Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Fondo Kyoto: finanziamenti agevolati per il fotovoltaico (2012)

11 marzo 2012
Voto:4/5 (5 voti)

Cosa è il Fondo Kyoto

Il Fondo Kyoto è un fondo, istituito presso la Cassa Depositi e Prestiti, destinato a finanziare interventi finalizzati a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra. Tra i possibili beneficiari figurano singoli e imprese che vogliono installare un impianto fotovoltaico , fino ai 40 Kw di potenza, usufruendo del terzo o quarto conto energia. La domanda è da presentare entro il 14 luglio 2012.

Si tratta della possibilità di usufruire, da parte di persone fisiche, imprese, enti pubblici, Condomini, Esco, di finanziamenti a tasso agevolato. Il tasso di favore finanziato dal fondo Kyoto ammonta allo 0,5% per  finanziamenti compresi tra un periodo di tempo che va dai 3 ai 6 anni per i soggetti privati e dai 3 ai 15 anni per i soggetti pubblici.

Il Fondo Kyoto, creato per attualizzare in Italia il protocollo di Kyoto, è istituito presso la Cassa Depositi e Prestiti..

Cosa è la Cassa Depositi e Prestiti?

E’ innanzitutto una Spa a controllo pubblico (70% statale e 30% di fondazioni bancarie). E’ anche azionista di maggioranza di grandi società. Ma soprattutto è il gestore del Risparmio Postale dei cittadini. La cassa depositi e prestiti si occupa, gestendo il risparmio postale, di finanziare grandi interventi ed opere statali: dalle infrastrutture, ai servizi pubblici, all’edilizia sociale, all’energia fino alle rinnovabili. Insomma tutto ciò che è pubblico, ma anche tutto ciò che è sostegno pubblico alle piccole e medie imprese, passa dalla cassa depositi e prestiti.

Chi può aderire ai finanziamenti agevolati del fondo Kyoto ?

Possono aderire svariati soggetti: le persone fisiche (singoli e famiglie e tutti gli individui non soggetti ad Iva), le “comproprietà” di beni mobili ed immobili (cointestando a tutti i proprietari coinvolti il contratto di finanziamento), le imprese pubbliche e private, le Esco, le persone giuridiche private, gli enti pubblici in genere, i condomini.

Quali interventi finanzia il fondo Kyoto?

Il fondo è destinato a finanziare le più svariate tipologie di interventi. Una lista indicativa dei possibili interventi finanziabili:

  • impianti di micro-cogenerazione ad alto rendimento fino a 50 Kw, cioè quelli a gas naturale, biomasse, biocombustibili, …)
  • impianti eolici (tra 1 e 200 Kw di potenza)
  • impianti idroelettrici (tra 1 e 200 Kw)
  • impianti solari termici per riscaldamento e acqua calda sanitaria (fino ai 200 mq di estensione)
  • impianti termici a biomassa tipo pellets o cippato
  • impianti fotovoltaici tra 1 e 40 Kwp di potenza e installati su edifici
  • interventi per il risparmio energetico sugli involucri e infissi degli edifici
  • impianti di cogenerazione
  • teleriscaldamento da impianti in co-generazione
  • impianti geotermici
  • sostituzione di motori elettrici con altri ad alta efficienza
  • ecc…

Le tempistiche per presentare domanda per usufruire del Fondo Kyoto

Dal 16 marzo 2012 è possibile presentare domanda.

La pubblicazione della “Circolare  Kyoto” in gazzetta ufficiale è avvenuta il primo marzo 2012. Dal giorno dopo è possibile, dopo aver contattato la banca, fare l’accreditamento/registrazione sul sito della Cassa Depositi e Prestiti.

Dal 16 Marzo 2012 è possibile presentare domanda on line direttamente sul sito della cassa depositi e prestiti, dopo aver raccolto tutta la documentazione necessaria.
La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 14 Luglio 2012
Scarica il vademecum ufficiale Fondo Kyoto

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.