Il calcolo della produzione da fotovoltaico

4 dicembre 2012

Realizzare, o decidere di realizzare, un impianto fotovoltaico, specie se utilizzato per l’ auto-produzione di energia pulita, comporta il saper calcolare con maggiore precisione possibile l’energia che il proprio impianto fotovoltaico andrà a produrre. Il calcolo della produzione del fotovoltaico è fondamentale anche per garantirsi l’ottimale rientro economico dall’investimento.

 

Come avviene il calcolo della produzione di un impianto fotovoltaico ?

Per fare un calcolo preciso della produzione , con il maggior grado di attendibilità possibile, i fattori da tenere in considerazione sono molteplici: si va dal posizionamento dei pannelli alla qualità dei moduli fotovoltaici, al livello di pulizia.

Per fare una lista non esaustiva possiamo citare alcuni elementi utili al calcolo della produzione.

Tra i fattori “esterni” ci sono:

  • latitudine di installazione;
  • inclinazione: per ogni latitudine c’è una inclinazione ottimale dei pannelli, in Italia l’inclinazione ottimale è di circa 30°, un po’ di più al nord, un po’ di meno al sud. Più si sale di latitudine più i pannelli saranno posizionati “in verticale”;
  • orientamento: l’ottimale è ovviamente verso sud. Ma sono accettabili anche orientamenti tra est ed ovest. Per esempio un modulo fotovoltaico rivolto a sud-est o sud-ovest perderà circa il 5% della produzione. Un modulo fotovoltaico rivolto a est o a ovest perderà circa il 18% della produzione;
  • temperature medie di funzionamento: il pannello fotovoltaico diminuisce le sue performance all’aumentare della temperatura di funzionamento. Cìò che permette una “misura” delle perdite della produzione in funzione della temperatura è il calcolo del coefficiente di temperatura. Ogni laboratorio di produzione comunica il coefficiente di temperatura nella scheda tecnica di prodotto. La temperatura ottimale di funzionamento è in genere di circa 25°C;
  • pulizia: la presenza di polvere, terra o sporcizia può diminuire sensibilmente  la produzione del fotovoltaico;
  • ombreggiamenti: le ombre passeggere, anche se toccano parte dei pannelli, possono influire negativamente sull’intera produzione dei moduli fotovoltaici;
  • il livello di irradiazione solare medio dell’area in cui viene installato l’impianto.

calcolo produzione fotovoltaico

Tra i fattori “interni, di prodotto”, ci sono le perdite “di sistema”, perdite di produzione influenzate in parte dalla qualità dei prodotti:

  • perdite dovute all’inverter (circa l’8%)
  • perdite dovute ai componenti elettrici (circa 2%)
  • perdite dovute al collegamento in serie di più pannelli (il cd. “mismatching”, circa 3%)
  • calo della produzione dovuto all’invecchiamento dei moduli fotovoltaici: circa 0,75% l’anno. Con questo coefficiente i produttori garantiscono in genere una produzione minima sui 10 20 o 25 anni.

Questi sono i principali fattori da tenere in considerazione per il calcolo della produzione del fotovoltaico.

 

Calcolo produzione fotovoltaico : simulatore ufficiale on line

Ovviamente, per facilitare il tutto e per avere delle cifre di massima, anzi di “minima”, sulla produzione del tuo impianto fotovoltaico vengono in soccorso numerosi simulatori reperibili facilmente in rete.

Un simulatore permette, inserendo alcuni dati sull’installazione dell’impianto, di effettuare un veloce calcolo della produzione media che il mio impianto fotovoltaico potrà avere negli anni. Sono ovviamente delle stime. Sono stime realistiche, però, perchè si basano su dati e tabelle istituzionali contenenti i dati di irraggiamento e di produttività per tecnologia di modulo fotovoltaico.

Il simulatore per eccellenza è il PVGIS, un simulatore, con mappa interattiva, curato dall’ ESTI, European Solar Test Installation, laboratorio e centro di ricerca della Commissione Europea sul fotovoltaico.

Il simulatore PVGIS restituisce, a detta degli installatori, cifre di produzione da fotovoltaico minori rispetto ai reali dati di produzione registrati empiricamente. Il simulatore PVGIS è quindi un buon indicatore dell’energia “minima” producibile dagli impianti fotovoltaici.

Per il calcolo della produzione da fotovoltaico il simulatore attinge da un database di irradiazione e utilizza i seguenti dati di input:

  • località di installazione
  • tipo di modulo fotovoltaico (Silicio cristallino, CIS, CdTe, film sottile). Ricordiamo che il film sottile, per esempio, è una tecnologia che ha bisogno di superfici maggiori, ma è in grado di produrre anche in condizioni di luce diffusa, di scarsa luminosità o con orientamento e inclinazione dei moduli non ottimali);
  • potenza dell’impianto installato o da installare
  • perdite di sistema stimate., i genere in totale attorno al 14%
  • tipo di installazione (a terra o su edificio)
  • inclinazione (in gradi) e orientamento (nord-sud) dei pannelli fotovoltaici

Con questo simulatore è possibile fare un calcolo della produzione del fotovoltaico installato o da installare. Con queste stime minime di produzione è possibile calcolare poi il proprio piano di ammortamento in relazione al tipo di incentivo ed al tipo di utilizzo dell’energia prodotta.

 

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro F. blogger fotovoltaicoAlessandro F.
blogger e micro-editore indipendente, specializzato in fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Se vuoi vendere o acquistare progetti o impianti fotovoltaici, vai al marketplace fotovoltaico.


Un commento

  1. Fabio il 2 gennaio 2013 ore 19:52

    Buongiorno!
    Uno strumento rapido e semplice per stimare la produzione di un impianto fotovoltaico è integrato nel programma FV Plan http://www.reghellin.it/fvplan/input_fvplan_quinto.php

    Se a fotovoltaiconorditalia.it interessa una versione personalizzata basta che contatti l’autore.
    Buon 2013!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.