Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Impianti fotovoltaici con accumulo e pompa di calore: l’offerta di Schueco

11 novembre 2013

Impianti fotovoltaici + sistema di accumulo con batterie + pompa di calore: un’unica soluzione integrata per massimizzare il risparmio energetico e economico.

Cosa è un sistema di accumulo per gli impianti fotovoltaici? E’ un sistema  in grado di produrre e conservare temporaneamente l’energia elettrica (ed il calore) prodotto dai pannelli fotovoltaici e/o solari termici. L’accumulo di energia ti consente di utilizzare l’energia quando serve e garantisce un notevole risparmio energetico ed economico.

La strategia energetica nazionale, orientata dalle direttive europee sul clima, prevede per l’Italia il raggiungimento di una produzione energetica da fonti rinnovabili pari al 38% entro il 2020. Questo vuol dire soprattutto due cose: realizzare impianti da fonti rinnovabili e ridurre i prelievi energetici dalla rete elettrica. Per questo motivo l’edilizia residenziale ed industriale punta sempre di più all’autosufficienza energetica attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici e micro-eolici che riducano il consumo di energia dalla rete. L’obiettivi è quello, in realtà, di creare edifici a bilancio energetico “quasi nullo”, ovvero che si servano della rete in maniera del tutto marginale.

Come massimizzare questi effetti? L’ultima innovativa soluzione è quella dei sistemi di accumulo energetico al servizio degli impianti fotovoltaici, sistemi in grado di stoccare a livello domestico l’energia prodotta per utilizzarla quando l’impianto fv non è in funzione.

Schueco, azienda leader mondiale nelle soluzioni per il fotovoltaico, propone, come molte altre, la sua offerta per impianti fotovoltaici con accumulo energetico e pompa di calore per ottenere il massimo dal proprio sistema domestico aumentando l’autoconsumo e quindi il risparmio in bolletta. L’obiettivo, infatti, è sempre uno: quello di sfruttare al massimo l’energia autoprodotta dai propri pannelli fotovoltaici per ridurre i prelievi di rete e per ridurre quindi le bollette elettriche.

Per far ciò la soluzione ideale è quella che propone una sempre maggiore integrazione domestica dei vari sistemi per massimizzare lo sfruttamento dell’impianto.

impianti fotovoltaici accumulo pompa di calore

Schueco propone un sistema integrato che unisce l’impianto fotovoltaico a dispositivi di accumulo termico e di accumulo elettrico che, in simbiosi, aumentano notevolmente il risparmio energetico dell’edificio e ne riducono i costi energetici.

La soluzione è composta, nello specifico, da tre sistemi fra loro integrati:

  1. l’ impianto fotovoltaico
  2. la pompa di calore (per riscaldare l’acqua sanitaria)
  3. un inverter “intelligente” a cui sono collegate delle batterie di accumulo

La soluzione integrata ed innovativa permette di ottenere il massimo da ogni sottosistema consentendo di recuperare e conservare energia elettrica e calore per utilizzarli in momenti diversi dalla loro produzione: ad esempio di notte quando il sole non splende.

La pompa di calore, infatti, viene azionata dal fotovoltaico quando non sono presenti altri consumi e viene utilizzata per scaldare l’acqua. L’acqua calda viene utilizzata per gli usi sanitari riducendo il consumo di gas.

La simbiosi “intelligente” tra impianti fotovoltaici e batterie, pensate per aumentare l’autoconsumo, non preclude la priorità dell’autoconsumo istantaneo dall’impianto, ovvero: se si consuma nel momento stesso della produzione dell’impianto verrà messa a disposizione l’energia istantaneamente generata, non quella delle batterie. Questo per preservare il funzionamento delle batterie nel tempo. Non solo: il sistema non può immettere in rete l’energia precedentemente stoccata nelle batterie di accumulo. Questo per preservare la gestione della rete.

La peculiarità di questo sistema, rispetto ad altri simili, è quella di sfruttare il fotovoltaico per azionare la pompa di calore che riscalda l’acqua sanitaria. Si avrà in questo modo una piccola riserva di energia termica senza l’utilizzo di gas.

Quali vantaggi ha il sistema integrato Schueco?

Il solo impianto fotovoltaico al servizio di casa consente di ottenere un autoconsumo del 30% solamente gestendo al meglio i propri apparecchi elettrici (facendoli funzionare, per quanto possibile, nelle ore di produzione dell’impianto). Se all’impianto si unisce una pompa di calore per scaldare l’acqua sanitaria l’autoconsumo sale al 60%. Se poi uniamo anche le batterie di accumulo elettrico l’autoconsumo arriva all’80%.
Il risparmio in bolletta è quindi pari all’80%
.

Non è finita qui: l’inverter che gestisce i flussi di energia portandola sia agli apparecchi elettrici, che alle batterie che alla rete, consente di monitorare in tempo reale l’intero sistema mettendo a disposizione dati su prestazioni, consumi, rendimenti e risparmi.

Il sistema Schueco per la casa è disponibile con impianti fotovoltaici da 3 a 5 kw e con diverse capienze delle batterie. Anche le pompe di calore per scaldare l’acqua sono disponibili da 100 o da 300 litri.

Un ultimo vantaggio: sia la parte termica che la parte elettrica possono usufruire delle agevolazioni fiscali. L’impianto fotovoltaico con batterie gode infatti della detrazioni fiscale del 50%, mentre la pompa di calore gode della detrazione del 65%.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


14 Commenti

  1. ATTILIO, il 13 novembre 2013 ore 23:29

    io ò già un ipianto fotovoltaico da8 kwh con scambio sul posto + detrazione 50% istallato GREEN POWER posso mettere batterie di accumolo grazie ATTILIO .

    • Alessandro, il 14 novembre 2013 ore 10:46

      se non ricevi già gli incentivi, sì puoi mettere un sistema di accumulo

  2. ATTILIO, il 19 novembre 2013 ore 23:23

    ATTILIO altra domanda sospendere quella piccola percentuale di incentivi annuale e fare l’ACCUMOLO grazie ancora ATTILIO

    • Alessandro, il 20 novembre 2013 ore 10:12

      Occhio però che in tal caso non accedi alla detrazione fiscale.. non so se conviene..

  3. Elio Pellegrino, il 20 novembre 2013 ore 11:20

    Salve ,
    intervengo alla vostra discussione ,Alessandro mi spieghi perchè si perdono
    gli incentivi!
    Grazie

    • Alessandro, il 20 novembre 2013 ore 14:01

      gli impianti che già ricevono gli incentivi del conto energia non possono modificare i flussi in entrata ed in uscita dal sistema, pena la perdita degli incentivi (e la restituzione di quelli fin’ora ricevuti).
      Ho già il fotovoltaico con incentivi. Posso mettere un sistema di accumulo?
      Per la detrazioni fiscale, invece, è alternativa agli incentivi: o detrazione o conto energia (per chi ha già fatto l’impianto in conto energia nella prima metà dell’anno).

  4. s1, il 7 gennaio 2014 ore 00:48

    E’ possibile ed è conveniente ipotizzare un fotovoltaico da 4-5 Kwp con accumulo (1.000-1.500 Ah?) per una pompa di calore da riscaldamento per es. da 12-15 Kw?
    Grazie

    S1

  5. salvo, il 8 gennaio 2014 ore 02:24

    Se volessi fare un nuovo impianto fotovoltaico con accumulo da circa 6 Kw,e una pompa di calore in grado di scaldare acqua per sanitari e riscaldamento, posso accedere alle detrazioni ed a un’eventuale ritorno economico dallo scambio sul posto senza perdere le detrazioni fiscali presenti al momento dell’istallazione?
    Forse è chiedere troppo ma grazie per la risposta.

    • Alessandro, il 8 gennaio 2014 ore 12:03

      Si, le detrazioni fiscali sono cumulabili con lo scambio sul posto

  6. luca, il 20 febbraio 2014 ore 21:08

    Qualcuno sa per caso quanto costa e se è conveniente istallare un impianto fotovoltaico da 6Kw, pompa di calore 13Kw, impianto solare termico con 2 pannelli e un serbatorio da 300 lt, riscaldamento a pavimento per un’abitazione da 100 m2 e per raggiungere il top un sistema di accumulo

    • Alessandro F., il 21 febbraio 2014 ore 11:58

      eh eh.. bella domanda.. :-)
      Mi verrebbe da dire che dipende dai costi e dipende da dove abiti e dipende da quando consumi prevalentemente (in quali fasce orarie). In base ai costi rientri dall’investimento in più o meno tempo (6-12 anni).

  7. mario.c, il 7 maggio 2014 ore 07:48

    buongiorno a tutti: una domanda, un sistema fotovoltaico con accumulo senza scambio sul posto non immette mai in rete, è sempre detraibile al 50%.
    grazie per la risposta

    • Alessandro F., il 8 maggio 2014 ore 12:49

      si è detraibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.