Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Le Dieci tesi per la trasformazione strutturale del sistema energetico (Roadmap europea al 2050) -1

Ultimo aggiornamento: 24-2-2012
Voto:4/5 (7695 voti)

   …continua:

La combinazione dei diversi scenari esaminati nel precedente capitolo ha permesso alla Commissione Europea di sintetizzare alcune conclusioni, potremmo definirle “Tesi“, sul sistema energetico europeo dei prossimi anni. Queste tesi e queste considerazioni (da me rielaborate e non riportate “alla lettera”) possono di certo aiutare a “mettere a fuoco” meglio le possibili strategie europee per la de-carbonizzazione, ma anche le possibili scelte strategiche degli “stakeholders” energetici o, nel loro piccolo, dei cittadini/utenti.

Queste “tesi” incideranno sicuramente sulle strategie energetiche europee che faranno esordire i loro effetti nel 2020, nel 2030 ed oltre.

1- La de-carbonizzazione è possibile e può rivelarsi a lungo termine meno costosa rispetto alle attuali politiche

Gli scenari individuati dalla Commissione Europea mostrano che la decarbonizzazione del sistema energetico europeo è cosa fattibile. I costi legati alla trasformazione del sistema energetico non si rivelano molto differenti rispetto a quelli previsti nello scenario basato sulle attuali politiche (il CPI – Current Policy Initiatives). Il costo totale del sistema energetico (comprendente i costi dei combustibili e dell’elettricità, i costi di finanziamento, i costi di investimento nelle strutture, i prodotti relativi all’efficienza energetica, …) potrebbe rappresentare poco meno del 14,6% del PIL europeo al 2050 nel caso del primo scenario rappresentato (il “CPI”, quello basato sulle attuali politiche). Questo valore non si discosta di molto rispetto a quello del 10,5% del 2005.
Questo dato riflette una evoluzione significativa del ruolo giocato dall’energia nella futura società. L’esposizione alla volatilità dei prezzi dei combustibili fossili diminuirebbe negli scenari di de-carbonizzazione (rispetto a quello più “conservativo”) in quanto la dipendenza dalle importazioni passerebbe da un 58% ottenuto dalla conservazione delle attuali politiche ad un 35-45% ottenuto nello scenario di de-carbonizzazione al 2050.

2- Maggiori investimenti per le nuove tecnologie e minori costi per i combustibili fossili

Tutti gli scenari di decarbonizzazione precedentemente esposti mostrano una transizione dall’attuale sistema energetico, che presenta alti costi di funzionamento ed elevate spese per i combustibili, verso un sistema energetico basato su investimenti più elevati, ma su spese minori per i combustibili.
Questa situazione è parimenti legata al fatto che gran parte della capacità di approvvigionamento energetico attuale è ormai quasi arrivata alla fine del suo ciclo di vita (verso la fine del petrolio/carbone). In tutti gli scenari di decarbonizzazione mostrati, i costi sostenuti dall’UE per le importazioni dei combustibili fossili al 2050 saranno decisamente minori rispetto a quelli attuali. Allo stesso modo l’analisi mostra che i costi di investimento per le reti di distribuzione potrebbero, solo questi, essere dell’ordine di 1.500 – 2.200 miliardi di euro tra il 2011 ed il 2050. La spesa maggiore è prevista nel caso di grande sviluppo delle rinnovabili.

I costi di investimento medi legati al sistema energetico aumenteranno in maniera significativa: imponenti investimenti nelle reti e nelle centrali elettriche, servizi energetici industriali, sistemi di riscaldamento e raffreddamento efficienti (in particolare quelli urbani),  contatori “intelligenti”, materiali di isolamento termico, veicoli e apparecchiature a basse emissioni ed a maggior efficienza energetica,  tecnologie che permettono di sfruttare le fonti energetiche rinnovabili locali (solare termico e fotovoltaico), ecc..
Tutti questi sotto-settori avranno un impatto rilevante sull’economia e sull’occupazione nella produzione, nei servizi, nell’edilizia, nei trasporti e nell’agricoltura. Il bisogno di soddisfare questa domanda crescente, infine, creerà considerevoli opportunità per l’industria e per gli erogatori europei dei servizi. Avrà anche un particolare ruolo strategico la ricerca e l’innovazione tecnologica per lo sviluppo di tecnologie maggiormente concorrenziali in termini di costo.

Continua…

Unione Europea: la Roadmap per l’energia , orizzonte 2050
Il perchè della Roadmap europea al 2050 e gli scenari di lungo periodo -1
Il perchè della Roadmap europea al 2050 e gli scenari di lungo periodo -2
Il perchè della Roadmap europea al 2050 e gli scenari di lungo periodo -3

Le Dieci tesi per la trasformazione strutturale del sistema energetico (Roadmap europea al 2050) -2
Le Dieci tesi per la trasformazione strutturale del sistema energetico (Roadmap europea al 2050) -3



“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.