Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Quanto produce il fotovoltaico? Ecco come capirlo

10 settembre 2014
Voto:4/5 (8 voti)

Oggi la domanda giusta, anzichè “Quanto produce il fotovoltaico?“, sarebbe “Quanto è in grado di accumulare il mio impianto fotovoltaico?

Ecco perchè.

Questa, si sente spesso quando si parla di eco-energie, è la  “nuova era” del fotovoltaico. Un impianto di produzione elettrica alimentato dal sole, ormai, non è più “la” novità. Molti pannelli “vetrati” si notano ormai sui tetti di case, aziende o capannoni industriali. Alcuni bene in vista, altri più o meno nascosti, diremmo noi: integrati, nei tetti sui quali vengono installati.

Anche i cittadini, dunque (non più solo gli operatori del settore) iniziano a familiarizzare con questa nuova tecnologia energetica pulita e rinnovabile. La forte caduta dei prezzi degli ultimi tre anni, inoltre, ha reso la tecnologia molto più accessibile, economica e conveniente di un tempo: i prezzi delle installazioni “chiavi in mano” si sono ridotti di oltre due terzi negli ultimi 5 anni (anche come conseguenza della fine degli incentivi statali del “conto energia”).

Cosa è, dunque, la “nuova era” del fotovoltaico? E’ l’era in cui si cerca di rendere l’abbondante energia prodotta dal sole disponibile non solo nei momenti di produzione dell’impianto, ma anche nei momenti in cui il sole non produce: sera, notte, pioggia, ecc.. Come?
La “nuova era” del fotovoltaico è quella dei “sistemi di accumulo“.

Un sistema di accumulo elettrico è un sistema che è in grado di stoccare temporaneamente l’energia prodotta dai pannelli solari di giorno, per renderla disponibile di sera e di notte. In questo modo un qualsiasi piccolo impianto fotovoltaico domestico è in grado di ridurre l’uso dell’elettricità di rete fino ad oltre il 90%, in relazione a quanta energia elettrica si riesce ad accumulare nelle giornate di sole.

Il focus degli operatori del solare oggi non è più, dunque, solo il rendimento dei pannelli fotovoltaici e l’efficienza degli inverter, ma anche (e soprattutto) l’accumulo elettrico tramite batterie.

 

quanto produce il fotovoltaico

Grafico che indica quanto produce il fotovoltaico per kw ogni mese, in media, in Italia (u.m = kwh)

 

Quanto produce il fotovoltaico? La domanda giusta è un’altra..

Dunque, quanto produce il fotovoltaico? Oggi è più complesso definirlo in quanto ciò che più conta non è più solo la quantità di energia prodotta dai pannelli, ma la capacità di accumulo delle batterie elettriche.

Approfondisci qui a cosa servono le batterie per il fotovoltaico.

Quanto produce il fotovoltaico nelle ore diurne è un picco produttivo che non riusciamo a sfruttare senza un adeguato sistema di accumulo: le batterie, la parte costosa dell’investimento, devono essere attentamente dimensionate per evitare spese inutili che andrebbero a “danneggiare” il buon esito dell’investimento fotovoltaico.

La domanda giusta, dunque, è un’altra: non importa sapere quanto produce il mio impianto. Un comune impianto domestico da 3 kw produce in linea con i consumi medi di una famiglia. Ciò che più conta è sapere quanto dell’energia auto-prodotta riesco ad utilizzare per soddisfare i miei consumi di casa.

La discriminante, in tal caso, non è solo la capacità di accumulo delle batterie, ma anche il numero di “cicli di ricarica” garantiti, la durata nel tempo e soprattutto i costi delle batterie.

 

quanto produce il solare elettrico in italia - tabella

Tabella: quanto produce il fotovoltaico in Italia ogni mese per Kw installato.
Fonte: SolarGIS

 

La domanda giusta, quindi, non è “quanto produce il fotovoltaico“, ma “quanto è capiente il mio sistema di accumulo“.

 

I miei consumi devono essere in linea con la capacità di accumulo del fotovoltaico

Secondo questo principio posso avere un impianto da 1,5 kw con una buona capacità di accumulo e risparmiare in bolletta più di quanto risparmierei con un impianto da 3 kw senza batterie. Questo perchè, anche se con lo scambio sul posto immetto in rete l’elettricità in eccesso, la rete “paga” l’energia meno del risparmio che ho auto-producendo e auto-consumando la “mia” energia. Per sapere cosa è e come funziona lo scambio sul posto leggi qui.

Dunque: quanti sono i consumi medi di una famiglia standard in Italia? Una famiglia “media”, composta da 3-4 persone, in Italia consuma circa 3.500 kwh/anno (chilowattora l’anno). Mediamente una famiglia ha un consumo giornaliero di 9 kwh, variabile ovviamente in base alle stagioni, alle abitudini di consumo ed agli elettrodomestici utilizzati in casa.

Un impianto fotovoltaico da 3 kw di potenza genera in media in Italia 3.500 kwh l’anno, con una stima di 9,5 kwh al giorno. Ovviamente si tratta di una media giornaliera molto variabile in base alle stagioni ed alle condizioni atmosferiche, ma, in generale, possiamo dire che un impianto da 3 kw è in grado di rispondere bene al fabbisogno “tipico” di una famiglia.

Circa il 30% dell’energia prodotta viene in genere consumata istantaneamente, cioè nel momento stesso della produzione.
Per coprire il rimanente 70% del fabbisogno col fotovoltaico si attinge alle batterie: accumulando circa 5-6 kwh giornalieri si possono raggiungere livelli di autoconsumo complessivi anche del 90%.

 

produzione e consumo col fotovoltaico con sistema di accumulo temporaneo

Grafico: curve di produzione fotovoltaica e consumo domestico. Quanto produce il fotovoltaico col sistema di accumulo a batterie

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.