Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Importare energia per 12 miliardi: è un investimento o un costo?

13 febbraio 2014

Perchè, anzichè importare energia a ad un prezzo così elevato, non si finanzia l’autoproduzione con le fonti rinnovabili? Importare energia dall’estero è un investimento o un costo?

Nel 2011 il governo italiano ha gettato le basi per la conclusione di un accordo commerciale con la Serbia per l’importazione di energia elettrica. A distanza di tre anni da allora, quell’accordo è sotto la lente di analisti ed esperti che sottolineano come ci siano poche (e non positive) informazioni riguardo agli effetti reali di quel contratto per i consumatori italiani, contratto che prevede di importare energia elettrica per ben 12 miliardi di euro.

L’accordo, in particolare, è volto a favorire la produzione in Serbia e il consumo in Italia di energia di natura idroelettrica. A questo scopo la società italiana Seci Energia e la società elettrica statale serba hanno previsto la costruzione di oltre 10 impianti in territorio serbo, di cui tre di dimensioni maggiori. I costi necessari alla realizzazione dell’opera sono a carico della società italiana per il 51% e della controparte serba per il restante 49%.

Secondo le fonti serbe i costi complessivi derivanti dalla effettiva realizzazione degli impianti ammonterebbero a circa 12 miliardi di euro. Il governo italiano in carica nel 2011 e, in particolare, l’allora Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani, si è impegnato a sostenere i costi legati a questa operazione. Considerando che complessivamente gli impianti serbi possono produrre e destinare all’esportazione verso l’Italia un quantitativo annuo di energia stimato in circa 6TWh, ne discende che il costo per ogni MWh importato è pari a ben 155 euro.

 

Importare energia dall’estero costa più del doppio rispetto al suo prezzo di mercato

Le condizioni economiche dell’accordo appaiono chiaramente sfavorevoli: il costo che l’Italia deve sostenere per approvvigionarsi dalla Serbia è più del doppio del costo medio di mercato dell’energia idroelettrica, che durante lo scorso anno aveva un valore medio di 63 euro per Megawattora.

importare energia da serbia costo o investimento

Importare energia dall’estero è un investimento o un costo?

Dover affrontare costi così elevati non è solo una scelta economicamente poco razionale, ma ha importanti conseguenze anche sul piano della bolletta elettrica mensile che i cittadini italiani sono chiamati a pagare. Ad incidere sui costi in bolletta sono infatti tutte le grandi opere che i vari governi che si sono succeduti negli ultimi anni si sono impegnati a realizzare. Se l’obiettivo iniziale probabilmente era quello di ammodernare il sistema elettrico nazionale e di incrementare le percentuali di energia proveniente da fonti rinnovabili, le conseguenze di questi accordi sembrano molto poco favorevoli. Oltre al già citato accordo tra Italia e Serbia, vale la pena citare anche l’accordo che prevede la costruzione di un elettrodotto sottomarino che dovrebbe collegare l’Italia e il Montenegro, Paese da cui si vorrebbe ulteriormente importare energia.

Se i costi dell’operazione saranno confermati, l’importazione di energia idroelettrica dalla Serbia costerà all’Italia 930 milioni di euro ogni anno. Considerando che il contratto ha una durata prevista di 15 anni, è facile calcolare quante risorse finanziarie l’Italia sta portando al di fuori dei suoi confini. Appare naturale chiedersi perché i nostri governi abbiano preferito destinare risorse all’acquisto di energia elettrica a prezzi di molto superiori rispetto a quelli di mercato invece di finanziare l’autoproduzione, puntando alle fonti rinnovabili.

Perchè, dunque, anzichè importare energia a ad un prezzo così elevato, non si finanzia l’autoproduzione con le fonti rinnovabili? Fotovoltaico, dunque, ma non solo.. Qual è, in questo caso, il vero costo e quale sarebbe il vero investimento?

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.