Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Tetto in eternit e amianto : bonificare e smaltire col fotovoltaico

10 febbraio 2011

Devi bonificare il tuo tetto in eternit e smaltire l’ amianto? Gli impianti solari fotovoltaici realizzati sugli edifici , se realizzati in regime di scambio sul posto , possono usufruire di migliori condizioni di incentivo se realizzati a seguito di bonifica e smaltimento di tetti in eternit o contenenti amianto.

Con il conto energia 2011, terzo conto energia, queste tipologie di impianto infatti possono beneficiare di un premio aggiuntivo pari al 10 per cento della tariffa incentivante base riconosciuta dal Gestore dei servizi energetici (gse).

A quali condizioni viene riconosciuto il premio?

Per ottenere la maggiorazione del 10 per cento sulle tariffe base riconosciute per gli impianti installati sugli edifici, le installazioni fotovoltaiche devono essere poste in sostituzione di coperture in eternit o comunque contenenti amianto e devono essere associate alla scelta del servizio di scambio sul posto.

L’impianto deve essere stato installato dopo l’agosto 2010 e l’intervento di smaltimento dell’eternit e/o dell’amianto deve essere contestuale all’installazione dell’impianto stesso.

L’opera di rifacimento del tetto deve riguardare l’intera superficie presente o comunque una porzione omogenea a quella coperta dall’installazione fotovoltaica.

L’Azienda Sanitaria Locale deve rilasciare il certificato di smaltimento dell’ eternit o amianto. Certificazione che deve essere inviata al Gse.

Il tutto deve essere corredato di documentazione fotografica attestante la situazione prima e dopo l’intervento sulla copertura.

La superficie occupata dall’impianto fotovoltaico deve essere inferiore o uguale alla superficie bonificata dall’eternit e/o amianto, ma per questo criterio è ammessa una tolleranza del 10 per cento.

Quando viene riconosciuto il premio?

Il premio è riconosciuto dall’anno solare successivo alla data di presentazione della richiesta, per il periodo residuo di diritto alla tariffa incentivante.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.