Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Sistemi di accumulo: ANIE Energia approva l’interrogazione parlamentare del PD

20 giugno 2014
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

Il dibattito sui sistemi di accumulo prosegue e da più parti si sottolinea l’urgenza di adottare a livello nazionale un sistema di regolamentazione del settore che consenta tanto ai privati quanto alle attività commerciali e industriali di integrarli con le fonti di energia rinnovabili. L’ultima voce che si è aggiunta al coro è quella degli onorevoli del PD Braga e Realacci che sull’argomento hanno presentato un’interrogazione parlamentare al Ministero dello Sviluppo Economico. ANIE Energia plaude all’iniziativa degli onorevoli e auspica una rapida azione da parte del governo.

 

Sistemi di accumulo: SOS regolamentazione

Attraverso l’interrogazione parlamentare si è chiesto al Ministro un intervento urgente per l’emanazione dei regolamenti e dei provvedimenti attuativi riguardanti le modalità di connessione alla rete elettrica dei sistemi di accumuli a batteria. Questi sistemi, se associati a impianti rinnovabili, possono garantire un migliore utilizzo dell’energia, evitando gli sprechi e abbassando notevolmente i costi. In particolare, questi sistemi funzionano bene in coppia con la tecnologia fotovoltaica. Attualmente l’assenza di provvedimenti tecnici e di regolamenti ad hoc sta frenando la diffusione dei sistemi di accumulo, creando un notevole ritardo nello sviluppo del settore delle rinnovabili.

sistemi accumulo da fotovoltaico

 

L’opinione di ANIE Energia

ANIE Energia plaude all’iniziativa dei due onorevoli del PD, sottolineandone l’importanza. Attorno al tema dei sistemi di accumulo si sta formando un grande interesse da parte di consumatori e produttori di energia ed è importante che il governo agisca in tempi rapidi per regolamentare un settore che può essere cruciale per la ripresa dei consumi e dell’occupazione. Proprio uno studio condotto da ANIE Energia ha indagato i possibili benefici che deriverebbero dall’integrazione tra sistemi di accumulo a batteria e impianti fotovoltaici.

Il risultato di quest’analisi dimostra che, se i sistemi di accumulo a batteria fossero utilizzati a pieno regime, garantirebbero un risparmio annuo di circa 500 milioni di euro a livello nazionale, risparmio dovuto ad una migliore gestione del dispacciamento elettrico anche in presenza di numerosi impianti da fonti rinnovabili nella rete. A questo risultato strettamente economico si aggiungerebbero il risparmio di energia (con conseguenti benefici per l’ambiente) e un utilizzo ottimale delle risorse energetiche rinnovabili, grazie al migliore sfruttamento dell’energia non solo nei momenti in cui viene generata, ma anche anche nei momenti in cui non viene prodotta. Un adeguato inserimento nella rete elettrica dei sistemi di accumulo agevolerebbe la perfetta integrazione nel sistema energetico delle reti di autoproduzione e di autoconsumo da fonti rinnovabili.

La promulgazione di questi regolamenti da parte dell’AEEGSI permetterebbe l’installazione di sistemi di accumulo a batteria sia in ambito residenziale, sia nelle attività commerciali ed industriali, massimizzando i benefici e minimizzando i costi derivanti dallo sfruttamento delle energie rinnovabili per l’utente finale.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


5 Commenti

  1. auleia, il 24 giugno 2014 ore 07:28

    Stanno per installare il mio impianto fotovoltaico, possono prevedere un futuro collegamento con accumulo?

    • Alessandro F., il 24 giugno 2014 ore 11:28

      si tienila come una possibilità da implementare nei prossimi anni. Ti aiuterà ad ottimizzare meglio l’investimento, oltre allo ssp. L’eventuale predisposizione dipende dal tipo di impianto. Ma credo che non avrai problemi a integrarlo più avanti.

  2. auleia, il 24 giugno 2014 ore 13:10

    quindi non devono predisporre niente adesso, possono in seguito “attaccare” batterie o altro?
    grazie per le risposte e per il sito, davvero pieno di notizie.

    • Alessandro F., il 24 giugno 2014 ore 14:25

      si ci sono diversi “kit autoconsumo” agganciabili a posteriori.

      • auleia, il 24 giugno 2014 ore 16:34

        grazie ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.