Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Quinto conto energia: tariffa incentivante omnicomprensiva e autoconsumo

29 luglio 2012

In un altro post abbiamo visto quali sono le tariffe incentivanti del quinto conto energia fotovoltaico in vigore dal 27 agosto 2012.

In questo articolo vediamo come funzionano le nuove tariffe incentivanti del quinto conto energia, che inaugura di fatto un nuovo meccanismo di incentivazione che premia, da un lato, l’energia immessa in rete e dall’ altro l’energia autoconsumata in sito.

 

Tariffa omnicomprensiva e tariffa premio sull’ autoconsumo

Con il quinto conto energia non valgono più infatti i meccanismi dello scambio sul posto e del ritiro dedicato. Con il nuovo regime incentivante la tariffa riconosciuta all’energia fotovoltaica prodotta assume, seguendo il modello tedesco di remunerazione, valore omnicomprensivo, pertanto l’incentivo non sarà più erogato su tutta l’energia prodotta dall’impianto, ma solo sulla quota parte immessa in rete. Sulla quota di energia autoconsumata è invece attribuita un’altra specifica tariffa.

Dunque, con il quinto conto energia per gli impianti di potenza nominale fino a 1 MW, il GSE eroga, per la quota di produzione netta immessa in rete, una tariffa omnicomprensiva, determinata sulla base della potenza e della tipologia di impianto ed individuata rispettivamente per:

gli impianti fotovoltaici,
gli impianti integrati con caratteristiche innovative
gli impianti fotovoltaici a concentrazione.

QUI hai tutte le tabelle.

Per tutti gli impianti di potenza superiore a 1 MW, invece, il GSE eroga  in riferimento alla produzione netta immessa in rete, la differenza, se positiva, fra la tariffa onnicomprensiva ed il prezzo zonale orario; tale differenza non può essere superiore alle tariffe omnicomprensive stabilite nel decreto.

 

Un esempio

Per capire meglio come funziona il nuovo meccanismo di incentivazione facciamo un piccolo esempio.

Quinto conto energia - tariffa omnicomprensiva e autoconsumoAvendo un impianto fotovoltaico di 3 Kwp di potenza che produce 3.300 Kwh/anno, con un autoconsumo di circa il 50% potremmo ipotizzare circa 1.600 Kwh in autoconsumo ed i rimanenti 1.700 Kwh immessi in rete.

Quindi, a fronte di un fabbisogno per es., di 3.500 Kwh, possiamo ipotizzare, in un anno:

  • 3.300 Kwh totali prodotti dall’impianto fotovoltaico
  • 1.600 Kwh autoconsumati istantaneamente
  • 1.700 Kwh immessi in rete
  • 1.900 Kwh prelevati dalla rete elettrica (cioè: 3.500 – 1.600)

Stando alle tariffe incentivanti del primo semestre di applicazione del quinto conto energia (verosimilmente fino febbraio 2013), sui primi 1.600 Kwh verrà corrisposta la tariffa premio per l’autoconsumo di 0,126 €/Kwh  (126 €/Mwh)
Sugli altri 1.700 Kwh immessi in rete verrà corrisposta dal Gse  la tariffa omnicomprensiva di 0,208 €/Kwh (cioè i 208 €/Mwh indicati nelle tabelle allegate al decreto).
Per i rimanenti 1.900 Kwh verranno addebitate le regolari fatture in bolletta, pagando l’energia elettrica a prezzo pieno in base all’operatore elettrico.

E’ da tenere presente che anche per questo meccanismo del quinto conto energia il fattore di maggiore risparmio (o guadagno) è e rimane sempre l’ autoconsumo istantaneo. Con questo nuovo meccanismo l’autoconsumo viene anzi premiato con una tariffa incentivante “ad hoc”.

Tornando all’ esempio numerico il titolare dell’impianto fotovoltaico avrà indicativamente nell’anno:

  • accrediti per 201,60 € (cioè: 1.600 Kwh * 0,126 €)
  • accrediti per 353,60 € (cioè: 1.700 Kwh * 0,208 €)
  • risparmio per l’energia autoprodotta ed autoconsumata in sito (istantaneamente). Ipotizzando il costo lordo delle bollette a circa 0,20 euro/Kwh si avrà un risparmio di circa 320 € (cioè: 1.600 Kwh * 0,20 €)
  • addebiti per l’energia prelevata dalla rete e pagata con le regolari bollette di circa 380 € (cioè: 1.900 Kwh * 0,20)

Le cifre qui esposte sono indicative e spero utili per capire a grandi linee il nuovo meccanismo incentivante, ma bisogna considerare almeno altre due variabili fondamentali: la prima è il prezzo dell’energia pagata in bolletta, che con gli anni è destinato ad aumentare (anche solo a livello inflazionistico), la seconda è la quantità di energia autoconsumata in sito. Aumentando l’autoconsumo istantaneo, infatti, aumentano in maniera più che proporzionale sia il risparmio in bolletta sia gli introiti derivanti dalla tariffa premio sull’autoconsumo. In questo esempio è stato ipotizzato un autoconsumo di circa il 50%.

 

Componenti europei, eternit ed amianto..

Gli ultimi fattori da tenere in considerazione per avere un’immagine completa sono le maggiorazioni tariffarie, che possono essere tra loro cumulabili,  da sommarsi alle tariffe incentivanti:

  • per gli impianti realizzati con componenti “Made in EU” e
  • per gli impianti realizzati in sostituzione di coperture in eternit o amianto

Nel primo caso la maggiorazione è di:

  • 20 €/MWh se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2013;
  • 10 €/MWh se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2014;
  • 5 €/MWh se entrano in esercizio successivamente al 31 dicembre 2014.

Nel secondo caso la maggiorazione è di:

  • 30 €/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 20 €/MWh se la potenza è superiore a 20 kW, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013
  • 20 €/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 10 €/MWh se la potenza è superiore a 20 kW, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2014
  • 10 €/MWh se la potenza è non superiore a 20 kW e 5 €/MWh se la potenza è superiore a 20 kW, qualora entrino in esercizio successivamente al 31 dicembre 2014.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


15 Commenti

  1. Mario, il 23 gennaio 2013 ore 10:29

    Ciao. Scusa ma se io ho un impianto biogas da 4 MW che produce 10769 MWh, quanto vale l’incentivo che devo prendere? Inoltre immettendo tutta l’energia in rete oltre all’incentivo prendo anche soldi per la vendita dell’energia elettrica?

  2. Mario, il 23 gennaio 2013 ore 10:30

    Scusa sono stato impreciso. L’impianto produce 10769 MWh all’anno.

    • Alessandro, il 24 gennaio 2013 ore 23:06

      Anche il biogas ha le sue tariffe omnicomprensive.. ma qui su parla di conto energia, che è solo per il FOTOVOLTAICO.

  3. mattia, il 6 febbraio 2013 ore 07:02

    ciao.
    l’incentivo x lo smaltimento viene calcoltao in questo modo?

    tariffa 75 sul premio autoconsumo + amianto = 95

    oppure

    tariffa 75 sul premio autoconsumo + amianto = 77

    da quello che ho capito dovrebbe essere 95

    grazie

    • Alessandro, il 9 febbraio 2013 ore 03:46

      Il premio per smaltimento amianto è di un:
      +0,03 €/kwh immesso in rete (maggiorazione su tariffa omnicomprensiva)
      +0,03 €/Kwh autoconsumato (maggiorazione su tariffa autoconsumo)

  4. Micheal, il 29 marzo 2013 ore 14:01

    Salve, vorrei sapere gli incentivi quinto conto .se io istallo un impianto fotovoltaico di 3 kw sono ancora in tempo per accedere agli incentivi?? Quale convieni di più gli incentivi o scambio sul posto!

    • Alessandro, il 30 marzo 2013 ore 01:51

      A questo punto più o meno si equivalgono (ammesso che con lo scambio sul posto porti l’impianto in detrazione fiscale al 50%).
      Comunque quello che eventualmente fa la differenza, a parità di altre condizioni, è il costo dell’impianto che porti in detrazione..

  5. Ivano, il 26 aprile 2013 ore 11:58

    Salve, nell’esempio che portate nel vostro articolo ponete il costo delle bollette Enel a Kwh * 0,20 €, poichè il costo medio che l’Enel mi carica in bolletta è di circa 0,30 €,(ho 6 kw di potenza) volevo chiedere se con l’auto consumo istantaneo il mio risparmio è anch’esso di 0,30 € * Kwh.
    Grazie

    • Alessandro, il 26 aprile 2013 ore 16:03

      Certo, il prezzo è variabile in base alle singole situazioni, ai singoli contratti.
      0,20 €/kwh è una stima abbastanza bassa rispetto ai prezzi reali lordi pagati in bolletta.
      .
      Il risparmio ottenibile attraverso l’autoconsumo istantaneo è rapportato ovviamente al prezzo dell’energia pagata all’operatore.
      Es: se oggi consumi 10 Kwh
      – pagandoli in bolletta sborserai 3 euro
      – autoproducendoli istantaneamente risparmierai 3 euro
      Il risparmio è sempre relativo alla quota di autoconsumo immediato, o differito, ed al prezzo dell’energia pagata al proprio operatore elettrico.

  6. valeria, il 1 agosto 2013 ore 15:05

    io ho aderito al quinto conto energia (tariffa omniconprensiva ) e il mio impianto è funzionante da febbraio 2013, come mai continuo a vedermi addebitati consumi in bolletta nelle fasce F1 e F2 ovvero quando il mio impianto sta producendo?
    PS ho controllato e il consumo non supera la produzione!
    grazie

    • Alessandro, il 1 agosto 2013 ore 18:52

      Controlla che il tuo impianto sia connesso correttamente per permettere l’autoconsumo istantaneo.

      In un giorno di sole controlla dal contatore quanto immette in rete. Poi accendi qualche elettrodomestico. Le immissioni devono essere minori…
      Altrimenti fai rivedere dal tuo installatore lo schema di installazione che deve permettere prima di tutto l’autoconsumo immediato e poi l’immissione in rete. All’inizio dei commenti c’è un link a “Autoconsumo e schema connessione impianto fotovoltaico”. Leggilo che spiega meglio. ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.