Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Cresce ancora la febbre della Terra

25 marzo 2015
  - Articolo scritto da  Daniela Z.

Continua la corsa al rialzo, pericolosa e incontrollabile, delle temperature del nostro pianeta. Lungi da noi fare facili allarmismi, ormai è un dato di fatto, supportato da studi concreti e attendibili. L’ultimo in ordine di tempo è stato realizzato negli Usa da un centro governativo e pubblicato sul Nature Climate Change. Cosa ci raccontano gli studiosi? Niente che possa farci stare allegri: infatti secondo la ricerca la temperatura del pianeta è salita molto più velocemente negli ultimi 35 anni rispetto ai secoli precedenti e continuerà ad accelerare almeno fino al 2020.

Secondo la ricerca del Pacific Northwest National Laboratory che analizza i cambiamenti a breve termine, emerge che dal 1971 il cambiamento ha un tasso di variazione più rapido di quello di tutti i periodi precedentemente presi in analisi. Per poter dire questo con certezza, è stato creato un modello informatico chiamato Coupled Model Intercomparison Project e purtroppo anche le previsioni future non regalano niente di buono.

Poniamo il caso che  i gas serra venissero improvvisamente ridotti di molto, il riscaldamento globale non frenerebbe in nessun modo la sua corsa per i prossimi anni.

i costi dei cambiamenti climatici

Abbiamo più volte parlato di quello che è un tema molto sentito dagli scienziati, e cioè non solo di come migliorare la situazione drammatica già in atto, ma anche di come adattarsi nel modo migliore e meno traumatico a quelli che sono cambiamenti inevitabili e a cui non possiamo più sottrarci: è ovvio che diventa sempre più importante riuscire a farlo.

Passiamo alle cifre: in 40 anni la temperatura globale aumenterà in toto di 1 grado. Poco male, penserete voi: e invece no, perché un aumento di 1 grado porta alla desertificazione e allo scioglimento dei ghiacci. Un aumento di 2 gradi, che potrebbe verificarsi entro il 2060, cambierebbe decisamente la faccia del nostro Pianeta facendo collassare gli attuali delicati equilibri e l’ecosistema.

Se i ghiacci si sciolgono, non sono più in grado di riflettere il calore, contribuendo a far sì che il pianeta sia sempre più caldo. Aumenteranno, anzi lo stanno già facendo, i fenomeni come inondazioni ed eventi climatici estremi. Insomma, quelli della meteorologia più estrema. Non finisce qui: nei ghiacci sono intrappolati i gas serra e molecole di biossido di carbonio che, con lo scioglimenti dei ghiacciai, ritornerebbero in atmosfera e contribuirebbero a rendere la situazione estremamente peggiore.

Continuando così potremmo arrivare ad aumenti di mezzo grado ogni dieci anni. E’ quindi necessario che i Governi intervengano, che ognuno di noi capisca quale fardello portiamo sulle spalle e che se continuiamo così toglieremo ai nostri figli “la terra da sotto ai piedi”.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.