Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Fotovoltaico nel mondo: 40 Gigawatt , 50 miliardi di euro nel 2010 , 2 milioni di installazioni

8 marzo 2011
Voto:4/5 (5 voti)

L’Epia, European Photovoltaic Industry Association, e Greenpeace International hanno pubblicato la sesta edizione del rapporto “Solar Generation: Solar Photovoltaic Electricity Empowering the world”. Questo report fa il punto della situazione sullo sviluppo e sulle prospettive dell’energia prodotta da fotovoltaico nel mondo, evidenziando il suo potenziale di crescita per gli anni a venire.

Nel corso del 2010 il mercato del fotovoltaico ha avuto una crescita senza precedenti.

A livello globale le nuove installazioni nel 2010 sono state per una potenza totale di 15 mila megawatt, portando la potenza totale installata a livello mondiale a circa 40 mila Mw (40 Gigawatt). Questo dato si è rivelato superiore alle più ottimistiche previsioni e si è tradotto in un ammontare di investimenti pari a oltre 50 miliardi di euro nel solo 2010.

Il dato più impressionante è comunque sul numero di installazioni da parte di singoli cittadini, aziende ed enti pubblici che hanno compartecipato a questo sviluppo: ad oggi circa 2 milioni di singole installazioni di impianti fotovoltaici producono energia pulita da fonte rinnovabile.

L’energia elettrica prodotta dagli attuali impianti fotovoltaici nel mondo nel solo 2010 è sufficiente a coprire più della metà del fabbisogno energetico della Grecia o dell’intero fabbisogno di 10 paesi dell’africa centrale (Angola, Benin, Botswana, Cameroon, Congo, Costa d’Avorio, Eritrea, Etiopia, Gabon e Ghana).

La crescita del settore fotovoltaico nel mondo è in gran parte oggi generata dai paesi europei, che costituiscono circa il 70 per cento del mercato globale, seguiti dai promettenti mercati del Nord America, del Giappone, della Cina e dell’Australia. Nel contempo, però, lo scenario di sviluppo ha ampliato in modo significativo il “ventaglio” dei paesi coinvolti: paesi e zone geografiche come l’Africa, il Medio Oriente e il sud America stanno incominciando ad intravvedere le forti potenzialità di sviluppo del settore energetico solare, almeno per quanto riguarda il soddisfacimento del fabbisogno energetico locale.

Il vantaggio competitivo della tecnologia fotovoltaica rispetto alle tecnologie tradizionali consiste nella versatilità della tecnologia (l’ampio raggio delle possibilità di dimensionamento e di ubicazione delle installazioni, permettono la prossimità della produzione energetica all’utente finale), nella corrispondenza tra le ore di maggior produzione e ore di maggior domanda energetica nella giornata, ed in una potenzialmente enorme riduzione dei costi, visto che la fonte energetica non deve essere estratta né creata né trasportata.

Negli ultimi 5 anni il costo di produzione dei pannelli fotovoltaici a livello globale si è ridotto di circa un terzo grazie al continuo progresso tecnologico, che ne ha aumentato l’efficienza, ed alla loro crescente diffusione. Questo trend di diminuzione dei costi continuerà anche in futuro, si afferma nel rapporto, come è già successo per le filiere dei semiconduttori (quelle degli schermi Tv, cellulari, ecc…). Considerando, poi, le svariate possibilità applicative nell’architettura e nell’edilizia il fotovoltaico potrà sviluppare pienamente le sue potenzialità.

La tecnologia solare fotovoltaica, si afferma nel rapporto “Solar Generation 6”, ha tutto il potenziale per poter soddisfare il doppio della domanda energetica mondiale.

In definitiva immaginare da qui al 2050 una produzione del 20 per cento del fabbisogno energetico globale da parte del solo fotovoltaico è una possibilità realistica e realizzabile.

Fonte: Solar Generation 6 – Solar Photovoltaic Electricicy Empowering the word – 2011 by Epia (European photovoltaic industry association) and Greenpeace International.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.