Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio
Sei un installatore? Cerchi nuovi clienti? Scopri ora il nostro servizio

Tag: emissioni co2

Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica

30 maggio 2016
Nrel, quanto la diffusione del solare fa bene alla salute pubblica
E’ possibile quantificare i benefici ed il risparmio economico che il fotovoltaico, e le fonti rinnovabili in genere, potrebbero apportare alla collettività? Se può essere un po’ difficile ipotizzare i benefici diretti, di sicuro possiamo individuare con certezza il costo, evitabile, dei danni provocati dalle fonti fossili: inquinamento, bonifiche, salute pubblica e sanitaria, catastrofi climatiche. Sappiamo che l’utilizzo eccessivo delle fonti fossili ha precisi costi sociali, che mai vengono contemplati nella pianificazione delle politiche di sviluppo e che sempre vengono scaricati sulla collettività. Sappiamo, per esempio, che se il kwh prodotto dal carbone contemplasse anche il costo delle conseguenze sociali e ambientali, il prezzo dell’energia prodotta dal carbone sarebbe il quadruplo del prezzo attuale ed il triplo rispetto all’attuale costo di produzione del kwh fotovoltaico. Secondo lo stesso principio (cioè considerando i costi socio-ambientali accollati alla collettività) la benzina costerebbe circa un euro in più al litro.   A...

Leggi tutto »

Riscaldamento globale: Nasa, aprile 2016 il più caldo di sempre

23 maggio 2016
Riscaldamento globale: Nasa, aprile 2016 il più caldo di sempre
Ormai è un record dietro l’altro: secondo le rilevazioni NASA le temperature globali segnano ormai da parecchi mesi sempre nuovi record rispetto agli stessi mesi degli anni precedenti. Il riscaldamento globale, ormai, non è più un’opinione di alcuni scienziati, ma un fatto concreto, misurabile e riscontrabile in maniera inequivocabile dai dati rilevati di anno in anno da organi ufficiali quali, appunto, la Nasa con rilevatori sparsi un po’ su tutto il Pianeta. Di quanto è aumentata la temperatura globale negli ultimi mesi rispetto agli anni precedenti? Ecco qualche numero per avere un’idea: ottobre 2015: +1,07 °C novembre 2015: +1,01 °C dicembre 2015: +1,10 °C gennaio 2016: +1,11 °C febbraio 2016: +1,33 °C marzo 2016: +1,26 °C aprile 2016: +1,11 °C Questi sono gli incrementi globali di temperatura mese per mese rispetto alle medie degli anni precedenti. Visti gli andamenti dei primi quattro mesi del 2016, secondo Gavin Schmidt –...

Leggi tutto »

Assorinnovabili, 3 azioni per dare valore alla sostenibilità ambientale

9 maggio 2016
Assorinnovabili, 3 azioni per dare valore alla sostenibilità ambientale
Il tema dello sviluppo e della crescita economica è sempre più intrecciato con quello della sostenibilità ambientale: non ha più senso oggi parlare di crescita economica e “industriale” senza parlare di crescita della tutela dell’ambiente e del clima sempre più colpito da riscaldamento globale. Quella che stiamo attraversando, forse per la prima volta nella storia, è una situazione che riguarda non solo singoli paesi, ma l’intera comunità internazionale. Le soluzioni, dunque, dovranno essere comuni e condivise, altrimenti “soluzioni” non saranno. Assorinnovabili, nel suo recente documento “Rilanciare l’industria valorizzando la sostenibilità ambientale”, rinnova l’idea che oggi, in un’economia ormai totalmente globalizzata, la competitività industriale non passa dall’abbassare i nostri standard ambientali (che sono tra i più elevati al mondo), quanto piuttosto dall’innalzare quelli dei paesi extraeuropei a basso costo produttivo. Si parla, ovviamente, non solo di “standard ambientali”, ma anche di “standard sociali”. Da qui il sostegno di Assorinnovabili per...

Leggi tutto »

In Italia aumento di emissioni di Co2, allarme dell’Ispra

22 aprile 2016
In Italia aumento di emissioni di Co2, allarme dell’Ispra
Secondo uno studio dell’Ispra, “Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale”, in Italia nell’ultimo anno le emissioni di gas serra hanno ricominciato a crescere. Conseguenza della lieve ripresa economica? Forse. Di sicuro il dato mostra che, anche se di ripresa si tratta, l’energia prodotta continua ad essere per lo più prodotta da fonti inquinanti. A dimostrarlo sono le continue politiche di dis-incentivo alle rinnovabili ed il relativo perenne caos normativo che grava sull’intero comparto. Gli investimenti in rinnovabili sono le principali vittime di questa instabilità e incertezza normativa. Le attuali politiche sono i principali carnefici. L’Ispra ha recentemente diffuso l’inventario delle emissioni di gas-serra rilevati nel 2014 ed ha rese note anche le stime relative al 2015. Ciò che emerge è un quadro in peggioramento. Un livello di emissioni di CO2 che ricomincia a crescere dopo che, per diversi anni, aveva avuto importanti e significative riduzioni. Le...

Leggi tutto »

Costa Rica, un esempio da cui imparare

8 aprile 2016
Costa Rica, un esempio da cui imparare
Il Costa Rica è un piccolo paese in grado di fare grandi cose. Ha molto da insegnare, non solo all’Italia, ma anche a Paesi che tradizionalmente si mostrano più sensibili all’ambiente ed alle fonti rinnovabili. E’ un piccolo paese, di soli 51mila Kilometri quadrati ed una popolazione di quasi 5 milioni di abitanti, situato tra Panama ed il Nicaragua, paese ricco di risorse naturali e, secondo la graduatoria “Happines in Nations 2000-2009”, al primo posto per la felicità media della popolazione. Cosa contraddistingue questo piccolo-grande Paese? Dopo aver abolito l’esercito nel 1949, oggi ha praticamente abolito l’uso dei combustibili fossili nell’ambito della produzione di energia elettrica. L’energia prodotta in Costa Rica è stata lo scorso anno quasi interamente prodotta da fonti non inquinanti: acqua, sottosuolo, sole e vento. Oltre il 25 per cento del territorio nazionale è protetto da parchi nazionali e l’intero fabbisogno di energia elettrica è prodotto...

Leggi tutto »

17 aprile, un appuntamento speciale per fermare le Trivelle

6 aprile 2016
17 aprile, un appuntamento speciale per fermare le Trivelle
Tra pochissimi giorni ci sarà il referendum sulle Trivelle. Ancora una volta in Italia, anzichè parlare di fonti rinnovabili e sostenibilità ambientale e turistica, ci ri-troviamo a discutere di trivellazioni offshore, concessioni petrolifere, “lobby fossile”, petrolio, gas metano. Anzichè parlare di quanti posti di lavoro e quanto “indotto” potrebbe creare (e in parte ha già creato) il settore delle energie pulite, ci ritroviamo a parlare di quanto lavoro crea una piattaforma petrolifera: circa 500 posti contro le centinaia di migliaia del comparto delle energie sostenibili. L’industria “centralizzata” delle multinazionali, contro l’economia diffusa e partecipata delle fonti rinnovabili e della generazione distribuita. Se le rinnovabili sono il futuro, perchè continuare ad investire sulle fossili? Con il referendum del 17 aprile viene chiesto di cancellare la norma che permette alle compagnie petrolifere di continuare a trivellare a tempo indeterminato entro le 12 miglia marine dalle coste italiane (circa 21 Km). La...

Leggi tutto »

Anche Obama ferma le Trivelle off-shore sulle coste USA.

4 aprile 2016
Anche Obama ferma le Trivelle off-shore sulle coste USA.
Trivellazioni off-shore e sfruttamento delle fonti fossili. La compagnia petrolifera Shell in Alaska “ha tirato i remi in barca” già un anno fa. Lo scorso Ottobre Barack Obama ha annullato una serie di concessioni riguardanti lo sfruttamento dei giacimenti fossili marini al largo delle coste USA. Le trivellazioni in Artico per la produzione di Petrolio hanno costi molto più alti del costo del barile: si parla di circa 80 a 20. Quando parliamo sfruttamento di idrocarburi parliamo essenzialmente di due cose: Petrolio e Gas. Le Trivelle sono oggetto di discussione, in questi tempi, non solo in Italia, ma anche oltre oceano. In effetti le tematiche sollevate dalle trivellazioni riguardano modelli energetici globali che non possono prescindere da riflessioni di rilevanza internazionale. Tra le conseguenze di una “nuova sensibilità internazionale alla questione climatica” ci sono anche queste. Obama, in effetti, a parole si è già dimostrato più volte abbastanza aperto...

Leggi tutto »