Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Spalma incentivi: piccolo guadagno o grande perdita?

16 luglio 2014
  - Articolo scritto da  Daniela Z.

Arrivano i primi problemi legati al decreto spalma incentivi, come già previsto da tanti al momento della sua pubblicazione: e purtroppo saranno problemi salati non solo per il Governo, ma per tutti noi che come al solito saremo chiamati a mettere una pezza economica sul danno.

Sono infatti già quasi un centinaio le aziende straniere, che hanno investimenti in Italia nel campo del fotovoltaico, ad aver avviato la prima fase della procedura arbitrale prevista dal Trattato Internazionale della Carta dell’Energia contro il nostro Paese.

Il motivo? L’aver violato gli obblighi contrattualizzati con il GSE decidendo di tagliare gli incentivi statali dedicati alle energie rinnovabili. Visto che questa decisione non riguarda solo i nuovi impianti, ma anche quelli già fatti nel corso di questi anni, di fatto ci si trova davanti ad una norma retroattiva stabilita però solo da una delle parti che ha stipulato il contratto.

Questo ricorso, c’è da ricordarlo, giunge alla fine di una serie di interventi pubblici, che nel corso degli anni sono andati a rosicchiare quelle che erano le previsioni di guadagno delle aziende al momento della costruzione degli impianti fotovoltaici.

In tanti, sia stranieri che italiani, erano stati attirati dagli interessanti incentivi decisi nel corso degli anni, ma ad essi hanno fatto poi seguito altrettante decurtazioni: secondo i calcoli il guadagno iniziale è stato addirittura ridotto del 60%.

spalma incentivi

Ma con la spalma incentivi ci sarà un ulteriore e sostanziale modificazione: gli incentivi saranno distribuiti in 24 anni piuttosto che in 20, oppure ci sarà l’ennesimo taglio, e questa volta dell’8%.

Questa violazione della certezza del diritto, come la chiamano gli avvocati, potrebbe riverberarsi in maniera pesante sulle aziende, portandole addirittura al fallimento, visto che i ricavati non riuscirebbero più a coprire eventuali spese impreviste. Inoltre, spalmare gli incentivi oltre i 20 anni, significa dare per scontato che tali impianti siano in funzione anche per quel periodo, quando invece questa non è assolutamente una certezza.

Tra le aziende che hanno avviato questa procedura, ci sono nomi noti come, Orizzonte SGR SpA, Partners Group AG, Quercus Partners, Sungem SubSerFinco Sàrl, e Solangia.

La situazione non è affatto semplice, se si pensa che l’Europa potrebbe costringerci a rifondere alle ditte in questione addirittura più di quanto si trovano effettivamente a perdere, proprio in base ai calcoli legati all’invecchiamento degli impianti e all’aumento del rischio imprenditoriale. Una disavventura simile è capitata anni orsono alla Spagna, che a fronte di dieci procedimenti si è trovata a dover pagare un miliardo di euro…nel nostro caso, con 100 procedimenti (e sembra che siamo solo agli inizi) la bolletta da pagare a causa dello spalma incentivi potrebbe rivelarsi davvero da incubo

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


4 Commenti

  1. Anna Barzaghi, il 24 luglio 2014 ore 19:21

    Da tempo ero intenzionata a farmi installare un impianto fotovoltaico e ora che ho finalmente deciso di passare all’azione sono nella confusione più totale!
    Sono venuti i rappresentanti di 3 ditte e una quarta mi ha inviato un preventivo basandosi su pochi dati richiestimi al telefono.
    Di chi fidarsi? Come fare a scegliere? E poi, leggendo articoli come quello sopra, mi viene da domandarmi se ne vale la pena…..
    Aiuto! !!!!!!!!!!

    • Alessandro F., il 24 luglio 2014 ore 19:42

      Gli incentivi non sono più un nostro problema, visto che sono finiti.
      Oggi ci sono le detrazioni fiscali sul 50% dei costi.

      L’impianto conviene a due condizioni:
      – autoconsumare il più possibile la ‘propria’ energia (istantaneamente)
      – pagare non più di 2.400 € per kw “chiavi in mano”
      (il tetto come è orientato?) Sud? Sud-est?

  2. Lucas, il 27 luglio 2014 ore 01:25

    Condivido quanto definito dall’ing. Fuda; oggi giorno un impianto da 3 kWp viene proposto da 1900-2100 €/kWp (IVA esclusa). Se interessata mi contatti signora Anna.
    Piuttosto lo spalma incentivi riguarda solo impianti al di sopra di una certa taglia? Avevo letto 200 kWp? Possibile?

    • Alessandro F., il 28 luglio 2014 ore 16:30

      Esatto in base all’ultimo emendamento approvato dal senato il 24 luglio 2014 sembrerebbe che la rimodulazione delle tariffe incentivanti siano a partire dagli impianti di 200 kw in sù con criteri diversi ed “opzionabili” in base alla taglia dell’impianto.
      Si può scegliere tra:
      – 24 anni (anzichè 20)
      – 20 anni ma con tariffe molto minori i primi anni che vengono poi compensate negli ultimi anni
      – 20 anni con tagli tra 5 e 9% in base a scaglioni di potenza impianto (sopra i 200 kw)
      (per ulteriori info il decreto di riferimento è il 91/2014).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.