Susah buat dapat meluaskan dengan kilat. Game gambling dengan efek besar ini pasti aja hendak hadapi agen sbobet terpercaya kesusahan dalam ekspansi permainannya. Alhasil membuat banyak yang kesusahan kala memanglah hendak meningkatkan game agen gambling.

Awali game dengan metode yang elok, ialah mengawali menggerakan satu pionir dengan 2 tahap maju ke depan agen bola ataupun dapat pula melaksanakan 2 buah pionir dari bagian pojok kiri serta kanan tiap- tiap satu tahap. Saat sebelum menggerakan gajah betapa lebih bagusnya melaksanakan jaran terlebih dulu. Pergerakan jaran yang zigzag( semacam graf L) hendak lebih gampang menerobos pertahanan rival.

Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Indonesia sendiri terkini memahami internet di tahun 1910- an. Perihal itu dipakai di sebagian badan akademis akademi besar. Setelah itu, pada tahun bandar togel terpercaya kemudian Indonesia sah tersambung dengan jaringan internet dengan memakai aturan TCP atau IP serta daerah“ id” buat ikon Negeri.

Connettere il fotovoltaico alla rete, quanto tempo ci vuole?

Ultimo aggiornamento: 24-04-2018
Voto:4/5 (7696 voti)

Quanto tempo ci vuole per connettere il fotovoltaico alla rete?
Quando si installa il fotovoltaico una delle problematiche che a volte emergono è relativa ai tempi di completamento dei lavori. A volte tutto procede per il meglio, senza intoppi, ma, giunto il momento di connettere  il nuovo impianto fotovoltaico alla rete elettrica generale, i lavori si fermano e iniziano gli intoppi.

Perchè?

Spesso perchè sorgono problemi o dilungamenti imputabili ad E-distribuzione (Enel Distribuzione), l’ente responsabile a livello nazionale della distribuzione dell’elettricità sulle reti locali in bassa tensione. Enel-distribuzione è dunque il referente per l’allacciamento dell’impianto in rete. I dilungamenti accadono soprattutto per i grandi impianti che per l’allacciamento devono seguire particolari procedure o richiedono lo svolgimento di lavori aggiuntivi sulla rete elettrica o sulle cabine di trasformazione.

Questi “dilungamenti” sono sempre dei “ritardi” ed, eventualmente, a chi sarebbero imputabili?

Per fronteggiare al meglio l’eventuale insorgere di questi problemi, anche per i non addetti ai lavori è utile conoscere a grandi linee i principali passaggi per connettere il fotovoltaico alla rete elettrica. La procedura di connessione, infatti, è regolata dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (l’Aeeg) e deve aderire a determinate procedure, costi e tempistiche, previste dalla normativa tecnica (nello specifico il TICA, Testo Integrato delle Connessioni Attive).

 

Quanto tempo ci vuole per connettere il fotovoltaico alla rete elettrica?

connettere il fotovoltaico alla retePer rispondere a questa domanda vediamo come deve essere la procedura di connessione del fotovoltaico in fase di installazione.

Ecco la procedura per connettere il fotovoltaico alla rete in 8 semplici passaggi.

  1. La prima cosa è sempre un sopralluogo tecnico sul sito di installazione (tetto o terreno che sia). Un occhio qualificato valuterà la fattibilità dell’installazione e farà una prima stima dei costi e delle tempistiche (compresi quelli per connettere il fotovoltaico alla rete).
  2. Dopo che si ha l’ok del sopralluogo tecnico, bisogna richiedere le autorizzazioni amministrative per la realizzazione dell’impianto. In questa fase il primo referente è l’ufficio tecnico del Comune di installazione. Se si tratta di un piccolo impianto su tetto e se non ci si trova in qualche zona “tutelata”, in genere basta l’invio di una semplice comuncazione preventiva al Comune per l’effettuazione dei lavori, come per molti tipi di ristrutturazione.
  3. Una volta ottenute le autorizzazioni dal Comune è possibile fare la richiesta ad Enel distribuzione per connettere il fotovoltaico alla rete. La richiesta di allacciamento, dunque, avviene ancor prima di iniziare i lavori di realizzazione dell’impianto: è inutile iniziare i lavori se l’Enel non da l’ok.
  4. Entro 20 giorni dall’invio della richiesta, Enel deve inviare al richiedente il preventivo per effettuare la connessione dell’impianto in rete. La tempistica non è sempre di 20 gg, ma dipende dalla taglia dell’impianto e dalle potenze in immissione.Ecco le tempistiche per ottenere il preventivo da enel:
    • 20 gg lavorativi per potenze in immissione fino a 100 Kw
    • 45 gg lavorativi per potenze in immissione dai 100 ai 1.000 Kw
    • 60 gg lavorativi per potenze in immissione oltre i 1.000 Kw
  5. Ricevuto il preventivo il titolare dell’impianto deve pagare, per accettazione, il 30% dell’importo previsto entro 45 giorni dal suo ricevimento. L’importo rimanente dovrà essere pagato a fine lavori.Da questo momento il titolare può iniziare in sicurezza i lavori di realizzazione impianto.
  6. Terminati i lavori il titolare dei lavori deve inviare all’Enel la comunicazione di “fine lavori”.
  7. Inviato il “fine lavori”, Enel ha tempo 30 giorni lavorativi per proporre al titolare dell’impianto le date dell’effettiva connessione.

    Anche in questo caso i 30 giorni sono quelli previsti nei casi più frequenti relativi ai piccoli impianti. In realtà le tempistiche previste per comunicare le date di allacciamento sono le seguenti.
    Dal fine lavori:

    • 30 gg lavorativi per lavori semplici
    • 90 gg lavorativi per lavori definiti complessi.
      Questi 90 giorni aumentano di 15 giorni lavorativi per ogni km di linea da realizzare in media tensione eccedente il primo chilometro.Sarà il preventivo a stabilire se si tratta di lavori “semplici” o “complessi”.
  8. Entro 10 giorni lavorativi dalla data della precedente comunicazione l’Enel deve effettivamente connettere il fotovoltaico alla rete.

 

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


6 Commenti

  1. Giovanni Battista Franco, il 8 Giugno 2015 ore 21:07

    mio impianto non connesso ed è stato predisposto dal 7 Novembre 2014.
    pratica -65843471-località Sassari zona Ottava s.s.131.
    Urge chiudere la pratica ATTIVANDO quanto dovuto e rimborsando i danni .
    SECHI GIOVANNI BATTISTA FRANCO
    Tel.079390200
    cell.3807118173

    • Alessandro F., il 9 Giugno 2015 ore 09:12

      Io proverei a contattare l’Aeeg mettendoli al corrente che Enel non svolge il suo compito come dovrebbe.
      Che motivazioni fornisce enel distribuzione?

    • massimo, il 22 Luglio 2015 ore 20:53

      Il mio impianto non vede la luce da marzo 2014 cosa fare con enel che continua con assurde richiesta ed intoppi burocratici?

      • Alessandro F., il 23 Luglio 2015 ore 14:45

        cosa prevedeva il preventivo Enel per l’allacciamento?
        Il massimale, dopo il fine lavori, mi pare è di 90gg…

  2. sergio, il 2 Luglio 2019 ore 15:08

    da fine dicembre il mio impianto e pronto ma ad oggi inizio luglio enel non a ancora eseguito l allacio alla rete c e un numero di telefono per poterli contattare

  3. gipi, il 3 Luglio 2019 ore 23:31

    Ciao Sergio

    Vedo che questa è la stessa domanda che hai poso nell’altra “striscia” di discussione :
    https://www.fotovoltaiconorditalia.it/conto-energia/conto-energia-2011/enel-costi-e-tempistiche-per-la-connessione-dellimpianto-fotovoltaico-alla-rete-elettrica#comment-84318

    Presumibilmente la tua situazione di “Avanzamento Pratica” ha avuto qualche incidente di percorso del quale tu non sei al corrente.

    Se tu disponi di tutti i dati necessari (che ti dovrebbero essere forniti da chi ti ha venduto l’Impianto e ha curato le pratiche presso ENEL Distibuzione e presso il GSE) puoi solamente fare un RECLAMO scritto a “e-distribuzione”.

    Il reclamo può anche essere fatto via mail (vedi sul Sito internet di e-distribuzione) ; troverai anche numeri di telefono per i reclami verbali ma solitamente poi non si conclude nulla di concreto.

    Con uno “scritto” rimarranno anche “nero su bianco” tutti i dati che avrai forniti; loro ti risponderanno a loro volta per scritto e tutto rimarrà molto più chiaro. Di norma, in questi casi, viene aperta una Pratica con un preciso numero di riferimento.

    Comunque sarà molto improbabile che loro siano in difetto ed è quasi sicuro che la tua Pratica non sarà stata svolta nel modo richiesto da chi la doveva presentare a “e-distribuzione”.

    Se veramente il ritardo fosse imputabile a “e-distribuzione” allora ti arriverebbe una marea di soldi di “Indennizzo automatico”.
    Per darti una idea : 20 €/giorno per ogni giorno di ritardo.
    Fai conto che, a spanne, l’inizio del conteggio dei giorni di ritardo può essere iniziato passati due mesi dalla data in cui la tua Pratica risulta essere stata tecnicamente ultimata e da loro accettata.

    Fai conto che, se avessi ragione tu, ti arricchirai più di uno sceicco Arabo…………………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.