Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Scooter elettrico e fotovoltaico

20 aprile 2012
Voto:4/5 (6 voti)

L’uso dello scooter elettrico, come i veicoli elettrici in generale, inizia a diffondersi sul mercato, producendo prodotti sempre più efficienti ed a costi gradualmente minori. Il costo della mobilità elettrica può venire ottimizzata al massimo, anche economicamente, con l’utilizzo di un impianto fotovoltaico per la ricarica delle batterie necessarie al funzionamento del veicolo elettrico.

 

Kw Kwp e Kwh

Una breve necessaria premessa. Un impianto fotovoltaico ha una potenza espressa in kWp, chilowatt di picco, cioè la potenza massima prodotta in condizioni ottimali. Il Kwp indica quanti kW possono essere prodotti al massimo in un certo istante; trattandosi di un valore massimo, sarà più utile considerare il valore medio di potenza erogata nell’arco della giornata, stimabili in un 70% della potenza di picco.
Moltiplicando la potenza istantanea (kW) per il tempo per cui viene prodotta (ora) si ottiene il Kwh : la quantità di energia prodotta in un’ora. I consumi di energia elettrica si misurano in chilowattora. La potenza in chilowatt, o chilowattpicco.

Un pannello da 100 Wp è in grado in linea teorica di produrre circa 0,49 kWh al giorno nel periodo invernale. In realtà, considerando che l’esposizione al sole cambia durante la giornata, produce meno: 1 kWp può produrre 1-2 kWh al giorno nel periodo invernale e 4-5 Kwh al giorno nel periodo estivo.

 

Ricaricare uno scooter elettrico col fotovoltaico

Quale potenza deve avere un impianto fotovoltaico per ricaricare uno scooter elettrico ?

Innanzitutto: per ricaricare un veicolo elettrico non basta il solo modulo fotovoltaico, ma sono necessari anche:

– un regolatore di carica
– un blocco di batterie sufficiente per l’accumulo dell’energia prodotta dall’impianto (in genere coadiuvato dall’allacciamento alla rete elettrica, anche se non necessario) e sufficiente a ricaricare la batteria del veicolo elettrico
– un inverter per trasformare e regolare i flussi di corrente (da continua ad alternata)
– un sistema computerizzato di gestione e controllo dell’intero impianto
– una o più centraline di ricarica, con la presa per ricaricare il veicolo elettrico.

Per produrre i 3 kWh al giorno necessari per “fare il pieno” ad uno scooter elettrico sarà sufficiente un mini impianto da 1,4 – 1,8 Kwp di potenza, con un pacco batterie in grado di accumulare la corrente necessaria alla ricarica completa. In commercio si trovano soluzioni “testate” da 8 batterie da 145 Ampère e 12 Volt in corente continua.
Questo sarà in grado, in condizioni di irraggiamento medio, di assicurare la ricarica delle batterie per una quantità minima di 3 Kwh.

 

Quanti Wattora consuma uno scooter elettrico per Km di percorrenza ?

Gli scooter elettrici che si trovano in commercio sono in grado di fare, mediamente, 70 – 80 Km con “un pieno” di corrente. Cioè: una batteria da 48 Volt, 44 Ampère e circa 2.100 Wh è in grado di garantire, in condizioni “standard”, un’autonomia di 70 Km.
Uno scooter con un motore elettrico da 2.000 watt di potenza consuma intorno ai 30-40 Wh a km, numero che varia ovviamente in funzione della potenza del motore elettrico e delle condizioni di strada e di guida.

Avere la mobilità indipendente con uno scooter elettrico (ipotizziamo con motore da 2 mila watt di potenza) è cosa fattibile anche senza l’utilizzo dell’energia di rete. Lo scooter può percorrere con un pieno 70-80 km e l’energia elettrica necessaria per ricaricare la batteria è producibile con un impianto fotovoltaico “ad isola” da 1,4 kWp, con il relativo pacco di 8 batterie da 145 Ampère e 12 Volt. Se poi questo impianto è collegato alla rete elettrica generale, verranno meglio compensati i momenti di minore produzione elettrica dei pannelli fotovoltaici, avendo la possibilità di prelevare al momento del bisogno e di immettere energia elettrica in rete quando le batterie sono completamente cariche.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


2 Commenti

  1. gianna, il 25 agosto 2015 ore 14:45

    buon giorno io possego uno scooter eletrico per disabili eletrico amerei mettere in impianto fotovoltaico è possibile? quanto costa spero di leggerla quanto prima o sentirla grazie canova

    • Alessandro F., il 25 agosto 2015 ore 16:59

      buongiorno, compili il modulo per i preventivi (sopra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.