Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Fotovoltaico in Turchia, italiani installano 30 MW di impianti

Ultimo aggiornamento: 9-5-2014
Voto:4/5 (7695 voti)

Il fotovoltaico in Turchia offre interessanti opportunità di investimento. Ecco perchè.

Dove, se non intorno al mediterraneo, il fotovoltaico ha la maggiore convenienza? Il sole del mare nostrum si presta in maniera particolarmente favorevole all’utilizzo come fonte di energia pulita. Uno dei paesi che già lo ha capito è la Turchia che, con nuove prospettive energetiche, inizia ad investire in questa preziosa fonte energetica pulita.

Da un lato, dunque, la Turchia, paese mediterraneo dalle enormi potenzialità. Dall’altro l’Italia, paese che, cercando di risollevarsi dalla crisi, cerca di internazionalizzarsi con il know-how acquisito in questi anni. Le esportazioni e l’internazionalizzazione delle imprese sono oggi delle occasioni per risollevare le sorti di un paese, il nostro, e per riportare l’economia reale in Italia. Il settore del fotovoltaico contribuisce, e può contribuire in maniera decisiva, alla ripresa dell’economia italiana.

Una società turca controllata dal gruppo italiano Maccaferri realizzerà a breve alcune mini centrali fotovoltaiche in Turchia per un totale di circa 30 Megawatt di potenza installata, l’equivalente del fabbisogno di circa 40 mila persone. Alcune di queste, in realtà sono già allacciate e in funzione.

I pannelli fotovoltaici utilizzati saranno quelli della Yingli Green Energy Holding, tutti moduli in silicio policristallino che saranno utilizzati per produrre energia green in diverse località della Turchia.

fotovoltaico in turchia

 

Questi tra i principali lavori svolti dal gruppo italiano Maccaferri fino ad oggi in Turchia. A novembre 2013 l’azienda italiana ha completato, per mezzo di una collegata turca, un megawatt e mezzo di installazioni di cui:

  • un impianto da 1 megawatt installato su terreno e suddiviso, in base ai criteri suindicati, in due unità da 500 kw ciascuna per un totale di ben 4mila pannelli utilizzati e 58 inverter Danfoss prodotti in Danimarca;
  • un altro impianto da 500 kw di potenza installato sul tetto di una grande azienda tessile ed utilizzato per far fronte ai bisogni energetici dell’azienda stessa. Questo impianto ha utilizzato circa 2 mila moduli fotovoltaici da 250 watt l’uno e 21 inverter di stringa SMA.

Entro marzo 2015 sarà completata la fornitura dei 30 Megawatt di pannelli fotovoltaici destinati alle installazioni previste.

 

Investire nel fotovoltaico in Turchia conviene?

Il fotovoltaico in Turchia è un fotovoltaico incentivato dal febbraio 2012. La soglia di incentivazione, però, è diversa da quella che era in Italia: in Turchia infatti non esiste ad oggi un limite, una soglia massima, di potenza incentivabile. Tutti possono fare un impianto usufruendo degli incentivi, purchè l’installazione rimanga al di sotto della soglia dei 500 Kw di potenza (circa 7000 metri quadrati di superficie occupata). Chi vuole investire in un impianto fotovoltaico, dunque, ha terreno fertile, anche dall’estero e, se se rimane sotto la soglia dei 500 kw è agevolato anche dal punto di vista autorizzativo.

Ecco un ottimo articolo (purtroppo in inglese) sulle opportunità che apre il fotovoltaico in Turchia: Turkey Photovoltaic Market 2013. Development opportunities.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Un commento

  1. ENRIQUE CRUZ, il 20 maggio 2014 ore 16:57

    ME PODRIAN ENVIAR MAS INFORMACION DE COSTOS, INSTALACION, FORMA DE PAGO, TIEMPO DE ENTREGA
    OBCIONES FORMAS DE PAGOGARANTIAS

    Y SI NECESITAN UN DISTRIBUIDOR O VENDEDOR AQUI EN ACAPULCO GUERRERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.