Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

L’anno più caldo di sempre? Il 2014

26 febbraio 2015
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

Nel 2014 c’è stato un caldo record: tutte le rilevazioni condotte dall’agenzia meteorologica dell’ONU, dalla Nasa e da altri organismi internazionali sono concordi nell’affermare che l’anno appena concluso passerà alla storia come il più caldo di sempre.

I dati rilevati nel periodo tra gennaio e ottobre hanno fatto registrare una temperatura media più alta di 0,57°C rispetto alla media presa come riferimento, quella relativa al periodo tra il 1961 e il 1990. Se si restringe il campo agli ultimi 10 anni, invece, l’aumento medio è di 0,09°C. Anche i numeri dimostrano che l’aumento delle temperature è una costante: da quasi 40 anni non si assiste a un anno con temperature inferiori alla media (l’ultimo anno “freddo” è stato il 1978). Il trend di crescita è una chiara dimostrazione che l’alterazione del clima non è dovuta a fattori naturali, ma sia una conseguenza delle attività umane e dell’emissione di enormi quantitativi di gas serra in atmosfera.

emissioni gas serra riduzione immediata

Secondo Michel Jarraud, direttore della WMO, l’agenzia ONU che si occupa di clima e meteorologia, “il riscaldamento globale non conosce tregua” e, anzi, sembra aver accelerato la sua marcia nel corso del 21° secolo. Nella classifica degli anni con le temperature medie più elevate di sempre, 14 posizioni tra le prime 15 sono infatti occupate dagli anni post 2000, a cui si aggiunge il 1998.

Ciò che allarma maggiormente gli esperti è l’anomalia climatica che ha caratterizzato il 2014: temperature così elevate si sono registrate pur in assenza del fenomeno del Niño anche noto come ENSO (El Niño – Southern Oscillation). Il Niño si manifesta quando la temperatura superficiale delle acque dell’Oceano Pacifico risulta superiore di almeno 0,5°C rispetto alla media per un periodo di tempo di almeno 5 mesi. Quando si manifesta, el Niño giustifica in piccola parte l’aumento delle temperature, ma nonostante la sua assenza il 2014 è riuscito comunque a strappare il primato di anno più caldo di sempre.

Le rilevazioni sulle temperature terrestri sono iniziate dal 1880 e, da allora, la temperatura è già cresciuta di 0,8°C. Il fatto che il riscaldamento globale non accenni a diminuire, secondo gli esperti, si tradurrà in fenomeni atmosferici violenti sempre più frequenti e distruttivi. Il calore, infatti, è il principale responsabile della formazione dei cicloni, che potranno abbattersi sulle coste con una forza devastatrice.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.