Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Tag: stato dell’arte fotovoltaico

Fotovoltaico, Italia Solare organizza un ciclo di incontri in tutta Italia

25 luglio 2016
Fotovoltaico, Italia Solare organizza un ciclo di incontri in tutta Italia
Sappiamo bene quanto sia importante far circolare le informazioni, soprattutto se si tratta di quelle riguardanti il fotovoltaico ed il risparmio energetico, settori perennemente instabili a livello normativo e sotto i “continui attacchi” di parte delle istituzioni. Più che di “informazione” ciò di cui si ha più bisogno oggi, per gli addetti ai lavori e non solo, è la continua “formazione”. Italia Solare è un’associazione, con sede a Monza, che si occupa di promuovere il fotovoltaico a livello nazionale rappresentando presso le istituzioni i proprietari degli impianti fotovoltaici e tutti gli operatori della filiera. Uno degli obbiettivi dell’associazione è quello di “far chiarezza”, cercando di comunicare se e quanto il fotovoltaico sia ancora conveniente, a quali condizioni, e soprattutto quali opportunità ci sono oggi per realizzare ancora buoni investimenti. Anche il Gse ha riconosciuto nell’associazione un importante interlocutore istituzionale per tutte le questioni ed i dubbi riguardanti gli impianti...

Leggi tutto »

Quale futuro per il fotovoltaico in Italia? Punti critici e potenzialità.

8 luglio 2016
Quale futuro per il fotovoltaico in Italia? Punti critici e potenzialità.
Il fotovoltaico, come le altre fonti rinnovabili, hanno elevate potenzialità di sviluppo, anche in Italia. Secondo Irena, l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili, i costi di produzione del kwh da fonti rinnovabili hanno margini di riduzione ancora molto elevati: a livello globale il fotovoltaico potrebbe ridurre i costi di generazione di un ulteriore 59%, mentre il solare a concentrazione di un ulteriore 43% (vedi report Irena). Questo potrebbe accadere entro il 2025. Sempre che le lobby del fossile non continuino ad ostacolare, come in Italia, il naturale evolversi delle rinnovabili. In ogni caso la ulteriore riduzione dei costi renderà la tecnologia sempre più conveniente e competitiva. Il fotovoltaico in Italia, nonostante lo sviluppo esponenziale che ha avuto tra il 2007 ed il 2013, oggi è “inchiodata” ad un livello di nuove installazioni pari a quello che c’era nel 2008. Oggi, però, a differenza di quegli anni, avanzano le piccole...

Leggi tutto »

IRENA, al 2030 fotovoltaico coprirà il 13% della domanda globale

29 giugno 2016
IRENA, al 2030 fotovoltaico coprirà il 13% della domanda globale
Il Fotovoltaico a livello globale sta crescendo con un ritmo equiparabile a quello visto in Italia fino al 2013. Molti player internazionali dell’energia stanno investendo in centrali da fonti rinnovabili e sistemi di storage elettrico. Anche in diversi paesi emergenti, in primis l’India, il solare diventa una grande opportunità di investimento per diversi investitori locali e internazionali. Secondo un comunicato diffuso da IRENA nell’ambito di Intersolar, la consueta fiera di Monaco sul Solare, il Fotovoltaico entro il 2030 potrebbe arrivare a soddisfare da solo ben il 13% della domanda globale di energia. Oggi siamo intorno al solo due per cento, ma secondo le previsioni, il solare potrebbe passare dal 2 al 13 per cento nei prossimi 15 anni. IRENA (International Renewable Energy Agency) è l’associazione internazionale dedicata allo sviluppo ed alla promozione delle Energie Rinnovabili che raccoglie l’adesione, ad oggi, dell’Unione Europea e di altri 91 Stati nel mondo....

Leggi tutto »

Come viene prodotta l’energia in Italia nel 2016

24 giugno 2016
Come viene prodotta l’energia in Italia nel 2016
Come viene generata l’energia che utilizziamo in Italia? Quanto ancora incidono le fonti fossili e quanto quelle rinnovabili? Come confermato dai dati dell’ultimo report del GME (Gestore del Mercato Energetico), in Italia la produzione di energia è affidata per il 45 per cento alle fonti rinnovabili. In passato il picco della produzione da fonti rinnovabili ha toccato punte di oltre il 50%, ma in linea di massima, al di là di ogni fluttuazione stagionale (si pensi alla produzione fotovoltaica), possiamo ritenere che ormai, a livello strutturale, la quota di energia prodotta con le rinnovabili, si attesta intorno alla metà della produzione totale. Per “fonti rinnovabili”, non intendiamo solo quelle che comunemente si intendono, quali eolico e fotovoltaico. Tra le fonti pulite ci sono anche, e soprattutto, quella Idroelettrica, già molto diffusa in Italia, quella Geotermica ed altre fonti “minori”. Ad oggi l’energia in Italia viene prodotta indicativamente con questi...

Leggi tutto »

Ren21, anni da record per le rinnovabili nel mondo

8 giugno 2016
Ren21, anni da record per le rinnovabili nel mondo
A livello planetario l’ultimo anno è stato il migliore della Storia in quanto a sviluppo e investimenti in energie rinnovabili: per la prima volta il livello degli investimenti green sostenuto nei paesi in via di sviluppo ha superato quello dei paesi sviluppati. Non solo: questo record di investimenti globali verso le rinnovabili avviene in un momento storico in cui i prezzi delle fonti fossili sono al loro minimo storico, dato alquanto significativo per dimostrare, ancora una volta, quanto le fonti rinnovabili siano ormai competitive con le fonti fossili non incentivate. A sostenere queste tesi è il Ren21, un network di istituzioni, associazioni non governative, centri di ricerca e aziende collegato all’Unep, il Programma Ambientale delle Nazioni Unite. Secondo le ricerche il 2015 è stato l’anno record in cui, a livello planetario, le rinnovabili hanno raggiunto la soglia dei 147 Gigawatt di nuova potenza installata in un solo anno: parliamo...

Leggi tutto »

Gli impianti fotovoltaici più grandi del Pianeta

1 giugno 2016
Gli impianti fotovoltaici più grandi del Pianeta
Quando si considera il solare fotovoltaico come una fonte realmente alternativa a nucleare, petrolio, gas e carbone, bisogna anche considerare la possibilità di fare affidamento a grandi progetti. Per produrre quantità di energia che riescano realmente a soddisfare il fabbisogno di intere aree, gli impianti devono essere molti e distribuiti. Nonostante ciò, per beneficiare di enormi economie di scala, spesso è più conveniente, per gli investitori, installare mega impianti in grado di produrre in un’area ristretta enormi quantità di energia pulita, risparmiando sui costi di installazione, sui materiali e sulla “logistica”. Nel mondo il fotovoltaico sta attraversando uno sviluppo mai visto prima. Ed è un questi anni che in molti paesi nascono mega progetti di impianti che producono quantità di energia equiparabili a quelle generate da centrali termoelettriche, idroelettriche o nucleari. Molti di questi progetti sono in fase di realizzazione, altri sono già realizzati ed operativi già da qualche...

Leggi tutto »

Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica

30 maggio 2016
Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica
E’ possibile quantificare i benefici ed il risparmio economico che il fotovoltaico, e le fonti rinnovabili in genere, potrebbero apportare alla collettività? Se può essere un po’ difficile ipotizzare i benefici diretti, di sicuro possiamo individuare con certezza il costo, evitabile, dei danni provocati dalle fonti fossili: inquinamento, bonifiche, salute pubblica e sanitaria, catastrofi climatiche. Sappiamo che l’utilizzo eccessivo delle fonti fossili ha precisi costi sociali, che mai vengono contemplati nella pianificazione delle politiche di sviluppo e che sempre vengono scaricati sulla collettività. Sappiamo, per esempio, che se il kwh prodotto dal carbone contemplasse anche il costo delle conseguenze sociali e ambientali, il prezzo dell’energia prodotta dal carbone sarebbe il quadruplo del prezzo attuale ed il triplo rispetto all’attuale costo di produzione del kwh fotovoltaico. Secondo lo stesso principio (cioè considerando i costi socio-ambientali accollati alla collettività) la benzina costerebbe circa un euro in più al litro.   A...

Leggi tutto »