Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Smartphone e fotovoltaico, quanto risparmio col mio impianto?

10 marzo 2014
Voto:4/5 (5 voti)

Un’interessante alleanza tra due tecnologie: una nel campo della comunicazione, l’altra nel campo dell’energia pulita: smartphone e fotovoltaico. Supponiamo di voler installare un impianto fotovoltaico per risparmiare in bolletta, ma vogliamo sapere a priori quanto risparmio possiamo ottenere, quanta energia potremo produrre e quali costi dovrò sostenere per realizzare il mio progetto. Supponiamo, poi, di avere un impianto fotovoltaico già in funzione e di voler controllare in tempo reale, ovunque ci si trovi, la situazione dell’impianto: produzione istantanea, risparmio ottenuto in tempo reale, guadagno generato, ecc…

Sono due funzioni diverse, certo, ma entrambe sono oggi possibili utilizzando applicazioni per smartphone o tablet che sfruttano la rete per rendere disponibili le informazioni utili in tempo reale ed ovunque ci si trovi.

Tutto questo oggi è possibile grazie all’utilizzo di semplici app per smartphone che, utilizzando la connessione internet, mettono in comunicazione il proprietario dell’impianto con la “centralina di controllo” dell’impianto (ad esempio l’inverter) che raccoglie i dati di funzionamento dell’impianto in tempo reale, ed eventualmente ne governa i flussi.

Con lo smartphone hai tutto l’impianto in una mano anche se, ovviamente, ciascuna soluzione proposta sul mercato avrà le sue peculiarità.

In qualsiasi momento ed ovunque ci si trovi si possono monitorare in tempo reale i dati di produzione dell’impianto, il risparmio generato o eventuali problematiche o malfunzionamenti per intervenire in maniera tempestiva.

smartphone e fotovoltaico

Smartphone e fotovoltaico, dunque,  sono un’ottima alleanza per monitorare in tempo reale l’impianto fotovoltaico e per essere avvisato in caso di problemi.

 

Cosa è possibile monitorare con smartphone e fotovoltaico?

Il monitoraggio attraverso la smartphone permette di ottimizzare l’autoconsumo mostrando in tempo reale e da qualsiasi posizione questi dati:

  • tutta l’energia prodotta al momento dall’impianto fotovoltaico
  • tutta l’energia immessa in rete
  • tutta l’energia prelevata dalla rete (che permette di stimare la bolletta in tempo reale)
  • tutta l’energia consumata dall’utente (proveniente dall’impianto fotovoltaico o dalla rete esterna)
  • l’autoconsumo (cioè: la quota dei consumi proveniente dall’impianto)

 

Smartphone e fotovoltaico: perchè è utile per risparmiare in bolletta.

Far comunicare smartphone e fotovoltaico: come ottimizzare i consumi con il cellulare collegato al proprio impianto? Lo smartphone permette di ottimizzare l’autoconsumo perchè ti indica in tempo reale se la potenza elettrica prodotta dall’impianto è sufficiente a far funzionare un particolare elettrodomestico (ad es.: lavatrice, lavastoviglie, ecc…). In altre parole: se c’è un quantitativo minimo di potenza elettrica immessa in rete (energia non utilizzata), lo smartphone potrà consigliare all’utente se e quando accendere un elettrodomestico per sfruttare istantaneamente la produzione dell’impianto fotovoltaico.

L’obiettivo per risparmiare in bolletta, infatti, è rendere massimo, in ogni momento, l’autoconsumo. L’applicazione per lo smartphone è lo strumento che, monitorando l’impianto, segnala in tempo reale l’energia scambiata con la rete e consiglia quando attivare elettrodomestici per sfruttare la produzione.

Monitorando la corrente elettrica autoconsumata, inoltre, comunica in tempo reale il risparmio in bolletta, quantificando economicamente l’energia che viene generata e che viene dirottata direttamente sulla propria utenza, anzichè essere immessa in rete.

Non solo: immettendo i dati di produzione su server condivisi è possibile monitorare e confrontare il proprio impianto con altri situati nella stessa zona.

Attraverso l’incrocio con i dati meteo, inoltre, è possibile stimare la produzione dell’impianto prevedendo la possibilità di programmare l’accensione di determinati apparecchi in orari di picco della produzione.

Non solo: con lo smartphone collegato al fotovoltaico è possibile intervenire tempestivamente in caso di anomalie, grazie ad un sistema di alert che avvisa in automatico il proprietario dell’impianto qualora si rilevino anomalie sui dati di produzione dell’impianto.

 

Segnaliamo 2 prodotti interessanti che mettono in comunicazione smartphone e fotovoltaico: uno è il Solarchecker per iPhone e l’altro è Elios4you, un prodotto 4-Noks, anch’esso utilizzabile da smartphone o da tablet.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.