Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Detrazioni fiscali: efficienza energetica al 65% e fotovoltaico al 50 fino a dicembre 2014

Ultimo aggiornamento: 13-10-2013
Voto:4/5 (7698 voti)

*** Aggiornamento: 12/12/2014. Le detrazioni fiscali, così come indicate in questo articolo, sono prorogate di un ulteriore anno fino a dicembre 2015.

 

Detrazioni fiscali per fotovoltaico e per l’efficienza energetica durano fino a dicembre 2014. Per l’efficienza energetica l’aliquota detraibile rimane al 65%, per il fotovoltaico rimane al 50%. Vediamo i dettagli ed i lavori detraibili.

Importanti novità in merito al settore edile “specializzato”: si parla di eco-bonus varati il 31 maggio dal Consiglio dei Ministri in relazione agli interventi per l’ efficienza energetica e per il fotovoltaico (assimilato fiscalmente alle “ristrutturazioni edilizie”).

Schematicamente: le novità, importanti novità, nel campo delle ristrutturazioni edilizie e dell’efficienza energetica riguardano due diversi tipi di interventi:

  • detrazioni fiscali Irpef per l’efficienza / efficientamento energetico delle abitazioni
  • detrazioni fiscali Irpef per le ristrutturazioni ed il recupero edilizio (ex 36%, ora 50%). Tra queste rientra il fotovoltaico domestico, ovvero tutti quegli impianti posti al servizio dell’abitazione e fino a 20 kw di potenza.

Questi due tipi di detrazioni ci sono già, sono già a regime da circa un anno ed erano inizialmente in scadenza a fine giugno 2013.
Qual è la novità da giugno 2013? La novità riguarda due cose:

  • il periodo di scadenza di questi eco-bonus fiscali
  • la percentuale delle aliquote che è possibile detrarre dal reddito imponibile Irpef (sempre in 10 rate annuali)

Entrambe le  novità sono attive dal primo luglio 2013.

Andiamo con ordine, distinguendo le due casistiche che spesso molti “non addetti ai lavori” confondono.

 

Detrazioni fiscali per l’ efficienza energetica (no fotovoltaico): proroga al 65%

detrazioni fiscali fotovoltaico e efficienza energetica

Da un lato ci sono le detrazioni fiscali per l’ efficienza energetica.

Per intenderci: gli interventi di efficienza energetica riguardano lavori tipo: cappotti per l’isolamento degli edifici, cambio dei serramenti, caldaie a condensazione, doppi/tripli vetri, pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, ecc…

Questi tipi di interventi richiedono in genere una certificazione energetica che attesti il miglioramento prima e dopo lo svolgimento dei lavori.

 

Le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica dal primo luglio 2013 sono passate dal 55 al 65% e resteranno in vigore fino al 31 dicembre 2014. Per i condomini le detrazioni proseguiranno fino a giugno 2015 (più precisamente per le: “ristrutturazioni importanti dell’intero edificio”).

 

 

Detrazioni fiscali 50% per ristrutturazioni e recupero edilizio (anche fotovoltaico ): proroga a dicembre 2014

Dall’altro lato ci sono le detrazioni fiscali previste per le ristrutturazioni ed il recupero edilizio di edifici. Anche queste ci sono da tempo e sono sempre state del 36%. Da circa un anno sono passate al 50% e, a seguito di questa proroga, dureranno fino al 31 dicembre 2014.

Il tipo di lavori riconosciuti a fini della detrazione sono, questa volta, molti di più. I più comuni sono quelli relativi a: manutenzioni straordinarie, manutenzioni ordinarie (solo per parti comuni di edifici abitativi), restauri, risanamenti, box e posti auto pertinenziali all’abitazione, eliminazione barriere architettoniche, bonifica dei tetti da amianto, installazione fotovoltaico.

Dal primo luglio 2013 tra i lavori validi ai fini della detrazione 50% (ex 36%) rientrano anche gli arredamenti fissi tipo cucine, bagni, armadi a muro, ecc.. Per ottenere le detrazioni devono però essere acquistati in concomitanza dei lavori di ristrutturazione.

Quindi, riassumendo:

  • le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni e per il recupero edilizio (ex 36%) comprendono anche l’installazione del fotovoltaico domestico, cioè: al servizio dell’abitazione;
  • la detrazione Irpef rimane pari al 50% delle spese sostenute, detraibile in 10 quote annuali
  • la detrazione è prorogata di un anno: fino a fine dicembre 2014
  • la detrazione spetta solo ai privati con reddito imponibile Irpef che installano un impianto fotovoltaico al servizio di casa (propria o in usufrutto)
  • la detrazione 50% spetta da luglio 2013 anche per le spese di arredo connesse all’immobile “oggetto d’intervento”.

.

Un’ultima considerazione: ovviamente, nel caso del fotovoltaico,  la detrazione non è cumulabile con gli incentivi (chi ha già gli incentivi prosegue con quelli), ma è abbinabile allo scambio sul posto o al ritiro dedicato del fotovoltaico. Portando le spese in detrazione si avrà la possibilità di detrarre dal reddito imponibile Irpef ogni anno (per 10 anni) una quota pari un ventesimo del totale delle spese sostenute. Dopo 10 anni si avrà recuperato, così, il 50% delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


42 Commenti

  1. Livio, il 28 gennaio 2014 ore 12:23

    buongiorno,
    vorrei sapere se anche il minieolico puo’ rientrare nelle detrazioni 50% o 65%. Non lo trovo indicato precisamente… che non sia stato considerato??? grazie,
    Livio

    • ligabue82, il 29 gennaio 2014 ore 14:59

      Purtroppo non è mai stato chiarito ufficialemnte (come per il FTV), quindi reputo proprio di no.

      saluti

  2. stefano, il 29 gennaio 2014 ore 13:24

    Anche le aziende possono usufruire dei benefici fiscali al 50% per l’installazione dell’impianto fotovoltaico????

    • Alessandro, il 29 gennaio 2014 ore 14:45

      no

  3. ezio, il 30 gennaio 2014 ore 17:46

    buongiorno,l’articolo parla di detrazioni fiscali al 50 % per la bonifica dei tetti in eternit.Mi risulta una detrazione al 65 % fino al 31.12.2014.saluti Ezio

    • Alessandro, il 30 gennaio 2014 ore 18:52

      Buongiorno ezio, la detrazione al 65% è quella per la riqualificazione e risparmio energetico.
      La bonifica amianto rientra invece nella riqualificazione edilizia/ristrutturazioni. La detrazione è quindi al 50% (punto G nella guida dell’Ag. entrate su ristrutturazioni)
      buona serata

  4. Alberto, il 20 febbraio 2014 ore 22:26

    Buonasera, una domanda: il 50% delle spese sostenute si detrae dall’imponibile o dall’imposta? Se si detrae dall’imponibile io recupero solo la tassazione di quella parte sottratta all’imponibile e quindi molto meno del 50%. Se invece il 50% delle spese sostenute si detrae dall’imposta allora recupero tutto (il 50%).

    • Alessandro F., il 21 febbraio 2014 ore 12:01

      Si detrae dal totale fattura (imponibile + imposta).
      Esempio: se hai speso 10mila euro. Detrai dall’Irpef 5mila euro in 10 anni. Cioè: 500 euro/anno.

  5. Maia, il 4 aprile 2014 ore 10:09

    Buongiorno, non capisco se un capannone esistente artigianale, al quale dobbiamo rifare la guaina del tetto piano, rientra in queste agevolazioni. La ditta che ci ha fatto il preventivo ci ha detto di no, che ne dovrebbe mettere 2 strati, e altre che sembrano scuse. Ma se l’esistente strato di guaina rimane e loro ne posano una di nuova, non sono 2 strati? Ringrazio e saluto.

    • Alessandro F., il 4 aprile 2014 ore 16:52

      sicuramente non rientra nella detrazione 50%.
      Per l’altra dovresti sentire un ingegnere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.