Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Treni fotovoltaici: tutti i progetti e le realizzazioni

14 ottobre 2013

Treni fotovoltaici: tanti progetti futuristici, ma ancora poche pionieristiche realizzazioni. Nonostante ciò da queste bisogna partire per iniziare a sviluppare una nuova mobilità, ecologica, che utilizza perchè no, tutte le fonti rinnovabili e le tecnologie a disposizione, una fra tutte: il sole ed il fotovoltaico.

Quando si parla di mobilità sostenibile, si pensa subito, in genere, alle auto elettriche, agli scooter elettrici, allo sharing (il cd. trasporto “condiviso”), fino alle biciclette a pedalata assistita. Meno spesso, invece, salta alla mente il trasporto pubblico: treni, autobus, metropolitane, tram, ecc..

I treni, che già di per sè sono mezzi elettrici, potranno rappresentare un nuovo modello di mobilità ecologica e sostenibile? Forse si, se si trova il modo di alimentarli con le fonti rinnovabili, fotovoltaico, eolico, idroelettrico, ecc… e se si trova il modo di ridurre il fabbisogno elettrico per farli funzionare.

Vediamo quali sono i progetti “in corso”, progetti spesso abbastanza futuristici, ma unici nel loro genere.

 

L’ Hyperloop, futuristico treno fotovoltaico

Il primo e più sorprendente è l’Hyperloop. Si tratta di  un progetto per un treno che arriverebbe a 1.100 Km/h di velocità grazie ad un sistema di tunnel, gallerie e di “sospensione magnetica su rotaie” in grado di ridurre al minimo gli attriti. Il tutto verrebbe alimentato anche tramite pannelli fotovoltaici. Secondo il suo inventore, Elon Musk (amministratore delegato di Tesla) il treno fotovoltaico potrebbe percorrere la distanza tra Los Angeles e San Francisco in soli 30 minuti.

Da alcuni è stato definito “un razzo dentro un tubo fotovoltaico privo d’aria”.

treno fotovoltaico hyperloop

Il “tubo fotovoltaico” dentro il quale far passare il treno in sospensione

 

Il Solar Bullet, treno fotovoltaico a 350 km/h

Un altro futuristico progetto di treno fotovoltaico, forse un poco più realistico, è il Solar Bullet. Si tratta di un progetto dell’ingegnere statunitense  Bill Gaither che ha pensato anch’egli ad un treno capace di muoversi sfruttando esclusivamente l’energia fotovoltaica e librandosi sui binari tramite un sistema di campi elettromagnetici.

In questo caso il treno raggiungerebbe la velocità di 355 Km/h percorrendo in soli 30 minuti il percorso tra Phoenix e Tucson, in Arizona.

L’idea ha preso origine infatti in Arizona, territorio particolarmente adatto per il suo abbondante soleggiamento che potrebbe garantire la sufficiente produzione di energia. Il territorio potrebbe garantire la generazione di 110 megawatt di potenza elettrica (pari al fabbisogno di più di 35mila famiglie).

Anche in questo caso i percorsi dei treni fotovoltaici saranno dotati di apposite coperture di pannelli solari in grado di produrre ed immagazzinare l’energia utile al funzionamento del treno sottostante. Il treno assumerebbe le sembianze dei già noti TGV francese e del Shinkansen giapponese: punta allungata ed aerodinamica.

Su questo progetto, nonostante gli elevati costi di realizzazione, ci sarebbero già serie intenzioni da parte di alcuni investitori.

 

treno fotovoltaico solar bullet

Rappresentazione del progetto del treno fotovoltaico Solar Bullet

 

Vili, il trenino fotovoltaico di Budapest

Lasciamo i grandi progetti irrealizzati (forse irrealizzabili?) e veniamo alle piccole realizzazioni.

Si tratta di un mezzo ben più modesto, ma anch’esso unico nel suo genere. Si chiama Vili ed è un trenino fotovoltaico, l’unico ad essere alimentato direttamente dai pannelli fotovoltaici.

Il trenino servirà un percorso turistico tra due località vicine alla capitale ungherese.

Ha due processori da 7 kw e raggiunge una velocità di circa 25 km/h, velocità consona a condurre i turisti all’interno di una splendida riserva naturale. L’effetto di questo progetto è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale nel parco.

Una nota interessante è che l’alimentazione elettrica del treno sfrutta anche l’energia prodotta dalle frenate. Il sistema innovativo è stato interamente prodotto e creato nella stessa Ungheria.

Ecco il video.

 

 

Il tunnel ferroviario fotovoltaico tra Parigi e Amsterdam

Un’ultima interessante realizzazione è il tunnel fotovoltaico tra Parigi ed Amsterdam, sulla tratta dell’alta velocità: è un tunnel ferroviario lungo circa 3 km in grado di produrre energia fotovoltaica direttamente dal sole.

Il tunnel, che non è una galleria sotterranea ma in superficie, era stato pensato inizialmente per proteggere il bosco circostante la tratta di Anversa. In seguito si è pensato di ricoprirlo di ben 16 mila pannelli fotovoltaici. Il tunnel ha così acquistato un’ulteriore valenza ecologica accogliendo pannelli solari in grado di produrre circa 3,5 MW di potenza elettrica pulita. Energia ipoteticamente sufficiente per alimentare tutti i treni del Belgio per un giorno intero e per fornire elettricità alla stessa stazione di Anversa.

Si tratta in effetti di una vera e propria centrale fotovoltaica, con numeri decisamente rilevanti.

Il punto di forza di questa realizzazione, che non è prettamente un treno fotovoltaico, è comunque quello di sfruttare una vasta  superficie già occupata per produrre elettricità pulita, elettricità che può servire anche al funzionamento del treno stesso.

tratta fotovoltaica treno parigi amsterdam

Tratta fotovoltaica sul treno Parigi-Amsterdam

 

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.