Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Tag: fonti rinnovabili

Impianti fotovoltaici con sistema di accumulo, quando aiutano a risparmiare?

10 maggio 2017
Impianti fotovoltaici con sistema di accumulo, quando aiutano a risparmiare?
Ormai da qualche anno, affiancata al termine “fotovoltaico”, si sente spesso un’altra parola: quella di accumulo elettrico o, per dirla in termini più internazionali di “energy storage”. Sembrerebbe che oggi, secondo molti, una soluzione innovativa per mettere il fotovoltaico e produrre la propria energia in modo autonomo e indipendente dalla rete è l’utilizzo di un impianto fotovoltaico con sistema di accumulo autonomo. Perchè utilizzare l’accumulo elettrico? Quando è veramente necessario? Quali sono i suoi vantaggi? Possiamo già affermare, oggi, che l’accumulo conviene? Oppure è ancora troppo costoso per giustificare i benefici che porta? Le domande, come per ogni cosa nuova, sono ancora molte, tanti i dubbi e molte le perplessità, soprattutto per quel che riguarda i costi. Per capire se i costi vengono giustificati dai benefici dobbiamo partire da qualche punto fermo. E qualche elemento di chiarezza possiamo già fissarlo. Innanzitutto..   Cosa sono gli impianti fotovoltaici con sistema...

Leggi tutto »

Opinioni sul fotovoltaico: costoso o conveniente? Pro e contro della scelta

4 maggio 2017
Opinioni sul fotovoltaico: costoso o conveniente? Pro e contro della scelta
Opinioni sul fotovoltaico.. Molti direbbero: non sono le opinioni che contano, ma i numeri. Certo. E’ pur vero, però, che le opinioni di chi ha già un impianto, di chi si trova tutti i giorni a “fare i conti col proprio contatore”, riescono ad illuminare chi ancora vaga nell’indecisione. Per molti l’idea di produrre energia in maniera autonoma e indipendente dalla rete non è più un’idea così strampalata. Molti hanno ormai abbattuto le barriere dei propri pregiudizi, molti hanno già deciso di investire poche migliaia di euro per autoprodursi (parte) del proprio fabbisogno energetico. Altri, ancora, si sono messi a studiare per cercare di districarsi in una normativa (per esempio quella dello Scambio Sul Posto) sempre troppo confusa e caotica per dare certezze di lungo termine. Certo “di lungo termine”, perchè ogni impianto fotovoltaico è un investimento di medio-lungo periodo e le regole non devono cambiare “in corso d’opera”....

Leggi tutto »

Come viene prodotta l’energia in Italia nel 2016

24 giugno 2016
Come viene prodotta l’energia in Italia nel 2016
Come viene generata l’energia che utilizziamo in Italia? Quanto ancora incidono le fonti fossili e quanto quelle rinnovabili? Come confermato dai dati dell’ultimo report del GME (Gestore del Mercato Energetico), in Italia la produzione di energia è affidata per il 45 per cento alle fonti rinnovabili. In passato il picco della produzione da fonti rinnovabili ha toccato punte di oltre il 50%, ma in linea di massima, al di là di ogni fluttuazione stagionale (si pensi alla produzione fotovoltaica), possiamo ritenere che ormai, a livello strutturale, la quota di energia prodotta con le rinnovabili, si attesta intorno alla metà della produzione totale. Per “fonti rinnovabili”, non intendiamo solo quelle che comunemente si intendono, quali eolico e fotovoltaico. Tra le fonti pulite ci sono anche, e soprattutto, quella Idroelettrica, già molto diffusa in Italia, quella Geotermica ed altre fonti “minori”. Ad oggi l’energia in Italia viene prodotta indicativamente con questi...

Leggi tutto »

UK, fotovoltaico anche al servizio della mobilità elettrica

10 giugno 2016
UK, fotovoltaico anche al servizio della mobilità elettrica
Tra gli ambiti di utilizzo più rilevanti delle fonti rinnovabili, oltre a quello domestico, spicca quello industriale. L’industria, svolgendo le sue attività per lo più nelle ore diurne, riesce a sfruttare in maniera ottimale l’energia prodotta dal sole, energia utilizzata “sul posto” ed in “autoconsumo”. A fianco al comparto dell’industria, un altro settore mostra interessanti potenzialità per le rinnovabili: quello della mobilità elettrica. Le fonti rinnovabili, attraverso batterie ricaricabili, potranno alimentare i motori elettrici delle nostre auto, sostituendo gradualmente il petrolio. Il futuro è già presente, se consideriamo lo sviluppo che sta avendo l’industria della mobilità elettrica negli ultimi periodi, a partire dalle grandi società automobilistiche. La Nissan, storico produttore giapponese di auto, ha installato nel proprio stabilimento di Sunderland, Regno Unito, una centrale solare di ben 4,75 Megawatt di potenza. Il parco fotovoltaico non è l’unica fonte rinnovabile utilizzata ad oggi nello stabilimento, la centrale solare affianca, infatti,...

Leggi tutto »

Ren21, anni da record per le rinnovabili nel mondo

8 giugno 2016
Ren21, anni da record per le rinnovabili nel mondo
A livello planetario l’ultimo anno è stato il migliore della Storia in quanto a sviluppo e investimenti in energie rinnovabili: per la prima volta il livello degli investimenti green sostenuto nei paesi in via di sviluppo ha superato quello dei paesi sviluppati. Non solo: questo record di investimenti globali verso le rinnovabili avviene in un momento storico in cui i prezzi delle fonti fossili sono al loro minimo storico, dato alquanto significativo per dimostrare, ancora una volta, quanto le fonti rinnovabili siano ormai competitive con le fonti fossili non incentivate. A sostenere queste tesi è il Ren21, un network di istituzioni, associazioni non governative, centri di ricerca e aziende collegato all’Unep, il Programma Ambientale delle Nazioni Unite. Secondo le ricerche il 2015 è stato l’anno record in cui, a livello planetario, le rinnovabili hanno raggiunto la soglia dei 147 Gigawatt di nuova potenza installata in un solo anno: parliamo...

Leggi tutto »

Investimenti pubblici Green, anche l’Italia raddoppia al “Mission Innovation”

6 giugno 2016
Investimenti pubblici Green, anche l’Italia raddoppia al “Mission Innovation”
La questione energetica è ormai un tema di scala planetaria. La sfida del clima non può più riguardare qualche singolo paese o qualche ristretto settore dell’economia. Come l’economia, anche la salvaguardia del clima è ormai una questione globalizzata, che , per essere risolta, deve “chiamare in causa” accordi e impegni concreti presi in ambito internazionale, a partire dalle nazioni che fino ad oggi hanno contribuito maggiormente all’aumento delle emissioni climalteranti. Alla vigilia della COP21, la conferenza internazionale sul Clima tenutasi a Parigi a Dicembre 2015, diversi paesi, tra cui l’Italia, hanno firmato un impegno chiaro per accelerare l’innovazione energetica pulita: si tratta del “Mission Innovation, Accelerating the Clean Energy Revolution”, un impegno sottoscritto da 20 paesi, tra cui l’Italia, per contrastare i cambiamenti climatici e sviluppare nuove tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio. L’intento è per lo più quello di aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo. Nei...

Leggi tutto »

Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica

30 maggio 2016
Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica
E’ possibile quantificare i benefici ed il risparmio economico che il fotovoltaico, e le fonti rinnovabili in genere, potrebbero apportare alla collettività? Se può essere un po’ difficile ipotizzare i benefici diretti, di sicuro possiamo individuare con certezza il costo, evitabile, dei danni provocati dalle fonti fossili: inquinamento, bonifiche, salute pubblica e sanitaria, catastrofi climatiche. Sappiamo che l’utilizzo eccessivo delle fonti fossili ha precisi costi sociali, che mai vengono contemplati nella pianificazione delle politiche di sviluppo e che sempre vengono scaricati sulla collettività. Sappiamo, per esempio, che se il kwh prodotto dal carbone contemplasse anche il costo delle conseguenze sociali e ambientali, il prezzo dell’energia prodotta dal carbone sarebbe il quadruplo del prezzo attuale ed il triplo rispetto all’attuale costo di produzione del kwh fotovoltaico. Secondo lo stesso principio (cioè considerando i costi socio-ambientali accollati alla collettività) la benzina costerebbe circa un euro in più al litro.   A...

Leggi tutto »