Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Leggi su fotovoltaico e rinnovabili, ecco le novità del 2014

10 aprile 2014
Voto:4/5 (6 voti)

Facciamo il punto sulle leggi su fotovoltaico in Italia alla luce delle novità del 2014 che riguardano il settore introdotte con il nuovo governo.

Per chi vuole un veloce aggiornamento, ecco cinque misure che hanno un riscontro diretto sul settore del fotovoltaico:

 

  • legge si stabilità 2014
  • decreto Destinazione Italia
  • proroga del conto energia per i territori colpiti da calamità
  • Milleproroghe
  • capacity payment

Vediamoli brevemente uno per uno.

La legge di stabilità 2014 ha prorogato di un anno l’ecobonus per il fotovoltaico. Ristrutturazioni e installazione di impianti fotovoltaici sono detraibili dal reddito Irpef al 50% fino al 31 dicembre 2014.
Su questo abbiamo già dedicato diversi articoli.

Il decreto destinazione Italia apporta due cambiamenti riguardanti chi ha già un impianto fotovoltaico e riceve gli incentivi del conto energia.

Il primo riguarda chi ha stipulato col Gse il contratto di “ritiro dedicato” per la vendita dell’energia al Gse attraverso i Prezzi Minimi Garantiti. Il decreto prevede che tutti coloro che già ricevono gli incentivi del conto energia non beneficiano più dei prezzi minmi garantiti per la vendita in rete dell’energia prodotta. O meglio: per loro i prezzi minimi garantiti saranno uguali ai prezzi zonali di mercato. In altre parole: per chi già riceve gli incentivi la vendita dell’energia prodotta avverrà ai regolari prezzi di mercato (che si “formano” di giorno in giorno in base alle dinamiche della domanda e dell’offerta sulla borsa elettrica).
Per approfondire il discorso leggi qui.

Il secondo cambiamento previsto dal “Destinazione Italia” riguarda l’invito a farsi “spalmare” gli incentivi ricevuti, anzichè per 20 anni (come da contratto), per un periodo di tempo maggiore. Chi avesse rifiutato non avrebbe potuto godere di ulteriori agevolazioni successive. Ma su questo il governo ha fatto il “solito passo indietro” dell’ultimo momento, creando non poca confusione.

leggi su fotovoltaico

Un’altra misura riguarda la proroga degli incentivi del quinto conto energia per chi si trova in zone colpite da calamità naturali tipo: terremoti, alluvioni, ecc… Attenzione, però: la proroga riguarda solo gli impianti che già si erano iscritti al registro nel 2013 per ricevere gli incentivi del quinto conto energia.

 

Anche il decreto mille proroghe ha ricadute dirette sul fotovoltaico, ma questo riguarda principalmente facilitazioni burocratiche e allungamento dei termini per accedere agli incentivi per impianti situati in zone colpite da terremoto nel 2012-2013.

Un’altra misura introdotta dalla legge di stabilità 2014 del governo Renzi ha introdotto il “Capacity Payment“, una misura che prevede il pagamento di una sorta di “risarcimento” alle centrali termoelettriche messe in crisi dalle fonti rinnovabili.
Spieghiamo meglio il meccanismo che ha portato al capacity payment: le fonti rinnovabili, in particolare il fotovoltaico in Italia, mette a disposizione molta energia a basso costo durante il giorno con la conseguenza di abbassare di molto il prezzo medio di mercato dell’energia durante il giorno. Le centrali termoelettriche hanno, a causa delle rinnovabili, una sovra-capacità produttiva e l’energia che riescono a vendere non ripaga gli investimenti fatti. Le centrali termoelettriche sono diventate negli ultimi anni investimenti anti-economici ed il “capacity payment” sarebbe una sorta di “risarcimento” del danno per ripagare gli elevati costi fissi di funzionamento di queste centrali, che rimangono comunque necessarie per soddisfare il bisogno serale di elettricità.

Chi debba effettivamente pagare questo risarcimento ancora non è chiaro, ma probabilmente saranno i cittadini con le bollette elettriche.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.