Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Fotovoltaico e ristrutturazioni per l’ efficienza energetica

30 marzo 2010

Qualificazione energetica degli edifici e fotovoltaicoIl meccanismo incentivante del conto energia per la diffusione e promozione dei sistemi fotovoltaici prevede un ulteriore vantaggio; ulteriore rispetto alle previste tariffe incentivanti attribuite dal Gse , il Gestore dei Servizi Enegetici, per la sola produzione di energia dal sole.
Si tratta di un ‘premio‘ per chi decide di ristrutturare il proprio edificio con i criteri del risparmio energetico.

Questo ulteriore incentivo, cumulabile con l’attribuzione delle tariffe incentivanti, è rivolto a chi si serve della modalità dello scambio sul posto ed ha intenzione, in concomitanza o dopo l’installazione del proprio impianto, di sottoporre il proprio edificio ad opere di miglioramento delle prestazioni energetiche in funzione dell’efficienza e del risparmio energetico.

Operativamente la procedura è la seguente: il proprietario dell’edificio fa fare un attestato di certificazione energetica iniziale, che contiene le indicazioni di possibili interventi tesi a ridurre il consumo energetico. Dopo l’entrata in esercizio del proprio impianto fotovoltaico (o in concomitanza con esso) il proprietario effettua gli interventi proposti nella certificazione energetica iniziale per ridurre di almeno il 10 percento l’indice di prestazione energetica. Effettuate le opere di miglioramento, il tutto deve essere ulteriormente certificato mediante una seconda relazione tecnica attestante il nuovo indice di qualificazione energetica dell’edificio.

Di fatto il premio si configura come una maggiorazione della tariffa incentivante, maggiorazione determinata in relazione alla percentuale di riduzione del fabbisogno energetico: se ad esempio gli interventi attuati hanno come effetto una riduzione del 20% dei consumi, ovvero una riduzione del 20% del fabbisogno di energia elettrica totale, la tariffa incentivante sarà incrementata del 10%, ovvero della metà dell’indice di riduzione energetica.
L’incremento della tariffa incentivante non può però eccedere il 30% della tariffa stessa, ma è fissata e riconosciuta per tutti e venti gli anni previsti dal conto energia (o per gli anni residui nel caso in cui l’intervento avvenga tempo dopo l’installazione fotovoltaica).

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro Fuda – Copy Writer e SEO Developer appassionato di fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Clicca per richiedere una consulenza o un preventivo


2 Commenti

  1. Pasquale D'Ario, il 24 maggio 2013 ore 06:44

    premio oltre a contributo GSE ;
    ho installato e attivato i pannelli il 28 dicembre 2010 e successivamente ho cambiato i serramenti oltre alla realizzazione di un cappotto esterno.
    Sia per i serramenti che per il cappotto, sto usufruendo della detrazione del 55%. Da quanto ho capito, non posso chiedere il premio al GSE per il risparmio energetico, in quanto avrei già usufruito del 55%.
    Ho capito bene?
    Qualcuno può confermarmi questa mia interpretazione?
    grazie

    • Alessandro, il 25 maggio 2013 ore 00:10

      E’ esatto confermo, prego ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.