Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Pompe di calore elettriche, risparmiare guadagnando in salute

Ultimo aggiornamento: 18-2-2016

L’utilizzo delle pompe di calore per il riscaldamento comportano numerosi vantaggi non solo ambientali, ma anche economici. Sono apparecchi elettrici a risparmio energetico e, se l’energia per farle funzionare viene prodotta da fonti rinnovabili, sono anche un ottimo modo per tagliare le emissioni inquinanti sostituendo l’elettricità al gas per il riscaldamento. Ecco perchè sono oggi incentivate con detrazioni fiscali. Ecco perchè le pompe di calore rappresentano un buon modo per risparmiare soldi guadagnando in salute (di tutti).

Sono ben 1,7 i miliardi di euro che secondo ECBA Project (società di consulenza specializzata nell’analisi costi-benefici degli investimenti), è possibile risparmiare in Italia grazie alle pompe di calore: soldi che saranno risparmiati dal rimediare ai danni ambientali e sanitari dati dall’inquinamento atmosferico prodotto dal riscaldamento prodotta da fonti fossili inquinanti (basti pensare alle caldaie a gasolio, ancora numerose anche nelle grandi città).

Questo studio sui costi-benefici delle pompe di calore, legato ovviamente al nostro Paese e pensato per un lasso di tempo di 6 anni, tra il 2014 e il 2020, è stato presentato durante il convegno “Elettricità futura. Crescita sostenibile e sviluppo del settore elettrico organizzato da Assoelettrica, l’Associazione Nazionale delle Imprese Elettriche che riunisce 120 imprese operanti nel mercato dell’energia elettrica.

Nel corso dell’incontro è stato sottolineato come esistono due tipi di costi nell’utilizzo di un riscaldamento tradizionale. Da una parte ovviamente la spesa per i proprietari, dall’altra parte la spesa sociale per le ricadute in termini di inquinamento e quindi perdita di qualità ambientale. I costi sociali includono quelli sanitari per curare le ripercussioni sanitarie direttamente legate all’inquinamento atmosferico. Secondo lo studio le nuove tecnologie elettriche dedicate alla produzione di calore in grado di sostituire gas e gasolio possono fare molto per migliorare questa situazione.

Le pompe di calore sono tre le più importanti nel momento in cui l’elettricità che le alimenta viene prodotta con fonti rinnovabili: impianti fotovoltaici, in primis, ma non solo.

pompe di calore elettriche

Le pompe di calore elettriche prendono il 75% dell’energia dall’ambiente esterno ed il rimanente 25% dall’elettricità che, se viene prodotta da fonti rinnovabili è totalmente ad impatto zero.

 

Cosa sono le pompe di calore?

Vediamo brevemente cosa sono le Pompe di Calore. Di che si tratta? Sono apparecchi elettrici, che utilizzano un vero e proprio compressore simile a quello di un frigorifero,  che sottraggono calore da un ambiente e lo riversano in un altro. Questo processo avviene grazie all’uso di energia elettrica.

Le pompe di calore rappresentano una rivoluzione in quanto hanno consumi molto inferiori rispetto ai tipi di riscaldamento elettrico tradizionale che sfruttano energivore resistenze elettriche.

Il coefficiente di resa di una pompa di calore è relativamente alto: con 1 kWh elettrico se ne producono 3 termici. Un confronto? Una normale stufetta elettrica ha una resa di 1 a 1.

Fin’ora però, nonostante questa buona resa, a scoraggiare i possibili acquirenti c’era il “fattore” bolletta elettrica: il costo dell’elettricità in bolletta. La tariffa D2, di tipo progressivo, faceva sì che superato il muro dei  5-6.000 kWh annui, la spesa, come si suol dire, avrebbe superato la “soglia della convenienza economica”.

Grazie invece all’implementazione della nuova tariffa D1, di cui abbiamo già parlato in precedenza, si evita l’aumento esorbitante dei costi e le pompe di calore diventano molto più competitive e convenienti.

La tariffa D1, insieme alla proroga delle detrazioni fiscali, dovrebbe essere la spinta ideale per tanti consumatori desiderosi di provvedere al riscaldamento della propria casa in maniera ecocompatibile ma soprattutto più economica, anche in considerazione del fatto che buona parte del suo fabbisogno elettrico potrebbe essere soddisfatto da un impianto fotovoltaico.

 

Pompe di calore: risparmio dell’80% sui costi ambientali

L’enorme cifra del rapporto sopraccitato (1,7 miliardi di euro risparmiati grazie alle pompe di calore), rappresenta solo un terzo di quello che si potrebbe risparmiare in costi sanitari e ambientali, se ogni abitazione, azienda ed edificio disponesse di una pompa di calore abbinata al fotovoltaico: il totale ammonterebbe a oltre 5 miliardi.

E’ stato calcolato che mentre il costo medio di produzione per le pompe di calore è di 4,6 euro/MWh termici per gli impianti di riscaldamento tradizionali è di 23,3 euro/MWh termici: il risparmio è quindi dell’80%.

Il riscaldamento residenziale, più a stretto contatto con un maggior numero di persone e quindi potenzialmente ancora più dannoso di quello industriale (perché meno regolamentato e controllato), grazie all’utilizzo diffuso delle pompe di calore potrebbe limitare in maniera significativa gli effetti dell’inquinamento su buona parte della popolazione, soprattutto delle grandi città congestionate. Non solo: procurerebbe un importante risparmio economico per il minor utilizzo di energia in bolletta.

 

Abbinare pompa di calore e fotovoltaico quanto costa e quanto conviene, un approfondimento.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.