Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Una centrale fotovoltaica ecocompatibile in Inghilterra

5 novembre 2014
  - Articolo scritto da  Luana Galanti

Le fonti rinnovabili devono essere installate in armonia con l’ambiente ed il territorio in cui si trovano, soprattutto se vengono installate su pascoli e terreni agricoli.
Primrose Solar, in collaborazione con Solarcentury, sta realizzando un progetto che porterà alla realizzazione di una centrale fotovoltaica ecocompatibile in Inghilterra. Le due società coinvolte vogliono creare la prima centrale solare al mondo ad avere un impatto ambientale minimo nel suo intero ciclo di vita. Certo, perchè quello che conta non è solo la produzione di energia pulita, ma anche la sostenibilità dei processi produttivi e dei contesti in cui funzioneranno gli impianti.

Che lo sfruttamento delle energie rinnovabili porti benefici ambientali è un dato di fatto. Le fonti di energia cosiddette pulite (o verdi) hanno il grande merito di produrre energia elettrica abbattendo notevolmente la quantità di gas serra emessi in atmosfera, responsabili del riscaldamento globale. Ma in pochi si interrogano sull’effettivo impatto che questi impianti, e in particolare quelli fotovoltaici, possono avere sull’ambiente naturale nel quale saranno inseriti. A prendere in seria considerazione questo aspetto è oggi la società inglese Primrose Solar.

Primrose Solar ha deciso di realizzare un progetto per la creazione di un impianto fotovoltaico a terra con una potenza di 48 MW. La centrale sorgerà nei pressi di Portsmouth e a pieno regime produrrà energia elettrica sufficiente a coprire i consumi di 11.000 famiglie. L’impianto sarà realizzato con la collaborazione di Solarcentury e, come annunciato, si tratterà di una struttura ecocompatibile. La centrale sarà perfettamente integrata nel contesto ambientale e non andrà ad impattare negativamente sull’ecosistema. A guidare il team di lavoro in tutte le fasi, da quella di progettazione a quella di monitoraggio dopo la messa in opera della centrale, sono i principi di responsabilità ambientale e di sostenibilità.

fotovoltaico ecocompatibile in inghilterra

Le due società coinvolte nella realizzazione di questo impianto fotovoltaico ecocompatibile fanno sapere di aver già pianificato una serie di attività e di interventi per azzerare – o quantomeno minimizzare – l’impatto dell’opera. Per salvaguardare l’ecosistema dell’area, attorno ai moduli saranno piantumati alberi e fiori produttori di pollini che preserveranno la presenza di api e farfalle, mentre nella stagione primaverile e in quella autunnale la zona sarà adibita a pascolo. Nella fase di realizzazione dell’impianto e in quella successiva di monitoraggio e di vigilanza sarà usata esclusivamente energia da fonti rinnovabili, come quella solare, il biodiesel e le celle a idrogeno. Il team di progettisti e di addetti raggiungeranno l’impianto ricorrendo a un sistema di carpooling e durante la fase di realizzazione dell’opera sarà messa in piedi una mensa a km zero, che servirà solo cibi realizzati con prodotti locali.

Per sensibilizzare la comunità sul rispetto ambientale e per favorire la conoscenza della tecnologia fotovoltaica, le due società organizzeranno nei prossimi mesi diversi incontri con le scuole della zona, invitando i ragazzi a visitare la grande centrale fotovoltaica, ecocompatibile ed efficiente.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.