Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Germania, con la primavera il 67% dell’energia è green

20 maggio 2014
  - Articolo scritto da  Miriam Perani

La Germania ha di recente battuto se stessa superando i due terzi del fabbisogno nazionale di energia grazie alla produzione di energia elettrica derivante dall’eolico e dal fotovoltaico.

Il giorno 12 maggio verrà quindi circondato in rosso sui calendari di coloro che hanno a cuore il rispetto dell’ambiente e ritengono che le rinnovabili siano la modalità migliore di produzione di energia. Infatti proprio in quel giorno la produzione nazionale tedesca da energie rinnovabili ha raggiunto la quota record del 67%, relegando di fatto a solo un terzo la quota prodotta da fonti non rinnovabili.

I dati, riportati sul sito Renewables International, hanno in particolare messo in evidenza che l’energia prodotta grazie all’eolico hanno superato il 40% del fabbisogno nazionale, mentre per quanto riguarda il fotovoltaico, la produzione si è attestata sul 30%, riuscendo così a coprire quasi un terzo di quanto necessario al funzionamento del paese.

Per la precisione lo stesso sito ha riportato anche i dati aggregati della produzione teutonica, secondo i quali nei primi tre mesi del 2014 sarebbero stati prodotti più di quaranta miliardi di chilowattora grazie alle fonti rinnovabili, con una crescita di 4,5 miliardi di chilowatt ora rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

fotovoltaico e eolico in germania

L’aumento della produzione di energia eolica e fotovoltaica in Germania è stato favorito nello scorso anno e nell’anno in corso dalle politiche di sostegno adottate dal governo, alle quali ha fatto seguito l’apertura di un numero sempre maggiore di centrali alimentate da fonti di energia sostenibile. Anche il tempo atmosferico ha però fatto la propria parte con la presenza di vento e di giornate soleggiate, garantendo così le naturali fonti di approvvigionamento delle centrali.

 

Sta di fatto che se la produzione di energia elettrica da fotovoltaico e da eolico dovesse proseguire sui trend evidenziati per l’anno in corso, il raggiungimento dell’obiettivo di produzione di energia pulita fissato all’ottanta per cento del fabbisogno per il 2050 potrebbe essere raggiunto e addirittura superato entro la metà del secolo. Gli attuali ritmi di produzione fanno ben sperare anche per il termine della produzione di energia con le centrali nucleari, il cui spegnimento è previsto entro otto anni, cioè per il 2022.

I risultati raggiunto dalla Germania dimostrano le concrete possibilità di utilizzo delle fonti alternative, e forniscono un esempio che potrebbe essere seguito anche da altri stati, come per altro prevedono le normative europee, che vanno nella direzione del progressivo aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili.

L’esempio della Germania potrebbe di conseguenza diventare uno stimolo anche per il nostro Paese, soprattutto con interventi specifici per la diffusione degli impianti fotovoltaici da parte dei governi.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


2 Commenti

  1. Pier Luigi Caffese, il 21 maggio 2014 ore 14:09

    In Germania è stato pubblicato il Report di Angora Energie Wende ed il relatore è stato chiamato come nuovo Segretario dell’Energia Federale tedesca.Ho inviato il report al Governo per verificare i dati sui costi dell’energia gas e del perchè i tedeschi non usano piu’centrali a gas e limitano quelle a carbone e poi puliscono le esistenti.Ovviamente nessuno dopo i miei Report italiani che coincidono con quelli di Agora tedeschi sono esaminati dal Governo,nessuno mi nomina segretario all’Energia ed il mio piano acqua energia è ancora osteggiato da Eni,Enel,Assoelettrica,a2a dopo le recenti nomine di rinnovamento.L’Energia italiana è come i bronzi di Riace statuaria,con innovazioni per rimuovere incrostazioni fossili che mai si faranno e messi in un bel Museo delle cere energetiche dove primeggiano i vecchi guru fossili Scaroni,Conti,Starace,de Vincenti,Passera,Clini,testa..quelli della SEN rovina italia.Speriamo che passera non ci faccia sopra il partito SEN semo energetici navigati,fossili mai rinnovabili.Basta importare estero su italia e non dare jobs.

    • Alessandro F., il 21 maggio 2014 ore 15:01

      Mi sa che se aspettiamo i governi, nulla si muove. Forse possiamo noi anticipare le politiche indicando nuove prassi e mostrando che convengono a tutti.
      Insegnare ai governanti, visto che da soli non ci arrivano..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.