Commenti

  1. Ambientenergia, il 19 maggio 2016 ore 11:30

    Interessantissimo!! Hai qualche link da fornirmi per approfondimenti o qualche indicazione sui prezzi?

    • Alessandro, il 19 maggio 2016 ore 16:22

      Indicazioni sui prezzi non ne ho però qui puoi trovare altre info: it.power-one.com/renewable-energy

    • auleia, il 24 maggio 2016 ore 14:32

      Alla fine, sono in vendita questi inverte? Grazie

  2. Ambientenergia, il 19 maggio 2016 ore 17:30

    Sono a conoscenza di una soluzione simile realizzata da SMA (Sunny Backup, mi sembra).
    Hai già esperienze di installazioni di questo tipo (è sul mercato da un po’)?
    Anche in questo caso devo chiederti: quanto può costare dotare un impianto di questa soluzione?

    Ho letto qualcosa qui: http://files.sma.de/dl/4720/SBU_HoMan-PL-UIT123013.pdf
    E’ diverso da quello che propone Power-one?

    Grazie.

    • Alessandro, il 20 maggio 2016 ore 16:07

      Purtroppo non ho informazioni di prezzo, ma credo che convenga veramente se ti permette di ottenere il 70% di autoconsumo.
      Molto interessante questa soluzione SMA, praticamente da un lato ottimizza il consumo istantaneo, dall’altro lato fornisce un sistema di accumulo temporaneo sufficiente a coprire i consumi del tardo pomeriggio, della sera e della notte.
      Me la guardo con calma..

  3. miguel, il 28 luglio 2016 ore 14:05

    Ho già un inverter POWER-ONE PVI 6.0, sapete se è possibilie sfruttare quello che già ho con i moduli di storage?

  4. luciano, il 25 agosto 2016 ore 20:50

    è possibile già utilizzare sistemi di accumulo con qualsiasi inverter già presente,compresoo power one,in quanto ci si pone tra inverter e derivazione all’utenza senza toccare il contatore Enel

    • mauro nigro, il 16 agosto 2016 ore 10:20

      vorrei sapere se a sostituzione del mio inverter fronius (da 7anni)x 4.05 kwp di potenza puo’ essere sostituito con aurora equivalente con accumulo… e se è consentito accumulo dal gse …quanto spenderei….

      • Alessandro F., il 28 agosto 2016 ore 18:36

        se l’impianto fotovoltaico riceve gli incentivi non è consentito l’accumulo.
        Se non li riceve deve accumulare senza immettere in rete l’energia accumulata

      • ligabue82, il 1 settembre 2016 ore 17:43

        Purtroppo siamo in attesa di delucidazioni e chiarimenti (in pratica una delibera) da parte dell’AEEGSI.
        Nell’attesa, se ricevi incentivi in Conto Energia e SSP, meglio non rischiare.
        saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.