Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Fotovoltaico più Diesel ai Caraibi fanno risparmiare 800.000 litri di gasolio/anno

4 luglio 2016

Un progetto interessante, soprattutto quando si parla di far risparmiare 800 mila litri di Gasolio ogni anno per la produzione di energia elettrica. Molte piccole isole nel mondo sono ancora totalmente dipendenti, per il proprio approvvigionamento elettrico, dal Gasolio. Queste centrali producono elettricità “on demand” bruciando il combustibile, ma producono anche molto inquinamento con tutte le conseguenze ambientali ormai ben note, anche sulla filiera economica del territorio. I costi di funzionamento di queste centrali a combustibile sono in genere molto elevati.

Il fotovoltaico può ridurre questi costi e, se integrato con un adeguato sistema di accumulo energetico, può portare ad ulteriori importanti risparmi e ad una maggiore tutela dell’ambiente.

centrale ibrida fv diesel a sant eustachio caraibi

Le centrali ibride fotovoltaico più Diesel servono proprio a questo: la produzione elettrica dei pannelli fotovoltaici viene integrata con quella della centrale elettrica pre-esistente. Non solo: con un sistema di storage elettrico la produzione in eccesso può venir accumulata per essere disponibile nelle ore serali e notturne, quando il fotovoltaico non produce. In alcuni periodi, in questo modo, è possibile raggiungere potenzialmente con le sole rinnovabili il 100% del fabbisogno elettrico.

 

Il progetto pilota di SMA per ridurre il consumo di Gasolio.

Un “progetto pilota” di SMA, società tedesca leader nella produzione di Inverter per il Fotovoltaico, ha realizzato sull’isola caraibica di Sant’Eustachio una centrale ibrida che, per la produzione di elettricità, utilizza 3 “fonti” in maniera complementare: fotovoltaico, accumulatori e gasolio.

Di giorno il fotovoltaico contribuisce a produrre il fabbisogno. L’energia in eccesso prodotta di giorno dai pannelli fotovoltaici viene immagazzinata nel sistema di stoccaggio. Nei momenti in cui l’energia solare è assente e l’energia degli accumulatori è insufficiente viene utilizzato il gasolio per garantire la continuità dell’approvvigionamento elettrico. I generatori a Gasolio, che prima coprivano il 100% della produzione, ora vengono utilizzati in quantità minore.

Il Parco Fotovoltaico messo al servizio della centrale a Gasolio produce una potenza di Picco di quasi 2 Megawatt, mentre il sistema di accumulo delle eccedenze produttive, mette a disposizione un ulteriore Megawatt di potenza.

Questa attuale conformazione permetterà all’Isola di Sant’Eustachio di tagliare il consumo di combustibili fossili fino al 30%. In questo modo l’azienda elettrica locale che rifornisce attualmente l’Isola potrà risparmiare ben 800 mila litri di gasolio l’anno. Non solo: anche dal punto di vista ambientale i benefici sono molti. Le emissioni di Co2, infatti, saranno tagliate di oltre 2.200 tonnellate l’anno.

Il sistema è dimensionato per produrre una quantità di energia fotovoltaica che copra, da sola, il 23 per cento del fabbisogno dell’isola, pari a circa 13 GWh l’anno. Il sistema di stoccaggio elettrico integrato al parco fotovoltaico contribuisce a ridurre ulteriormente la dipendenza dai combustibili fossili, ma soprattutto svolge un’altra importante funzione. Le forti oscillazioni di produzione del fotovoltaico, causate anche solo dal semplice passaggio delle nubi, metterebbero a dura prova i generatori diesel che avrebbero a che fare con repentini picchi e cali di potenza. La funzione principale del sistema di stoccaggio è proprio quella di stabilizzare i flussi elettrici salvaguardando il corretto funzionamento dei generatori a gasolio.

Un progetto innovativo, dunque, che permette all’isola (che è una municipalità speciale dei Paesi Bassi) di rendersi molto più indipendente di prima dai combustibili fossili e dalle importazioni di petrolio.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.