Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Parco fotovoltaico da 1 Megawatt in provincia di Padova

20 maggio 2014
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

È in arrivo un nuovo parco fotovoltaico in provincia di Padova. Il progetto è stato presentato da esponenti del mondo politico locale e da rappresentanti della società “Casa Isi Più”, incaricata della realizzazione dell’opera. L’impianto fotovoltaico avrà un’estensione di oltre 7.000 m2, per una potenza complessiva di 1 Megawatt. L’area interessata dal progetto sorge a Pontevigodarzere, una frazione del comune di Padova, nei pressi del capolinea nord del tram.

 

Il parco fotovoltaico sarà la copertura del parcheggio da 700 posti auto

Il parco fotovoltaico sarà installato presso il capolinea della linea del tram e andrà a coprire un’area adibita a parcheggio, nel quale possono essere ospitate fino a 700 auto. Questa scelta appare conveniente sia per i proprietari delle auto, che saranno riparate dal sole e dalle intemperie, sia per la comunità, dal momento che l’impianto non andrà a sacrificare spazio.

Secondo le prime stime, il parco fotovoltaico rappresenterà un investimento conveniente non solo dal punto di vista ambientale, ma anche da quello strettamente economico. Il costo di realizzazione del parco fotovoltaico di Pontevigodarzere si aggira infatti intorno ai 3,3 milioni di euro, ma considerando che la vita utile dei pannelli è di almeno 25 anni, il ritorno economico per le casse comunali sarà superiore ai 3 milioni di euro. Già dal primo anno nel bilancio del comune di Padova le voci riguardanti il parco fotovoltaico dovrebbero essere in attivo, con un utile stimato di 1.700€.

parcheggio fotovoltaico

Ma l’impianto di Pontevigodarzere manifesta la sua convenienza soprattutto per l’ambiente. L’energia elettrica prodotta tramite i pannelli, in grado complessivamente di generare una potenza di 1 Megawatt, andrà ad alimentare il fabbisogno della linea del tram. In questo modo si otterrà un risparmio annuo di oltre 300.000€, equivalente ai consumi elettrici del sistema di trasporto pubblico. In più, dallo sfruttamento dell’energia pulita del sole deriverà un risparmio di oltre 5.600 tonnellate di petrolio. È notevole anche la riduzione di emissioni di anidride carbonica nell’aria, stimata in circa 16.000 tonnellate l’anno.

È in progetto un secondo parco fotovoltaico gemello

Secondo l’esponente del PD Anna Abbate questo investimento avrà benefici tangibili per tutta la città di Padova, che sarà un po’ più pulita e più verde. La conversione all’energia fotovoltaica nell’area di Padova non si limita a questo progetto: un parco fotovoltaico gemello potrebbe infatti essere realizzato in tempi brevi presso il capolinea sud del tram. A questo proposito il consigliere regionale Ruzzante ha auspicato un intervento della Regione Veneto affinché stanzi fondi e incentivi destinati a finanziare l’iniziativa.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.