Sei un professionista? Scopri il servizio di fornitura preventivi!

Fine degli incentivi del conto energia fotovoltaico

Ultimo aggiornamento: 06-06-2013

Ci siamo: siamo giunti alla fine degli incentivi al fotovoltaico. Siamo giunti alla fine del quinto ed ultimo conto energia.
Da qui a un mese il conto energia termina e lascia il posto definitivamente alla sola eventuale detrazione fiscale per il fotovoltaico domestico ed alla ulteriore diminuzione dei prezzi delle installazioni, prezzi già parecchio ribassati rispetto al passato.

Il gse, gestore dei servizi energetici, ha ufficializzato oggi con un comunicato stampa in cui dichiara il raggiungimento della soglia limite di costo totale cumulato per gli incentivi: siamo giunti alla fatidica soglia dei 6,7 miliardi di euro di costo cumulato per gli incentivi.

Oltre questa soglia, come da normativa, l’Autorità per l’Energia elettrica pubblica una delibera ufficiale e, un mese dopo la pubblicazione di tale delibera, il conto energia ha fine.

Da questo momento in poi, i nuovi impianti fotovoltaici industriali e commerciali potranno fare affidamento solo alle favorevoli dinamiche di prezzo: il prezzo di realizzazione dell’impianto fotovoltaico ed il prezzo di cessione alla rete elettrica dell’energia prodotta.
Il fotovoltaico diventa quindi un “classico” investimento la cui convenienza è calcolabile esclusivamente sul rapporto tra costi e benefici: costi di realizzazione impianto e introiti derivanti dalla vendita di energia al Gse (che la acquista in “ritiro dedicato”).

fine incentivi fotovoltaico conto energia

Per gli impianti fotovoltaici domestici ed al servizio dell’abitazione, invece, rimane la possibilità di cumulare i benefici dello scambio sul posto o del ritiro dedicato (cioè: vendita di energia) alle detrazioni fiscali per i contribuenti Irpef. Questo fino al 31 dicembre 2013.

Ecco cosa segna oggi, 6 giugno 2013, il contatore fotovoltaico del Gse:

  • Costo cumulato annuo degli incentivi: 6,7 miliardi di euro
  • impianti che al 6 giugno 2013 hanno presentato richiesta di incentivazione: 531.242
  • potenza fotovoltaica installata complessivamente al 6 giugno 2013: 18.217 Megawatt (18,2 gigawatt)
  • dei 531.242 impianti a registro 4.779 sono iscritti al registro ma non sono ancora entrati in esercizio

 

Il 6 luglio 2013, dunque, termina il conto energia e gli incentivi al fotovoltaico, ma sulla data esatta si attende la delibera ufficiale dell’Aeeg, l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas.

Da qui a un mese potremo fare affidamento, per il recupero dell’investimento fotovoltaico, su:

  • prezzi delle installazioni degli impianti
  • meccanismo dello scambio sul posto o alternativamente del ritiro dedicato
  • detrazioni fiscali per gli impianti fotovoltaici domestici posti al servizio dell’abitazione (o comunque fino ai 20 Kw di potenza fotovoltaica)
  • adeguati sistemi di ottimizzazione ed accumulo con batterie dell’energia auto-prodotto. Sistemi in grado di massimizzare l’autoconsumo in sito dal mio impianto fotovoltaico e di massimizzare il risparmio in bolletta.

 

Fine del conto energia, dunque, fine degli incentivi, additati dai detrattori per aver fino ad oggi “drogato” il mercato, alterando le “naturali” dinamiche dei prezzi tra domanda ed offerta. Nonostante ciò gli incentivi hanno avuto il merito di aver avviato un settore, quello del fotovoltaico, che ha portato in breve tempo l’Italia a raggiungere il primo posto al mondo in termini di installato e in termini di mercato del fotovoltaico.

Da questo momento in poi il raggiungimento della grid parity diventa il fondamento per la sopravvivenza del settore del fotovoltaico.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


4 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.