Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Con Enel il fotovoltaico si paga in bolletta

Ultimo aggiornamento: 5-3-2014

Chi mette il fotovoltaico con Enel Energia può pagarlo direttamente, a rate, nella bolletta elettrica di casa.
Se ogni bimestre già si paga la bolletta elettrica, perchè non utilizzarla anche per pagare, con calma, il proprio impianto fotovoltaico?

Questa l’idea di Enel Energia, originale promozione, pensata per facilitare l’acquisto di un impianto fotovoltaico sul tetto di casa per famiglie che, con un piccolo finanziamento, potranno dilazionare l’investimento pagando con le usuali bollette elettriche di casa.

Per i clienti Enel, attraverso questa promozione, è possibile dilazionare il pagamento in sei anni con 36 rate bimestrali coincidenti con le bollette elettriche. In questo modo, le bollette elettriche, che si ridurrebbero per l’utilizzo del fotovoltaico, diventano un modo per ammortizzare il costo dell’impianto e del suo finanziamento. Le bollette diventano un modo per dilazionare i costi dell’impianto e l’investimento diventa più semplice e vantaggioso.

 

Come funziona la promozione

fotovoltaico si paga in bolletta

Si può scegliere un impianto da 2 a 6 kw. Un impianto da 2 kw è in genere già sufficiente per il fabbisogno annuale di 2-3 persone (produzione di circa 2.500 kwh/anno). Un impianto da 6 kw è invece sufficiente per una famiglia di più di 5 persone, producendo oltre 7.500 kwh/anno di energia pulita.

La rata bimestrale addebitabile in bolletta è una rata forfetaria che include diversi servizi: dalla progettazione impianto, alle pratiche, fino alla connessione in rete e collaudo. La rata bimestrale include anche i costi del finanziamento, fornito da Intesa San Paolo Personal Finance o Findomestic Banca, ma proprio per effetto della promozione, Enel restituisce in bolletta il costo degli interessi ed alcuni altri “costi accessori”.

 

Quanto costa mettere il fotovoltaico con questa promozione

Ecco quanto costa installare l’impianto fotovoltaico con Enel Energia, con pagamento dilazionato in bolletta e con finanziamento:

  • impianto da 2 kw: 36 rate bimestrali da 241,67 € per un totale di 8.700 euro
  • impianto da 3 kw: 36 rate bimestrali da 313,89 € per un totale di 11.300 euro
  • impianto da 4 kw: 36 rate bimestrali da 394,44 € per un totale di 14.200 euro
  • impianto da 5 kw: 36 rate bimestrali da 463,89 € per un totale di 16.700 euro
  • impianto da 6 kw: 36 rate bimestrali da 527,78 € per un totale di 19.000 euro

(Il finanziamento senza promozione avrebbe un Tan fisso del 7,02% e Taeg del 6,99%).

Per ogni utente, a questi prezzi va poi applicata la detrazione fiscale del 50% in vigore fino al 31 dicembre. Questo vuol dire che, a conti fatti, le spese si dimezzano del 50%. La detrazione fiscale, infatti, ti permette di “scontare” per 10 anni dall’imposta Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) una quota pari al 50% delle spese sostenute.

Ad esempio: se acquisti un impianto da 3 kw, al costo di 11.300 euro, in 10 anni ti vengono “restituiti” (sotto forma di detrazioni fiscali) 5.650 euro, cioè: 565 euro l’anno. A conti fatti, l’impianto lo paghi la metà.

 

Conviene questa promozione?

A nostro parere il costo al kw dell’impianto fotovoltaico, seppure con detrazioni fiscali, seppure con finanziamento, è abbastanza alto: siamo a circa 3.700 euro per kw. In rete si trovano prezzi intorno ai 2.500 euro al kw (ma anche molto meno) con prodotti affidabili e di qualità. Un impianto da 3 kw costa oggi, mediamente, tra 7 e 9 mila euro.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


31 Commenti

  1. Verde Ingegneria srl, il 6 marzo 2014 ore 20:00

    Ottima analisi. Confermo che un impianto da 3 kW oggi non dovrebbe costare più di 7.000 euro (ma anche meno), che se finanziati equivalgono ad massimo di 120-125 euro per 72 mensilità, pari ad un totale di 9.000 euro. Quindi si possono trovare soluzioni MOLTO più convenienti rispetto a quelle offerte da Enel Energia.
    M. Vacquer

    • daniela d., il 13 maggio 2014 ore 13:57

      Sto considerando l’opportunità di aderire a questa proposta, ho avuto un altro preventivo da una ditta che mi proponeva l’impianto ad un costo più elevato.
      Sono comunque dubbiosa, anche se non riesco a definire esattamente dove stà il reale interesse di ENEL nel proporre questa offerta.Sono strutturalmente diffidente, ENEL sicuramente farà i propri interessi e non certo i miei. O sbaglio??

      • Alessandro F., il 19 maggio 2014 ore 13:01

        confermo che 3 kw a 11 mila euro è un prezzo troppo alto per essere conveniente.

      • maurizio, il 7 settembre 2014 ore 16:08

        Ciao,io mi occupo di questo.Ti posso dare un impianto da kwp 3.0 con prodotti di ultima generazione a € 6.900,00(iva inclusa) CHIAVI IN MANO.

        • anna, il 18 ottobre 2014 ore 16:57

          In che zona lavori? io abito in toscana

        • Giancarlo, il 3 novembre 2014 ore 10:18

          Salve se mi può contattare sarei interessato al suo prodotto vorrei sapere se in Calabria avete qualche vostra ditta!!!!

        • Ivanna, il 20 gennaio 2015 ore 11:46

          Scusa, qual è la tua zona?
          Ivanna

        • Antonio Vignola, il 14 marzo 2017 ore 10:04

          Sono Antonio Vignola, abito a Scanzano Jonico (Mt), installate anche in Basilicata, consumo annuo 3806KWh, ho visto il tuo prezzo molto interessante, vorrei sapere se basta per il mio consumo annuale, e voorrei maggiori informazio sul tipo d’impianto.
          Cordiali saluti Antonio

    • Cristine, il 18 febbraio 2017 ore 17:41

      Avrei bisogno di un impianto da 6kw ma 19,000 euro sono decisamente troppi. Avete istallatori da consigliarmi in Versilia?

  2. Maria Laura, il 11 marzo 2014 ore 21:01

    Prezzi altissimi e si trova a molto meno e.. sicuramente con aziende più esperte e materiali migliori

    • luca, il 13 novembre 2015 ore 08:12

      se enel energia commercializza quanto, allora……….
      no comment

  3. Laura, il 23 gennaio 2015 ore 22:46

    State lontano da Enel Energia o Enel.Si!! Abbiamo installato l’impianto con loro (tramite Alaca srl di Treviso). Hanno fatto prestissimo a installarlo, così potevano ricevere i soldi dalla finanziaria, ma… da due mesi aspettiamo che tornino per montare il contatore e collaudare il tutto!
    Quindi impianto montato ma non ancora funzionante e nessuno risponde concretamente ai reclami!! Ora stiamo per muoverci con un legale… fate attenzione!!

    • Alessandro F., il 29 gennaio 2015 ore 18:27

      ok grazie per la segnalazione!

    • ignazio, il 7 gennaio 2016 ore 23:40

      Anch’ io sono in attesa del disbrigo delle pratiche burocratiche di ENEL che si sono inceppate per motivi informatici, ma dal 3 Agosto, oggi siamo nel 2016 !
      Mi sono rivolto all’ Autority per l’ energia , che è prontamente intervenuta, fissando in 20 gg. i termini per una risposta da parte di ENEL, aggiungendo anche la richiesta di rimborso, previsto a norma di legge .

      • Alessandro F., il 8 gennaio 2016 ore 12:36

        a bene, ottimo direi.

  4. Giancarlo, il 11 luglio 2015 ore 19:56

    salve Laura purtroppo mi trovo nelle stesse condizioni Contratto firmato con Enel Energia il 19/01/2015 oggi 11/07/2015 impianto montato ma non ancora funzionante come voi manca il contatore e collaudo

  5. pippo, il 29 luglio 2015 ore 00:24

    mica è colpa di chi monta il fotovoltaico se le pratiche burocratiche per allacciarlo alla rete sono lunghe anche 3 o 4 mesi….

  6. claudio, il 14 agosto 2015 ore 07:58

    Salve, scusate l’ignoranza, ma alle cifre che vengono dette c’è da aggiungere la spesa della normale fornitura oppure è tutto compreso dentro la cifra della rata?
    Claudio

    Gradirei avere una risposta anche sulla mia e-mail. Grazie

    • Alessandro F., il 19 agosto 2015 ore 15:44

      Ciao Claudio, se non ricordo male, la normale fornitura si paga in bolletta, in aggiunta alla rata del fotovoltaico. La rata del fotovoltaico è semplicemente un addebito in più inserito direttamente in bolletta.
      L’utente riceve comunque (con bonifico) il contributo dello scambio sul posto.

      Preferiamo tenere le risposte qui perchè possono essere utili anche ad altri.

      • claudio pini, il 19 agosto 2015 ore 16:34

        grazie.
        claudio

        • Claudio Pini, il 8 gennaio 2016 ore 13:20

          Si, OK, ma cosa vuol dire contributo per lo scambio sul posto?

        • Alessandro F., il 11 gennaio 2016 ore 12:13

          vuol dire che ricevi da gse 2/3 bonifici l’anno che ti rimborsano parzialmente il quantitativo di energia immessa in rete dal tuo impianto fv. Per lo scambio sul posto leggi qui.

  7. Peppe, il 4 luglio 2016 ore 10:33
    • Alessandro F., il 4 luglio 2016 ore 10:47

      prezzi assolutamente fuori mercato: il 3 kw viene 11.500 euro.

  8. Daniele, il 16 novembre 2016 ore 08:26

    La solita storia, anni fa eravamo partner EnelSi con prezzi assolutamente fuori mercato. Attualmente installiamo impianti da 3 kWp a 6.000 Euro chiavi in mano iva e costi di allaccio compresi.

  9. Franco Simeone, il 30 dicembre 2016 ore 08:45

    Buon giorno, mi chiamo Franco.
    Sto per costruire casa e la legge mi impone energia rinnovabile.
    Sto pensando al fotovoltaico e eventualmente anche al solare termico.
    Mi potete dare qualche consiglio?
    Sto ricevendo preventivi da installatori locali. Ma sono realmente un po’ confuso.
    Mi potete rispondere sulla mia mail. Per potere approfondire eventualmente?
    Grazie

    • Roberto Krajcirik, il 23 febbraio 2017 ore 14:51

      ATTENZIONE, per amarissima esperienza personale, non affidarsi mai ad ENEL in nessuna delle sue articolazioni (Enel Green Power, Enel.Si, Enel Energia, ecc.)!
      ENEL c’entra molto poco: concede di fregiarsi del marchio alle ditte affiliate – a titolo ovviamente oneroso – e fornisce loro alcuni prodotti, ma non garantisce nulla in quanto si avvale -appunto- di affiliati che spesso sono ditte o singoli che si occupavano di tutt’altro e che hanno cavalcato l’onda della novità per piazzare varie boiate, lasciando i clienti a loro stessi non appena emergono le rogne.
      Vedere, a parziale esempio:
      – SECUR CONTROL di S. Donà di Piave (VE) poi diventata GANZ e miseramente fallita (era la più grossa affiliata ENEL);
      – TOTAL SOLAR di Total Group con sede a Marghera (VE) poi diventata GRUPPO GREEN POWER spa di Mirano (VE) alla quale ENEL, stufa delle figuracce rimediate per merito di tale affiliata (fatturato di oltrte 30 milioni annui e la seconda per grandezza dopo GANZ), le ha revocato l’affiliazione. Ora il Gruppo Green Power è stato venduto ad INNOVATEC di Milano, ma i dirigenti (dopo aver intascato oltre 7 milioni di euro per la vendita delle loro azioni), sono rimasti al vertice;
      – ALACA srl di Treviso (affiliata ENEL, ma che originariamente si occupava di aspetti assicurativo finanziari) che dopo aver per qualche mese affittato il ramo d’azienda delle rinnovabili al Gruppo Green Power di cui sopra, ha chiuso i battenti. Notare che nella stessa sede di Alaca in viale della Repubblica 247 a Treviso ora c’è – anche – la EVER GREEN PLANET (che oltre alle rinnovabili risulta affiliata ENEL per le utenze varie);
      – EVER GREEN POWER srl di Treviso che ha ceduto al Gruppo Green Power il ramo d’impresa delle rinnovabili, dopo che era fallito l’accordo con ALACA (guarda caso ALACA e Ever Green Planet hanno sede a Treviso in viale della Repubblica 247 ed Ever Green Power ce l’ha al civico 235!!!)
      A buon intenditor…

      • Alessandro F., il 24 febbraio 2017 ore 11:48

        grazie per le info..

      • gipi, il 28 febbraio 2017 ore 23:33

        Ciao Roberto Krajcirik

        Grazie per le notizie “puntate e riportate” meglio che da un cane da caccia.

        Purtroppo questa è la situazione generale che è estesa anche a moltissimi altri Campi con i quali veniamo in contatto tutti i giorni.

        La Direttiva Generale che produce questi fatti deriva dal nefasto Concetto di Base, ormai di uso comune, che può riassumersi così :

        Io non posso/voglio tenermi mio Personale addestrato e fidato perché costa troppo.
        Mi limito all’osso (Core Business- Nocciolo degli Affari, in Inglese suona fighissimo) e tutto il resto lo appalto ad una massa di Disperati Esterni che al mattino si svegliano già con il coltello tra i denti.
        Se questi non mi ottengono i risultati voluti CHISSENEFREGA, io sono furbo e ho il mio coltello dalla parte del manico : NON GLI RINNOVO IL CONTRATTO, NON LI PAGO E POI SI VEDRA’.
        Per i danni creati CHISSENEFREGA, hai voglia che Quelli mi facciano Causa : con i Tribunali che abbiamo e con le parcelle degli Avvocati….
        Poi, se tutto diventa insostenibile, CHISSENEFREGA, i soldi li ho già imboscati, faccio un bel fallimento e saluto tutti.
        Dopo un po’ di riposo riprendo il filo in un altro luogo con una “testa di legno qualsiasi” figurando solo come dipendente ma faccio tutto io.
        Forse questa volta andrà meglio ma, al limite, me la caverò come la volta precedente, anzi molto meglio perché figuro solo come “dipendente”.

  10. NICOLA, il 25 febbraio 2017 ore 15:55

    salve mi e stato proposto di installare un impianto fotovoltaico “A COSTO ZERO” da 8 KW 4+4(fa bisogno familiare ) CUI IO NON DEVO PAGARE NIENTE LO STESSO SE LO RIPAGA COL LA PRODUZIONE E LE DETRAZIONI IEPEF CHE MI FARANNO E QUEST SOMME DOVRANNO ESSERE FATTE TRAMITE UN BONIFICO AUTOMATICO IO NON DOVRÒ PAGARE I CONSUMI AL MIO GESTORE PAGHEREI SOLO LE TASSE CHE SI AGIRA TRA 25/30€
    CHE CONSIGLI MI DATE

    • Alessandro F., il 27 febbraio 2017 ore 10:12

      La prima cosa che ti posso dire è che non puoi avere le detrazioni Irpef se non paghi. Solo chi paga (con bonifico), può detrarre in 10 anni il 50% delle fatture.
      Bisogna leggere bene il contratto.
      A grandi linee, immagino che sia così: tu ci metti il tetto e in cambio puoi autoconsumare gratuitamente l’energia prodotta DURANTE IL GIORNO.
      La società, invece, riceverebbe i bonifici delle scambio sul posto e il pagamento delle eccedenze immesse in rete. Attenzione: al tuo gestore continuerai a pagare le bollette ricevute che, comunque, potranno essere inferiori.
      Continuerai a pagare l’energia che consumerai di notte, quando il fotovoltaico non produce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.