Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Impianti fotovoltaici nei condomini, come installare?

8 ottobre 2013
Voto:4/5 (5 voti)

L’installazione di impianti fotovoltaici è utile quando serve ad ammortizzare le spese della bolletta, procurando un certo risparmio sul bilancio energetico famigliare.

Questo principio è applicabile non solo per singole famiglie ed aziende, che decidono in autonomia di effettuare i propri investimenti, ma anche per utenze comuni e condivise. E’ questo il caso, ad esempio, dei condomini. Installare impianti fotovoltaici nei condomini è sicuramente un buon investimento per diminuire le spese elettriche condominiali. La spesa sarà ammortizzata tra i dimoranti ed i benefici saranno condivisi per pagare le bollette elettriche delle utenze comuni quali luci, ascensore, autoclavi, ed altri apparecchi elettrici utilizzati per far funzionare gli impianti comuni.

Chi vuole mettere degli impianti fotovoltaici  nei condomini deve ovviamente tenere conto di alcune norme condominiali regolate dal codice civile e da alcune specifiche riforme. Ultima: la cd “riforma dei condomini”, che è entrata in vigore a giugno 2013.

Ecco cosa prevede la riforma in quanto all’installazione dei pannelli solari e degli interventi per l’efficientamento energetico sugli spazi condivisi dei nostri condomini.

In linea generale le innovazioni riguardanti opere e interventi finalizzati al risparmio energetico possono essere approvate con la maggioranza dei condomini presenti all’assemblea. Tradizionalmente il numero minimo dei condomini votanti deve essere il cinquanta per cento più uno. Con la riforma del condominio gli interventi energetici, che devono essere individuati attraverso un attestato di certificazione energetica da parte di un tecnico abilitato, possono essere approvati invece da condomini che rappresentino almeno un terzo del valore del condominio, ovvero con un numero di voti rappresentativi di almeno un terzo del valore dell’edificio condominiale: l’unità di misura sono i millesimi, ogni votante è rappresentativo di una frazione del valore totale dell’edificio. La quota minima dei votanti all’assemblea per l’approvazione dei lavori deve corrispondere almeno a 334 millesimi.

impianti fotovoltaici condomini

Dunque, ipotizzando che tutti i condomini di un edificio abbiano la stessa quota di possesso del palazzo: per essere valida l’assemblea devono essere presenti almeno un terzo dei condomini e per approvare gli interventi devono esprimere parere favorevole almeno la metà più uno dei votanti (ovviamente vale anche l’utilizzo delle deleghe).

Per quanto concerne gli impianti fotovoltaici, e questa è un’altra novità, è permessa l’installazione su parti comuni condominiali anche se sono al servizio di singoli appartamenti: possono essere installati pannelli sui lastrici solari (cioè sulle superfici dei classici tetti piani), su qualsiasi altra parte comune dell’edificio come su qualsiasi parte di proprietà del singolo abitante.

Se per la realizzazione del fotovoltaico al servizio di un singolo appartamento sono necessari interventi sulle parti comuni il responsabile dei lavori deve dare comunicazione all’amministratore comunicando esattamente il tipo di lavoro e la sua modalità di esecuzione.

Di fronte alla volontà espressa da un gruppo di condomini di realizzazione di impianti fotovoltaici, l’assemblea condominiale può rivalutare la proposta presentata per individuare adeguate modalità alternative per l’esecuzione dei lavori, per bocciare la proposta, per imporre misure cautelative o per far rispettare principi quali la sicurezza o il decoro del condominio. In tal caso deve avere il voto favorevole della maggioranza dei presenti alla riunione, ma questi devono rappresentare  almeno i due terzi delle quote di possesso dell’edificio: 667 millesimi.

Per ulteriori approfondimenti: il fotovoltaico in condominio.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.