Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Italia, necessità di riqualificare un enorme patrimonio edilizio

22 settembre 2015

Ristrutturazioni ed efficientamento energetico sono un tutt’uno, ecco perchè i numerosi edifici da ristrutturare in Italia sono, di fatto, delle ottime opportunità per riqualificare gli edifici anche dal punto di vista energetico e della auto-produzione di energia pulita.

Non solo: anche le direttive dell’Unione Europea impongono all’Italia ed a tutti i paesi dell’area un adeguamento di rotta per raggiungere gli ambiziosi obbiettivi al 2050: la roadmap europea al 2050 prevede infatti la riduzione delle emissioni dei gas serra dell’80% rispetto ai valori del 1990.  Questo obbiettivo, secondo la commissione europea, è un traguardo raggiungibile non solo dal punto di vista tecnico, ma anche dal punto di vista economico. I costi (o meglio: investimenti) sostenuti per raggiungere questo obbiettivo saranno, in ogni caso, inferiori ai costi previsti se nulla sarà fatto per ridurre le emissioni inquinanti in Europa. Efficienza energetica, dunque, ma non solo: fonti rinnovabili, cattura e stoccaggio di Co2, risparmio energetico, de-carbonizzazione.

Secondo uno studio dell’Osservatorio Saie in Italia, per rispettare le direttive europee sull’efficienza energetica al 2050, dovremmo ristrutturare 1500 case al giorno. Anche i dati Nomisma sono lì per ricordarcelo: in Italia sono circa 13 milioni i fabbricati da recuperare, a livello strutturale ed energetico.

fotovoltaico ristrutturazioni incentivi

Di lavoro per raggiungere gli obbiettivi di decarbonizzazione, dunque, ce n’è ancora molto da fare. In molti casi, inoltre, è tecnicamente possibile realizzare edifici “attivi”, che producano più energia di quella che essi stessi consumano.

Le direttive europee sul fronte del risparmio e dell’efficienza energetica sono chiare, ed ora inizia a divenire chiaro anche come l’Italia si appresta a recepirle. Dal primo ottobre entrano in vigore alcuni provvedimenti sull’efficienza energetica, primo fra tutti: la nuova APE (l’Attestato di Prestazione Energetica) che fornirà informazioni precise e “quantificabili” sul livello di efficienza energetica degli edifici. Non solo: ciò che spesso non viene considerato è che un edificio ristrutturato e con un buon indice di prestazione energetica aumenta il suo valore commerciale, oltre a migliorare notevolmente i suoi livelli di comfort.

Alla fiera di Bologna, dal 14 al 17 ottobre, si terrà il SAIE 2015 consueta fiera del settore dell’edilizia e dell’efficienza energetica degli edifici. Sarà un’ottima occasione per approfondire ed avere tutti gli aggiornamenti sulle normative e sullo stato dell’arte di un settore che offre interessanti potenzialità, non solo sul fronte dell’edilizia, ma anche sul fronte della riqualificazione di città e territori.

Ciò che oggi appare chiaro, insomma, è che in Italia c’è la necessita di riqualificare un enorme patrimonio edilizio, anche e soprattutto per rispondere alle direttive europee che spingono verso nuovi standard energetici.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.