Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Autonomia energetica col fotovoltaico, questo il nuovo paradigma

24 settembre 2013
Voto:4/5 (5 voti)

Oggi il fotovoltaico è conveniente se è in grado di aumentare l’autonomia energetica domestica o aziendale attraverso l’autoproduzione.

E’ l’autoproduzione, infatti, il fattore di maggiore risparmio per l’utente elettrico: con l’autoproduzione/autoconsumo si riduce la bolletta elettrica tanto da ripagare nel tempo le spese sostenute per l’acquisto dell’impianto fotovoltaico.

Nell’era del dopo incentivi investire in un impianto fotovoltaico diventa un’operazione conveniente se fatta per far fronte ai reali bisogni energetici dell’utente. Non è più una questione puramente di business, ma di risparmio in rapporto alle bollette energetiche. Se prima, con lauti incentivi, il fotovoltaico era un investimento redditizio anche senza autoconsumo, oggi diventa conveniente nella misura in cui viene utilizzato a supporto dei consumi domestici o aziendali.

Il fotovoltaico oggi risulta tanto più conveniente quanto aumenta il livello di autonomia energetica dell’utente.

L’obiettivo più redditizio non è più la produzione di energia, con le conseguenti immissioni in rete, ma l’autoproduzione di energia, con le conseguenti riduzioni di spesa sulle bollette elettriche. L’energia prodotta per l’autoconsumo è la base di un nuovo paradigma energetico che vede superati i vecchi modelli produttivi policentrici. Superati dal nuovo modello della generazione distribuita, energia pulita autoprodotta e scambiata su scala locale.

La questione dell’autonomia energetica attraverso l’autoproduzione da fonti rinnovabili, fotovoltaico e non solo, sta diventando un argomento caldo per via del continuo aumento del prezzo dell’energia e di tutti i costi ad essa connessi per il trasporto, la distribuzione, il dispacciamento, le imposte, ecc.. In una situazione in cui meno della metà di quanto paghiamo in bolletta è il costo “puro” dell’energia elettrica, l’autonomia energetica diventa un argomento di particolare interesse, per le piccole come per le grandi utenze perchè permette di usufruire di energia bypassando tutte quelle spese associate al suo acquisto.

autonomia energetica fotovoltaico

 

L’autonomia energetica e l’importanza dell’ottimizzazione

Se la chiave del buon esito dell’investimento è l’autoconsumo, l’ottimizzazione dell’autoconsumo diventa di cruciale importanza. Come ottimizzare l’autoconsumo con un impianto fotovoltaico?

Ci sono diverse tecnologie che ci permettono di autoconsumare di più per ridurre la bolletta, ma il primo fattore è l’abitudine di consumo. Semplicemente spostando, ove possibile, i propri consumi nelle ore di produzione dell’impianto, si potrà attingere direttamente dal proprio sistema in funzione, autoconsumando nel momento stesso della produzione la “propria” energia. Già con questo piccolo accorgimento sulle abitudini di consumo si potrà ottimizzare l’utilizzo del proprio impianto fotovoltaico a vantaggio del proprio portafoglio.

Dove non possono arrivare le abitudini di consumo possono arrivare le tecnologie e la domotica: esistono a tal proposito apparecchi, comandati da una centralina elettronica, in grado di attivare elettrodomestici in automatico al presentarsi di determinate condizioni. Ad esempio se l’impianto produce abbastanza da far funzionare una lavatrice, la centralina attiverà in automatico l’elettrodomestico pre-programmato per sfruttare al momento l’energia prodotta dal fotovoltaico.

Dove non può arrivare la centralina elettronica può arrivare un adeguato sistema di accumulo. Di sera, per esempio, quando l’impianto fotovoltaico non produce elettricità, per utilizzare l’energia prodotta si potrà fare ricorso a delle batterie in grado di “restituire” l’energia autoprodotta nelle ore diurne. E’ questo il vantaggio principale dei sistemi di accumulo, già da qualche tempo incentivati in Germania: rendere disponibile la “propria” energia anche di sera o di notte quando nelle case viene consumato il maggior quantitativo di energia.

Leggi qui 4 regole per massimizzare il rendimento dell’impianto fotovoltaico.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.