Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Pacchetto UE Clima-Energia 2030: obbiettivi rivisti al ribasso

30 ottobre 2014
  - Articolo scritto da  Daniela Z.

Clima ed energia al 2030: secondo il WWF gli obiettivi sono insufficienti e limitanti.
Il massimo sforzo che la Comunità Europea aveva promesso nel corso del vertice dedicato al pacchetto “Clima ed Energia 2030” era già stato giudicato insufficiente dal WWF: il risultato del vertice stesso sarà probabilmente giudicato come una delle maggiori sconfitte del Pianeta e di quanti conoscono e riconoscono la delicatezza del momento che stiamo vivendo. Ecco un breve riassunto.

Si era arrivati al vertice con questa situazione, proposta a febbraio 2014 dal Parlamento Europeo che si augurava che gli obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti diventassero vincolanti:

  • riduzione del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990;
  • produzione del 30% di energia dalle fonti rinnovabili per abbassare l’utilizzo delle fossili;
  • raggiungimento del traguardo del 40% per quanto riguarda l’efficienza energetica.

Il WWF, prima dell’incontro di ottobre aveva espresso il suo parere in merito e aveva proposto obiettivi più elevati per tutelare ambiente, territorio e clima:

energia clima 2030

  • riduzione del 55% delle emissioni di gas serra: “non raggiungere almeno il traguardo del 49% significa non solo non fare abbastanza dal punto di vista ambientale, ma anche non garantire alla Comunità Europea una sicurezza energetica”;
  • produzione di energia da fonti rinnovabili almeno del 45%;
  • obbiettivo del risparmio energetico al 40%.

Tra le due posizioni, ecco la realtà di fatti. Questo è quanto deliberato nella seduta del Consiglio Europeo del 23 Ottobre sul tema del “Pacchetto Clima ed Energia 2030”:

  • riduzione delle emissioni di gas serra ridotte del 40% entro il 2030 (obbiettivo vincolante);
  • produzione di energia da fonti rinnovabili almeno del 27% (obbiettivo non vincolante per gli stati membri);
  • obbiettivo di risparmio energetico al 27% (non vincolante a livello di stati membri).

Questo il risultato delle consultazioni: tutti gli obbiettivi posti a febbraio, obbiettivi che erano già stati giudicati insufficienti dal WWF, sono sensibilmente peggiorati. Secondo gli ambientalisti e diversi ricercatori questa “strategia” sul clima è assolutamente inutile nell’obbiettivo globale di limitare il riscaldamento a due soli gradi entro la fine del secolo. Ricordiamo che superare i due gradi centigradi di incremento delle temperature globali significherebbe andare incontro ad effetti catastrofici sul clima, sull’ambiente, sul territorio ed i suoi abitanti (alcuni effetti già oggi si manifestano).

I vertici dell’Unione Europea, nonostante tutto, si sono dimostrati soddisfatti, ma, come ben sappiamo, ciò che è in gioco è l’interesse delle lobby petrolifere e del gas. Indicibilmente soddisfatta è anche la neo-Premier polacca Ewa Kopacz, in prima linea nel sostenere le fonti fossili per la produzione energetica: questa, come diversi altri paesi est-europei, continuerà a prediligere il carbone per l’approvvigionamento energetico garantendosi, tra l’altro, il “diritto di revisione” su eventuali modifiche future degli obiettivi posti.

E’ davvero una fortuna avere nazioni così “lungimiranti” in Europa: ci auguriamo che tra un centinaio di anni i discendenti, costretti a vivere in un pianeta sull’orlo del baratro, siano altrettanto soddisfatti.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.