Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Stoccaggio domestico: i benefici da studio di Anie

23 ottobre 2013

Fotovoltaico e stoccaggio domestico dell’energia tramite batterie. Questa la nuova prospettiva del fotovoltaico domestico e industriale per garantire i massimi benefici dall’installazione di un impianto fotovoltaico.

Uno studio di Anie-Energia, svolto con la collaborazione di alcuni principali player del settore elettrico, ha analizzato  i principali benefici dei cosiddetti RESS: i Residential Energy Storage Systems. Convengono? Quali sono i benefici economici? Coma cambia il rapporto costi-benefici della realizzazione di un impianto fotovoltaico?

A queste ed altre domande si cimenta a rispondere il rapporto di Anie Energia che si pone l’obiettivo di identificare la convenienza derivante dall’installazione dei sistemi di accumulo connessi agli impianti fotovoltaici domestici o piccole realizzazioni commerciali. Convenienza misurata non solo dall’impatto che i sistemi di accumulo potranno avere sull’utente finale, ma anche sull’intero sistema energetico nazionale.

La generazione di energia pulita da fonte fotovoltaica ha avuto nell’ultimo settennio un impatto non di poco conto: ha avuto un tasso di crescita verticale arrivando a coprire ad oggi circa il 7% della domanda elettrica nazionale, con oltre 500 mila impianti fotovoltaici ad oggi in funzione.

Questo rapido sviluppo sta avendo effetti a livello di rete e di integrazione delle rinnovabili nel sistema nazionale e da poco il gestore di rete ha iniziato ad affrontare le problematiche derivanti dalla crescita, tanto vertiginosa quanto intermittente, dei flussi di immissione elettrica in rete provenienti dalle fonti rinnovabili. Si tratta di problemi quali: intermittenza, picchi di potenza elettrica immessa in rete, sbilanciamenti e non prevedibilità della produzione di energia.

Nel rapporto vengono ipotizzati diversi scenari di penetrazione dello stoccaggio domestico sulla rete nazionale: dalla crescita contenuta, fino alla sua diffusione di massa. Il “filo conduttore” di tutti gli scenari ipotizzati è il risparmio in bolletta ottenibile attraverso la riduzione del prelievo di elettricità dalla rete e il beneficio sul sistema elettrico riscontrabile per effetto di migliori e “normalizzate” immissioni in rete. Le batterie, infatti, avrebbero l’effetto di ridurre i picchi di immissione in rete e gli sbalzi di tensione.

stoccaggio domestico

Con lo stoccaggio domestico dell’energia, dunque, si avrebbe una migliore integrazione delle rinnovabili elettriche sulla rete ed un minore bisogno di investimenti sulle infrastrutture di distribuzione e trasporto.

Ovviamente, ad oggi, l’ostacolo principale è il costo. Conviene pagare per un sistema di accumulo che consenta di risparmiare? Dipende da quanto: quanto pago e quanto posso risparmiare?
Per questo motivo, secondo Anie l’obiettivo principale per i prossimi anni deve essere quello di una nuova regolazione normativa in grado di sostenere ed agevolare i sistemi di stoccaggio: è necessario favorire la diffusione su larga scala dei sistemi di accumulo per una necessaria riduzione dei costi.

Si tratterà di un vero e proprio cambiamento di paradigma.

Leggi qui tutti i benefici dei sistemi di accumulo.

Ecco le conclusioni del rapporto.

L’analisi svolta dimostra che la diffusione dei sistemi di stoccaggio domestico possono consentire  la prosecuzione degli investimenti sul fotovoltaico anche dopo gli incentivi e le detrazioni fiscali. La diffusione dello storage domestico al servizio del fotovoltaico, inoltre, permetterebbe l’aumento occupazionale in Italia dovuto allo sviluppo di un nuovo segmento della filiera del solare.

Dalle valutazioni analitiche emergerebbe, inoltre, un introito complessivo per l’investitore di circa 270 € l’anno così suddivisi:

  • 100 euro l’anno per i benefici sul sistema elettrico nazionale;
  • 170 euro l’anno per i risparmi ottenibili in bolletta

Questo beneficio annuale consentirebbe nel tempo di ripagare completamente il costo sostenuto per l’acquisto del sistema di stoccaggio domestico.

Grazie all’economia di scala, si prevede, i sistemi di accumulo caleranno di prezzo, entro i prossimi anni, di circa il 40-50%. Però, per affrontare la situazione a breve termine, sarebbe necessario, secondo gli analisti, identificare degli strumenti normativi di sostegno alla diffusione così da poter avviare il mercato e permettere il raggiungimento delle necessarie efficienze. Questo tipo di politica ha già preso avvio in Germania con l’incentivazione dei sistemi di stoccaggio per il fotovoltaico.

Scarica qui l’intero rapporto di Anie-Energia.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


3 Commenti

  1. Davide V., il 24 ottobre 2013 ore 10:14

    Purtroppo per noi, che già abbiamo un impianto convenzionato col GSE per gli incentivi, non se ne parla nemmeno, stante la precisazione del GSE che praticamente decreta la decadenza del diritto agli incentivi ed anzi decreta il rimborso di quelli già ottenuti qualora si modifichi la connessione alla rete approvato alla stipula della convenzione. Occorre che i politici si diano una mossa per rimuovere questo ostacolo primario e che poi ammettano la detrazione fiscale del costo dell’integrazione dell’impianto di accumulo, come già è per i nuovi impianti. Ciò anche per un dritto di pari trattamento con coloro che oggi decidono di istallare un nuovo impianto fotovoltasico con integrato un sistema di accumulo, i quali hanno diritto alle detrazioni fiscali per tutto il costo complessivo. Speriamo che qualcuno in alto se ne accorga e che intervenga al più presto, sarebbe un importantr volano economico per il paese, visto il numero di impianti già attivi (600.000) che potrebbero in buona parte decidere di integrare le batterie. Per non parlare dei vantaggi che si otterrebbero per quanto riguarda le reti di distribuzione. In Germania lo hanno capito e stanno investendo in quest’area, noi invece siamo i soliti incapaci di vedere le opportunità di sviluppo economico a costo zero per lo stato che anzi produrrebbero lavoro, fatturato, IVA, entrate nette in più per lo stato, di cui si ha tanto bisogno oggi.

  2. ATTILIO, il 3 novembre 2013 ore 12:19

    ATTILIO come già richiesto forse il mio impianto con SCAMBIO SUL POSTO faccio parte di incentivi per quella parte che mi verra rimborsata a fine anno per poter istallare le batterie di accumolo grazie attendo risposta ATTILIO

    • Alessandro, il 4 novembre 2013 ore 11:49

      ???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.