Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Efficienza energetica, può essere il motore della ripresa?

7 maggio 2014

Quale relazione c’è tra questione energetica nazionale ed economia in Italia? Tra “efficienza” in ambito energetico e imprese?
L’efficienza energetica potrebbe essere uno dei motori sul quale l’industria italiana può contare per la ripresa economica.
Questa è la tesi di diverse istituzioni e delle rappresentanze del settore energetico delle fonti rinnovabili.

A sostenerlo è anche Anie Energia, l’associazione che rappresenta e riunisce le aziende che operano nella produzione, installazione e distribuzione di energia elettrica ad uso industriale e domestico. Anie Energia fa parte della “Federazione Anie”, l’associazione delle aziende elettroniche ed elettrotecniche appartenenti a Confindustria.

Per promuovere i vantaggi derivanti dal risparmio energetico sui processi di produzione industriale, Anie Energia ha organizzato un vero e proprio road show, una serie di incontri dislocati su tutto il territorio nazionale per illustrare i vantaggi derivanti dall’utilizzo di motori elettrici ad alta efficienza, trasformatori a basse perdite e condensatori per il rifasamento dei carichi elettrici.

Secondo Anie Energia l’adozione di questo tipo di macchinari ad alta efficienza è in grado di portare benefici sia dal punto di vista economico sia da quello del risparmio energetico e ambientale, grazie all’emissione di un quantitativo inferiore di anidride carbonica nell’atmosfera.

L’associazione ha calcolato che la sostituzione di quanto si utilizza ad oggi con macchinari a maggiore efficienza energetica potrebbe portare al risparmio di ben 135 TWh (Terawattora – mille gigawattora) all’anno in tutta Europa, generando in questo modo un aumento della competitività della produzione continentale.

efficienza energetica motore della ripresa

Cifre esorbitanti che nascono, tuttavia,  da “risparmi” su piccola scala che, moltiplicati per le innumerevoli utenze in Europa, fanno la differenza a livello planetario.

Il road show di Anie prevede l’organizzazione di workshop e convegni rivolti alle aziende e ad oggi ha toccato Napoli, con gli eventi tenutisi in occasione di EnergyMed e Modena, mentre il prossimo 09 maggio sarà possibile conoscere le proposte di Anie in occasione dell’ Innovation Cloud presso la Fiera di Milano -Rho.

Nel mese di settembre il road show si sposterà invece a Pordenone per Coiltech, mentre a novembre Anie Energia sarà a Rimini per KeyEnergy.

In occasione del roadshow Anie ha lanciato anche il canale Twitter dedicato (twitter.com/ANIEnergia) e per tutti gli utenti del social network sarà possibile seguire e commentare i lavori anche attraverso l’hastag #industriaefficiente.

La questione energetica è di fondamentale importanza per le aziende soprattutto nel periodo attuale dove problemi ed interessi geopolitici potrebbero condizionare gli approvvigionamenti energetici europei.

Si consideri poi che il fatturato totale del nostro paese per il 2011 secondo gli ultimi dati disponibili è stato pari a 2.700 milioni di euro con circa la  metà della cifra (1.412 milioni) relativi al solo mercato interno.

Le cifre riportate fanno quindi comprendere chiaramente come la questione dell’energia e del suo risparmio possano rappresentare un aspetto fondamentale per la situazione economica e per la ripresa dell’industria.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.