Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

El Hierro sarà 100% rinnovabile a partire da giugno

17 marzo 2015
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

A partire da giugno l’energia prodotta sull’isola di El Hierro sarà 100% rinnovabile. La più piccola delle isole che compongono l’arcipelago delle Canarie sta ultimando la costruzione del parco rinnovabile che fra qualche mese inizierà a garantire energia pulita a tutti gli abitanti.

Il parco energetico sarà composto da 5 pale eoliche e una centrale idroelettrica, alimentata da due bacini artificiali. Il primo bacino è situato a 700 metri di altezza e ha una capacità di poco più di 550.000 m3, mentre il secondo bacino è a 50 metri sul livello del mare e può contenere fino a 150.000 m3 di acqua.

A garantire energia ai circa 10.000 abitanti dell’isola delle Canarie sarà per la quasi totalità il sistema eolico: ciò è possibile perché El Hierro è interessata da forti venti provenienti dall’oceano per quasi tutto l’anno. La centrale idroelettrica sarà attivata solo quando sarà necessario, in caso di assenza di vento o quando l’energia proveniente dalle pale eoliche dovesse risultare insufficiente.

Il sistema al 100% rinnovabile avrà il compito di fornire l’energia necessaria a soddisfare il fabbisogno degli abitanti dell’isola, del desalinatore che fornisce acqua potabile e destinata all’irrigazione e dell’impianto di pompaggio dell’acqua che alimenta il bacino superiore dell’impianto idroelettrico.

El Hierro Wind Farm

L’inaugurazione dell’impianto di El Hierro è prevista per il mese di giugno e, a partire dalla fine del mese, dovrebbe entrare pienamente in funzione, realizzando appieno il piano di sostenibilità approvato nel lontano 1997. L’esperimento messo in pratica dall’amministrazione dell’isola delle Canarie è ambizioso ed è considerato come un esempio da seguire per altre isole di tutto il mondo. A essersi interessate al progetto spagnolo sono sia isole europee come la danese Samso sia isole extraeuropee, come la giapponese Oki e l’isola di Aruba, nella Antille Olandesi.

Ma il piano di conversione alle energie rinnovabili di El Hierro non si ferma qui: il sindaco Alpidio Armes si augura di sostituire tutte le auto in circolazione sull’isola con auto elettriche entro il 2020. È stato già siglato un accordo con Renault per la commercializzazione di circa 6.000 veicoli elettrici. Sull’isola, inoltre, dovrebbe sorgere un centro dedicato alla trasformazione degli oli esausti in biodiesel.

L’utilizzo congiunto delle energie eolica e idroelettrica comporterà un risparmio di emissioni di anidride carbonica stimato in 18.700 tonnellate all’anno ed eviterà a El Hierro l’acquisto ogni anno di combustibili fossili equivalenti a 40.000 barili di petrolio. La potenza dell’impianto eolico realizzato sull’isola è di 11,5 MW, mentre la centrale idroelettrica sarà in grado di produrre energia per una potenza massima di 11,3 MW. Insieme, questi due impianti garantiranno l’indipendenza energetica degli abitanti di El Hierro, che potranno soddisfare i propri bisogni di energia ricorrendo esclusivamente a fonti rinnovabili e non inquinanti.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.