L’ IVA sugli impianti fotovoltaici

27 agosto 2013

L’ IVA sugli impianti fotovoltaici è al 10 o 21% ?
L’ IVA sull’acquisto e installazione di un impianto fotovoltaico è agevolata al 10%.

Il capitolo legato alle spese da sostenere per le imposte dirette e per l’IVA sugli impianti fotovoltaici è tra quelli che interessano di più coloro che stanno valutando la possibilità di realizzare un nuovo impianto. La disciplina dettata dal Fisco è piuttosto articolata e sostanzialmente calibrata sulla natura fiscale del responsabile dell’impianto: principalmente il regime IVA differisce se l’acquirente è un privato o un’azienda.

Il legislatore, dicevamo, ha previsto in linea generale un’aliquota agevolata del 10% per l’ IVA sugli impianti fotovoltaici. La norma di riferimento è contenuta nel DpR 633/72, che all’art. 127 quinquies stabilisce l’applicabilità della tariffa ridotta alle spese sostenute per l’acquisto o la realizzazione, tra gli altri, di “impianti di produzione e reti di distribuzione calore-energia e di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica ed eolica”.

 

iva impianti fotovoltaici

 

Allargando l’orizzonte alle altre imposte e considerando la complessiva disciplina fiscale del fotovoltaico si nota che questa presenta importanti differenze a seconda della natura del soggetto che procede all’installazione. Per ciò che riguarda il regime di detraibilità dell’IVA è intervenuta una pronuncia dell’Agenzia delle Entrate che, con la Circolare 46/E del 10 luglio 2007 ha stabilito che l’imposta risulta deducibile nei casi in cui la presenza dell’impianto sia dovuta all’esercizio di un’attività d’impresa, di un’arte o di una professione; nei casi in cui l’impianto sia stato realizzato per uso privato, invece, l’imposta risulterà non detraibile (in tutto o in parte).

Il vantaggio più evidente derivante dall’applicazione dell”aliquota IVA agevolata al 10% sulle spese di realizzazione degli impianti fotovoltaici si concretizza in un risparmio economico chiaro ed evidente pari all’11% dell’imposta dovuta rispetto a quanto risulterebbe dall’applicazione della tariffa ordinaria, attualmente del 21%. Questo vantaggio va ad aggiungersi agli altri legati allo sfruttamento dell’energia del sole, come una sensibile riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera e la conseguente salvaguardia dell’ambiente a tutto vantaggio delle generazioni future.

Usufruire della tariffa agevolata dell’IVA sugli impianti fotovoltaici costituisce un ulteriore buon motivo per passare al fotovoltaico e si giustifica con l’obiettivo generale, promosso da istituzioni nazionali e internazionali, di favorire l’adozione di sistemi alternativi di produzione dell’energia in grado di sfruttare le fonti rinnovabili.

Discorso diverso è invece per i proventi ricevuti dalla vendita di energia fotovoltaica al gse e per una parte del contributo dello scambio sul posto (le “eccedenze”).  Se l’impianto non ha finalità commerciale ed è sotto i 20 Kw il titolare potrà non pagare l’iva sui proventi ricevuti. Se l’impianto ha carattere commerciale i pagamenti ricevuto dalla vendita di energia saranno soggetti a tassazione IVA.

Per approfondimenti sul regime fiscale riservato all’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici leggi:

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro F. blogger fotovoltaicoAlessandro F.
blogger e micro-editore indipendente, specializzato in fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Se vuoi vendere o acquistare progetti o impianti fotovoltaici, vai al marketplace fotovoltaico.

p5rn7vb


Se ti è piaciuto l'articolo, ti possono interessare anche:

Fotovoltaico: nel 2014 arriva a 45 gigawatt nel mondo
Quando viene pagato lo scambio sul posto fotovoltaico
Mettere il fotovoltaico è conveniente?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.Oppure, se non vuoi inviare un commento, clicca qui per rimanere aggiornato sugli sviluppi di questa discussione.