Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Fotovoltaico: pregi e difetti per svelare ciò che molti non dicono

8 aprile 2014
Voto:4/5 (5 voti)

La tecnologia fotovoltaica si sta diffondendo non più solo in Italia, ma anche nel resto d’europa e nel mondo. I dati parlano chiaro: 37 gigawatt, 37 mila megawatt, di potenza installata ad oggi nel mondo. Una potenza sufficiente a soddisfare il fabbisogno annuale di circa 35 milioni di persone.

Energia pulita che, fatti gli iniziali investimenti, ha un costo di approvvigionamento pressochè nullo. Ad oggi grazie al fotovoltaico, ai suoi pregi (ed ai suoi difetti) circa 35 milioni di persone nel mondo consumano energia senza produrre emissioni inquinanti nell’aria.

Non solo: grazie al fotovoltaico molte persone non raggiunte dalle reti nazionali dell’elettricità possono usufruire di energia pulita autoprodotta localmente e senza alcuna forma di dipendenza-ricatto dalle grandi compagnie energetiche internazionali che spesso hanno il monopolio sulla produzione e distribuzione dell’energia elettrica.

Il fotovoltaico crea un nuovo modello energetico: una forma di autoproduzione “dal basso” in grado di garantire autonomia energetica ed economica da chi detiene il controllo sulle materie prime: dal carbone, al gas all’uranio usato per il nucleare.

Il modello energetico messo in campo dal fotovoltaico e dalle fonti rinnovabili è, può divenire, un modello di produzione e distribuzione energetica distribuito e più “democratico”: con la piccola e media generazione distribuita non c’è più bisogno di poche grandi centrali elettriche gestite dai grandi player internazionali. Oggi produrre energia può diventare “affare” di molti, prima di tutto per soddisfare i bisogni delle comunità locali.

fotovoltaico pregi e difetti

Fotovoltaico pregi e difetti

Con il fotovoltaico infatti viene naturale creare una fitta rete di produzioni energetiche locali, autonome ed indipendenti che utilizzano una fonte energetica:

  • abbondante,
  • infinita,
  • a costo zero
  • e spontaneamente disponibile in natura.

Nonostante questo enorme sviluppo i detrattori delle fonti rinnovabili ancora esprimono i loro dubbi sull’utilità e sulla potenza di questa innovativa tecnologia pulita.

Ecco una breve lista che mostra i punti di forza, i pregi, ed i difetti di questa tanto potente quanto controversa tecnologia.

Fotovoltaico, pregi e difetti sono “misurabili” sia sul sistema energetico complessivo, che sul bilancio di singole famiglie, imprese e società di business.

 

I pregi del fotovoltaico

A livello di sistema energetico

  • Generazione distribuita: tanti piccoli impianti anzichè pochi grandi consente meno dispendìo energetico e la prossimità tra i luoghi della produzione e del consumo.
  • Risparmio energetico
  • Zero emissioni
  • Zero esternalità negative sull’ambiente: tutti i materiali sono riciclabili.
  • Zero costi di importazione delle materie prime
  • Nessuna dipendenza energetica dagli esportatori di materie prime (Gas, carbone, petrolio, uranio, ecc…)
  • Risorsa infinita, gratuita e rinnovabile (il sole).
  • La produzione fotovoltaica segue la curva della domanda. Cioè: di giorno, quando sono in essere la maggior parte dei consumi, il fotovoltaico produce di più mettendo a disposizione grandi quantità di energia a basso costo.

A livello di utenza (famiglie, imprese e reti locali)

  • Risparmio economico in bolletta (riduzione delle bollette)
  • Autoproduzione energetica
  • Risparmio energetico
  • Costo di produzione del kwh minore di due terzi rispetto ai costi in bolletta: in Italia il kwh prodotto dal fotovoltaico costa non più di 8 centesimi (che con le detrazioni fiscali arriva a 4 cent/kwh), mentre in bolletta il kwh costa tra 20 e 30 centesimi.

 

I difetti del fotovoltaico

  • Bassa efficienza di conversione: i classici pannelli fotovoltaici raggiungono un efficienza di conversione del 20%. Cioè: solo il 20% dell’irradiazione solare ricevuta viene effettivamente convertita in elettricità. Per questo gli impianti fotovoltaici hanno ancora bisogno di estese superfici.
  • Costi di investimento iniziali. Per i piccoli impianti in Italia è di almeno 2mila euro al kw
  • Intermittenza della produzione di energia (sole, pioggia, notte, inverno, ecc..)
  • Non prevedibilità della produzione, legata al tempo atmosferico.
  • Superfici occupate: i pannelli occupano una superficie di almeno 7 metri quadrati per kw, su tetto a falda. A terra almeno 10 metri quadrati per kilowatt.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


4 Commenti

  1. Alberto, il 10 aprile 2014 ore 15:43

    Sicuro che siano 37000 MW? A me risultano 17.000 MW solo in Italia…

    • Alessandro F., il 10 aprile 2014 ore 18:50

      Hai ragione, probabilmente si intendeva la quantità di energia, non la potenza. Cioè: Mwh anzichè MW.
      Sul sito del gse figurano circa 37000 Megawattora prodotti..

  2. Antonio, il 23 agosto 2014 ore 18:25

    L’impianto fotovoltaico installato , con Pannelli solari Sunpower,Inverter Aurora PVI-4.2-TL-OUTD-S:SPR, interrutore EATON PKN4-25/IN C/02 A, contaproduzione Enel , presenta la seguente anomalia: in presenza di scariche temporalesche si spegne e per farlo funzionare , devo intervenire manualmente, il costruttore afferma che non può fare nulla ! Cosa mi consigliate ?, grazie

  3. antonio, il 12 settembre 2014 ore 17:41

    c’è qulche buona anima che mi può dare aiuto ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.