Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Fotovoltaico in autoconsumo : quanto si risparmia?

Ultimo aggiornamento: 17-04-2013
Voto:4/5 (7695 voti)

 

Con un’autoconsumo del 50 per cento si risparmia tanto da portare l’impianto fotovoltaico già in grid parity. In questo articolo vediamo perchè.

 

Chi ha un impianto fotovoltaico, o chi è interessato ad installarlo, deve sapere un principio fondamentale: la fetta più grande del risparmio che può generare è legata alla quota di autoconsumo.

Se fino a ieri i benefici degli incentivi garantivano un guadagno sui 20 anni in grado di ripagare abbondantemente le spese fatte per l’impianto. A breve, con la fine degli incentivi, il ritorno economico dell’investimento è lasciato “nelle mani” di due fattori principali:

  • il prezzo di installazione chiavi in mano
  • la quota di autoconsumo in sito generata dall’utenza

Sul primo punto abbiamo già scritto, in abbondanza. Il concetto è semplice ed è sempre lo stesso: la convenienza del fotovoltaico è sempre un rapporto tra costi e benefici. Se i costi, i prezzi chiavi in mano, diminuiscono nel tempo aumenta in proporzione la convenienza dell’impianto fotovoltaico. Ugualmente: se il prezzo dell’energia acquistata dalla rete lievita negli anni (energia non prodotta dall’impianto, ma pagata in bolletta), il fotovoltaico risulterà proporzionalmente sempre più conveniente.

grid parity fotovoltaicoPer dare un’immagine chiara, ci troviamo di fronte a due opposte curve di prezzo: una che sale, ed è il costo dell’energia legata al petrolio ed ai combustibili fissili, e l’altra che scende, che è il costo dell’energia fotovoltaica (e delle fonti rinnovabili). Il punto di incrocio tra la due curve è la grid parity e da questo punto in poi il fotovoltaico risulta di per sè più conveniente rispetto alle fonti fossili.

Il punto di pareggio (grid parity) varia da impianto ad impianto perchè dipende dal rendimento generato, dal modo in cui si utilizza l’impianto (autoconsumo, vendita, …) dalle condizioni di consumo e da altri fattori.

A questo proposito: vale la pena spendere qualche parola in più sulla variabile più importante per generare il miglior ritorno economico dall’investimento: la quota di autoconsumo.

Per autoconsumo, si intende autoconsumo in sito, cioè effettuato nel momento stesso della produzione dell’impianto. Nel momento in cui l’impianto fotovoltaico è in funzione, l’elettricità generata ha due possibili vie: o l’autoconsumo istantaneo (se al momento c’è una richiesta di corrente dall’utenza) o l’immissione in rete (se al momento non c’è richiesta di energia dall’utenza). Autoconsumare conviene di più che immettere in rete.

fotovoltaico autoconsumo quanto si risparmia

Parlando di impianti in scambio sul posto: con il 50 per cento o più di autoconsumo il fotovoltaico è già oggi, con i prezzi di oggi ed anche senza incentivi, più conveniente rispetto all’acquisto di energia dalla rete.

Ovvero: con almeno il 50% di autoconsumo già oggi l’impianto è in “grid parity”, grazie alla minore quantità di energia acquistata dalla rete ed al risparmio generato.

In linea generale i benefici dell’autoconsumo sono legati a “doppio filo” ai benefici derivanti dalla diminuzione dei costi. Con l’ininterrotta diminuzione di tutti i costi della filiera, dalla lavorazione del silicio fino all’installazione “chiavi in mano”, si stima che a fine 2013 per le famiglie e le PMI il costo del chilowattora prodotto dal fotovoltaico potrà eguagliare a pieno titolo il costo dell’energia pagata in bolletta dalla maggior parte delle utenze in Italia.

Il nuovo modello di sviluppo del settore, si sposterà quindi dal business dei grandi investimenti (come è stato fino al 2012) al modello incentrato sul concreto risparmio in bolletta legato all’autoconsumo e da sistemi di accumulo in grado di aumentare per quanto possibile la quota di autoconsumo in sito dell’energia auto-prodotta.

Quali sono, in definitiva, le reali prospettive per il mercato del fotovoltaico non incentivato?

Secondo diversi studi il mercato del fotovoltaico non incentivato crescerà nei prossimi anni, in virtù dei risparmi che potrà generare sulle singole utenze. Si svilupperà, in maniera più graduale di ciò che è stato fino ad ora, e senza prospettare i grandi margini di guadagno che ha avuto fino ad oggi. Per Germania, Spagna e Italia si prospetta dunque un mercato solido che, secondo le stime di alcuni studi di settore, raggiungerà nel 2020 circa i 45 Gigawatt di potenza installata, pari a circa il 10% della domanda elettrica.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


6 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.