Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kw all’anno

5 settembre 2016
Voto:4/5 (5 voti)

Ho spazio disponibile sul tetto di casa mia. E’ il classico tetto a spiovente con una delle due faglie rivolte a sud. Se metto dei pannelli fotovoltaici, quanto riuscirò a produrre? Riuscirò a soddisfare il mio fabbisogno energetico senza pagare più le bollette elettriche? In un anno consumo, a casa mia, circa 3.000 kWh in bolletta, pagando circa 800 €. Quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW all’anno? E quanto mi farebbe risparmiare?

Un impianto fotovoltaico da 3 kW di potenza produce mediamente in Italia da 3.300  a 4.500 kWh l’anno.

Chiariamo subito una cosa: rendersi completamente indipendenti dalla rete elettrica, azzerando totalmente le bollette col fotovoltaico è un qualcosa di irrealistico, se non per mezzo di un grande impianto e capienti batterie che riescano a garantirmi per tutti i giorni dell’anno un accumulo sufficiente di elettricità. In questo caso, però, per un contesto domestico, i costi sarebbero molto più elevati del risparmio che riuscirei ad ottenere “staccandomi” completamente dalla rete Enel.

 

Azzerare la bolletta con un impianto fotovoltaico è una promessa realistica?

Qualunque installatore vi prometta di rendervi col fotovoltaico completamente indipendenti dalla rete elettrica di Enel vi sta promettendo qualcosa di irrealistico o controproducente. Perchè? Per un semplice motivo: il fotovoltaico è una fonte rinnovabile che è, per definizione, intermittente e non prevedibile.

Per capire quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW all’anno dobbiamo tenere a mente, prima di tutto, che quello che possiamo valutare sono stime di produzione, anche molto attendibili, e medie annuali. I numeri su cui viene costruito il conto economico sono sempre medie annuali: quando ti dicono che l’impianto da 3 kW produce 3.900 chilowattora l’anno e mediamente 10 kWh al giorno, vuol dire che alcuni giorni produrrà molto di più ed altri molto di meno dei numeri indicati.

In altre parole: il fotovoltaico è una fonte intermittente e non prevedibile. Che vuol dire? Intermittente vuol dire che, mentre una centrale idroelettrica o un generatore a gas producono energia in maniera costante e continuativa, il solare riesce a produrre energia solo quando c’è il sole. Di sera, dunque, e di notte, quando il sole manca, il fotovoltaico non produce. Se piove, i pannelli producono meno. Ancora: nei mesi invernali gli impianti fotovoltaici producono meno, per via della minore luce solare, rispetto ai mesi estivi. D’altro canto nei mesi primaverili ed estivi la gran parte degli impianti installati produce molta più energia del fabbisogno giornaliero.

 

Un obbiettivo realistico è quello di tagliare le bollette di una percentuale tra il 30 ed il 70% e “compensare” con lo Scambio sul Posto

Qualunque installatore vi prometta di azzerare le bollette, dunque, dice il falso.
Può dire il vero, invece, se prevede una riduzione dei prelievi di rete, ed anche delle bollette elettriche, tra il 30 ed il 70% dimensionando l’impianto in maniera corretta
. Si tratta, come detto, di medie annuali: in alcuni mesi dell’anno l’impianto produrrà più del fabbisogno, in altri mesi, invece, non riuscirà a produrre a sufficienza e dovrà comunque attingere dalla rete Enel.

Per tutta l’energia in eccesso prodotta di giorno ed in estate interviene poi il meccanismo dello Scambio sul Posto a compensare parzialmente la spesa in bolletta. Su questo il Gse, che emette il contributo, fa i suoi conteggi sulla base dei kwh scambiati annualmente con la rete elettrica di Enel.

Qui hai una guida ed un simulatore dello Scambio sul Posto.

 

Per ottimizzare l’investimento il consumo di casa deve “inseguire” la curva di produzione del fotovoltaico

curva di produzione giornaliera del fotovoltaico

Curva di produzione giornaliera del fotovoltaico e curva dei consumi domestici

Soddisfare il fabbisogno energetico di casa non dipende solo da quanto produce l’impianto fotovoltaico ogni anno, ma soprattutto dalle fasce orarie in cui avvengono la maggior parte dei consumi elettrici: se consumo molto di giorno sfrutto meglio la produzione del mio fotovoltaico. Se, invece, consumo molti chilowattora (kWh) di sera e di notte continuo a pagare le bollette elettriche e l’energia immessa in rete ogni giorno dall’impianto andrà a rimborsare parzialmente, con lo “Scambio sul Posto”, le bollette elettriche.

Per questo motivo, per ottimizzare al meglio l’investimento fotovoltaico, conviene “inseguire” la curva di produzione giornaliera dell’impianto (vedi immagine a latere). Detto in poche semplici parole: per rendere massima la convenienza del fotovoltaico bisogna, per quanto possibile, cercare di spostare i propri consumi nelle ore di punta di produzione del fotovoltaico. Inoltre, spendendo un po’ di più, è possibile utilizzare degli accumulatori che permettono di utilizzare la produzione quotidiana di energia anche nelle ore serali.

 

Quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW nei diversi mesi dell’anno

Prendiamo come esempio la città di Roma, città del centro Italia, rappresentativa dei valori medi nel nostro paese. A Roma lo stesso impianto da 3 kw di potenza produce mediamente dai 15 kWh al giorno nei mesi estivi di luglio e agosto, ai 7 kWh al giorno nel mese di Dicembre. Questo nel caso in cui l’impianto sia orientato a sud, abbia pannelli inclinati di 35 gradi rispetto al suolo e siano privi di ombreggiamenti “artificiali”.

 

quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW al giorno nei diversi mesi anno

Quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW al giorno nei diversi mesi dell’anno

 

Ecco una tabella che riassume i dati di produzione del Fotovoltaico in Italia suddivisi su base mensile.
La produzione dei Pannelli va da un minimo di 210 kWh/mese di Dicembre ad un massimo di 460 kWh/mese di Luglio.
Ovviamente si tratta di stime e la produzione rilevabile può essere in parte condizionata dal meteo e dalle condizioni atmosferiche.

 

Mese Produzione media del
Fotovoltaico in Italia
per mese

kWh/mese

Gennaio 217
Febbraio 270
Marzo 353
Aprile 373
Maggio 411
Giugno 426
Luglio 460
Agosto 448
Settembre 373
Ottobre 319
Novembre 232
Dicembre 210
Media
annuale
341 kwh/mese
Totale
ANNO
4.090 kwh l’anno

 

Quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW all’anno nelle diverse città italiane

Così come la produzione di un impianto fotovoltaico varia nei diversi mesi dell’anno, anche la latitudine dell’installazione incide sulla produttività dell’impianto. Così in genere un pannello solare ad Aosta genera annualmente meno kwh di un altro installato a Siracusa o a Cagliari.

In questa tabella vediamo alcune differenze indicative di rendimento nelle diverse città d’Italia: si va dai circa 3.400 kwh/anno di Aosta e Trieste fino ai circa 4.600 kwh/anno della Sardegna.

 

Regione Città di
riferimento
Dimensione
Impianto
Fotovoltaico

KWp

Produzione media
annuale

kWh/anno

Abruzzo L’Aquila 3 3.710
Basilicata Potenza 3 3.860
Calabria Catanzaro 3 4.230
Campania Napoli 3 4.150
Emilia Romagna Bologna 3 3.610
Friuli Venezia Giulia Trieste 3 3.440
Lazio Roma 3 4.090
Liguria Genova 3 3.670
Lombardia Milano 3 3.620
Marche Ancona 3 3.760
Molise Campobasso 3 3.820
Piemonte Torino 3 3.740
Puglia Bari 3 4.130
Sardegna Cagliari 3 4.610
Sicilia Palermo 3 4.350
Toscana Firenze 3 3.710
Trentino Alto Adige Trento 3 3.520
Umbria Perugia 3 3.700
Valle d’Aosta Aosta 3 3.410
Veneto Venezia 3 3.590

Media
Italia
4.100

 

 

 

Un calcolatore utile per stimare quanto produce un impianto fotovoltaico da 3 kW all’anno nella tua città si chiama PVGIS

 

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.