Il costo di un impianto fotovoltaico: quanto al kw?

14 maggio 2014

Il costo di un impianto fotovoltaico è calato molto negli ultimi anni. Oggi in Italia il prezzo non è più paragonabile a quello che era solo qualche anno fa: si è passati da più di 7mila euro al kw “chiavi in mano” di 4 anni fa a meno di 3mila euro/kw per un piccolo impianto fotovoltaico. Alcune soluzioni “chiavi in mano” raggiungono (perlomeno sulla carta) i 2.000 €/kw.  In ogni caso: il costo del fotovoltaico si è ridotto di quasi due terzi in quattro anni anche e soprattutto per via della forte concorrenza asiatica sul prezzo dei pannelli fotovoltaici e degli inverter al ribasso sul mercato internazionale.

Per realizzare il proprio impianto fotovoltaico domestico sul tetto di casa, un impianto “standard” da 3 kw di potenza e 25 metri quadrati di tetto, oggi è sufficiente sborsare meno di 7 mila euro+IVA per una installazione completa “chiavi in mano”. 7.000 euro: meno di quanto una famiglia media possa spendere per una macchina o per alcuni elettrodomestici.

 

Mettere il fotovoltaico con questi costi conviene come prima?

Finchè ci sono le detrazioni fiscali 50%, sì.
Conviene esattamente come conveniva installare con gli incentivi del conto energia (oggi terminati).

Nonostante ciò la maggiore o minore convenienza dipende non solo dalle detrazioni fiscali, a cui possono accedere le persone fisiche che installano il fotovoltaico al servizio di casa, ma anche da quanto riesco ad autoconsumare l’energia prodotta.

La convenienza del fotovoltaico a questo costo dipende anche da altri fattori:

  • dal profilo di consumo famigliare,
  • dal tipo di convenzione stipulata col Gse (gestore dei servizi energetici),
  • da quanta energia sono in grado di utilizzare nel momento stesso della produzione dell’impianto fotovoltaico

Una maggiore convenienza, dunque, dipende da quanto riesco effettivamente a ridurre la bolletta elettrica ed a trarre benefici immediati dall’energia prodotta. Il costo lordo del kwh pagato in bolletta è mediamente di 0,20-0,27 €/kwh e sui 20 anni (periodo minimo di produzione dell’impianto) tenderà ad aumentare di almeno il 20%. Il fotovoltaico conviene dunque nella misura in cui riesco a ridurre i prelievi di rete.

Sui vantaggi economici di un impianto fotovoltaico abbiamo già scritto in diversi altri articoli, però uno dei fattori che maggiormente determina il ritorno economico dall’investimento è il costo dell’ impianto fotovoltaico. L’installazione, infatti, procurerà all’utente un risparmio economico che per i primi anni contribuirà a ripagare i costi di installazione e per gli anni successivi garantirà un ulteriore guadagno/risparmio.

La novità rispetto a qualche anno fa, per ciò che concerne il costo di un impianto fotovoltaico, è una situazione di mercato in cui l ‘oversupplay (letteralmente: la “sovrapproduzione”) è ancora molto elevata a livello globale. Cosa è l’oversupply? Letteralmente: “over-fornitura”. In altri termini: un eccesso mondiale di offerta di pannelli fotovoltaici rispetto alla domanda effettiva. Questa situazione, che oggi sta riacquistando un suo equilibrio, ha contribuito fino ad oggi a diminuire il costo di un impianto fotovoltaico.

Oggi una installazione completa “chiavi in mano” costa in Italia mediamente 2.350 euro per kw installato, anche se si trovano già offerte da 2.000 euro al kw per i piccoli impianti (senza batterie per l’accumulo domestico dell’energia prodotta).

 

costo impianto fotovoltaico

Il costo di un impianto fotovoltaico, da cosa è condizionato?

Il mercato del fotovoltaico è un mercato ancora relativamente giovane sullo scenario internazionale. L’Italia, dopo Germania e Spagna, è tra i pionieri del suo grande sviluppo: nel 2011-2012, infatti, ha raggiunto il primato mondiale in termini di nuovo installato. E ciò è avvenuto grazie agli incentivi tra i più generosi al mondo che hanno attirato anche numerosi investitori internazionali.

Un mercato ancora relativamente giovane a livello mondiale, d’altro canto, porta ad una certa instabilità fisiologica: da un lato c’è il reciproco adattamento costante tra livelli effettivi di domanda globale ed offerta di impianti fotovoltaici. Dall’altro una sorta di guerra commerciale dei prezzi tra i paesi coinvolti in questo mercato (emergente): il costo di un impianto fotovoltaico, infatti, è in molti casi ancora molto condizionato dalla presenza di politiche incentivanti in diversi paesi e dall’elevata concorrenza internazionale.

Solo per fare un esempio “estremo”: nel caso della Cina, il governo si è spinto a sovvenzionare in prima persona le imprese produttrici abbassando enormemente il costo di produzione e di vendita dei pannelli fotovoltaici. Il risultato qui in europa? Elevati livelli di importazione di prodotti dalla Cina, sempre più appetibili per i costi molto minori, e ulteriore crisi delle imprese europee che si sono trovate di fronte a prezzi di mercato troppo concorrenziali.
Oggi, con le politiche cd. “anti-dumping”,  l’europa ha messo mano al mercato imponendo delle soglie minime di prezzo sui prodotti di importazione dalla Cina. Tutto questo ha indotto un certo rallentamento ed una stabilizzazione dei livelli di prezzo del fotovoltaico in europa.

Cosa c’entra tutto questo con il costo del fotovoltaico?

Tornando a noi: l’instabilità del mercato sovvenzionato, la giovane età del mercato e la concorrenza internazionale di un settore che nasce già globalizzato, ha portato il costo di un impianto fotovoltaico ad una rapida de-crescita dei prezzi. L’eccessiva diminuzione dei prezzi sullo scenario europeo e statunitense, ha portato infatti all’imposizione di misure anti-dumping contro i prodotti cinesi. Questi infatti sono ad oggi i maggiori produttori ed esportatori mondiali di moduli fotovoltaici. Le misure anti-dumping, di fatto la possibilità di imporre dazi doganali ai prodotti cinesi e asiatici, ha frenato la caduta dei prezzi in europa.

“Tecnologie energetiche pulite, fotovoltaico, fonti rinnovabili: queste le leve per uno sviluppo sostenibile e consapevole. Il giornalismo ambientale e le nuove tecnologie sono ottimi strumenti di condivisione per tracciare nuove strade”

Alessandro F. blogger fotovoltaicoAlessandro F.
blogger e micro-editore indipendente, specializzato in fonti rinnovabili, fotovoltaico, risparmio energetico, ambiente

Se vuoi vendere o acquistare progetti o impianti fotovoltaici, vai al marketplace fotovoltaico.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.
Se non vuoi lasciare un commento, clicca qui per ricevere gli aggiornamenti dalla discussione.