Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

WaterNest 100, la prima casa solare galleggiante

31 marzo 2015
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

Si tratta di una casa ecologica, di certo unica nel suo genere: non solo usa le fonti rinnovabili, ma è anche riciclabile al cento per cento e “galleggia” sull’acqua.

WaterNest 100, la prima casa solare galleggiante, è frutto dell’inventiva dell’architetto italiano Giancarlo Zema. Si tratta di una casa unica nel suo genere, realizzata interamente in legno e alluminio e riciclabile praticamente al 100%, realizzata per la società inglese EcoFloLife.

WaterNest 100 è stata studiata seguendo rigidi criteri di ecosostenibilità e il suo obiettivo è quello di proporre un nuovo modello abitativo, in grado di avere un impatto minimo sull’ambiente naturale. La scelta di progettare una casa galleggiante è stata presa innanzitutto per sensibilizzare tutti sul tema dell’eccessivo sfruttamento del suolo terrestre, un problema che potrebbe portare in un futuro piuttosto prossimo a dover a colonizzare mari e oceani.

WaterNest-100 casa fotovoltaica galleggiante

Questa casa che sorge sull’acqua è completamente autosufficiente sul piano energetico, grazie ai pannelli solari in silicio amorfo installati sul tetto capaci di produrre l’energia elettrica sufficiente ad alimentare i dispositivi elettrici presenti all’interno.

L’impianto fotovoltaico della casa copre un’area di 60 metri quadrati e può generare energia per una potenza di massimo 4kW. Il sistema combinato di aria condizionata e impianto di micro-ventilazione interna assicura anche un’efficiente gestione dei consumi collegati al ricambio e al condizionamento dell’aria.

Sia nella scelta della struttura esterna che degli interni di questo “nido” si è tenuto conto dell’impatto ambientale dei materiali usati. Per questo, si è scelto di puntare su legno e alluminio, materiali già riciclati e nuovamente riciclabili (fino al 98%). Le fasce in alluminio lamellato costituiscono il guscio della casa, interamente rivestita con assi in legno. La casa si sviluppa su una superficie di 100 metri quadrati, ha un’altezza di 4 metri e un diametro di 12. All’interno sono state ricavati due stanze da letto, due bagni, un soggiorno e una cucina abitabile. Dalle grandi vetrate poste sui due lati della casa si accede anche a un terrazzo con vista sull’acqua.

La casa è sospesa sull’acqua ed è collegata alla terraferma tramite un pontile o una passerella. La disposizione e gli arredamenti degli spazi interni possono essere facilmente rivisti e adattati a esigenze diverse rispetto a quella abitativa: WaterNest 100 può diventare, all’occorrenza, un negozio, uno spazio in grado di ospitare mostre ed esposizioni, un ufficio o perfino un ristorante. A variare può anche essere il luogo in cui è posizionata: può trattarsi della riva di un fiume, di un lago, di una baia o di altri bacini d’acqua. L’opera, progettata dall’architetto Giancarlo Zuma, è un perfetto esempio di come design, ecosostenibilità e rispetto dell’ambiente possano convivere e adattarsi agli stili di vita più moderni.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.